GarganoManfredonia
Presidente e assessori regionali successivamente firmano con AdB la convenzione per la messa in opera del progetto e l’utilizzo del finanziamento europeo

Regione Puglia, 6 mln euro per monitoraggio e gestione rischio idrogeologico

Una struttura finanziata con i soldi delle Regioni Puglia(93%),Campania(2%),Basilicata(5%)

Di:

Bari. Novecentomila euro. E’ l’acconto,sul totale di 6 milioni di euro, versato pochi giorni fa dalla Giunta regionale all’Autorità di Bacino Puglia(AdB). Quest’ultima nel 2015 invia alla Regione 5 progetti in merito agli obiettivi di “Adattamento al cambiamento climatico,prevenzione e gestione rischi”. Programma che si collega al Por Puglia 2014-2020 denominato “Interventi di riduzione del rischio idrogeologico e di erosione costiera”.

Soggetto beneficiario è l’Autorità di Bacino pugliese,a cui la Regione delega le funzioni in materia di ambiente,energia e sicurezza del territorio. Nei primi mesi del 2016 i vertici di AdB trasmettono agli Uffici regionali la proposta “Attività di monitoraggio e strumenti operativi per la prevenzione e gestione dei rischi” per un importo complessivo di 6 milioni di euro.

Presidente e assessori regionali successivamente firmano con AdB la convenzione per la messa in opera del progetto e l’utilizzo del finanziamento europeo. Tra i lavori da svolgere ci sono : a) le azioni conoscitive per la migliore definizione dei modelli idrogeologici applicabili in ambiente carsico e conseguenti analisi in presenza del necessario coordinamento tra il Piano di gestione del rischio di alluvioni e il Piano stralcio di assetto idrogeologico dell’Autorità di Bacino d’Apulia; b) monitoraggio fisico del clima meteo-marino dei litorali pugliesi ai fini della conduzione integrata della zona costiera ; c) monitoraggio dei dissesti geomorfologici legati ai fenomeni naturali e antropici ai fini della mitigazione del rischio idrogeologico del territorio.

Operazioni da concludere entro il 31 dicembre 2018.

L’Autorità di Bacino Puglia nasce nel 2012,sede in Bari. Le sue competenze riguardano i sistemi idrografici regionali e quelli interregionali che fanno parte delle aree della Campania e della Basilicata, il governo dei bacini idrografici e delle risorse a essi collegati(fiume Ofanto),il coordinamento e controllo degli studi di pianificazione.

Una struttura finanziata con i soldi delle Regioni Puglia(93%),Campania(2%),Basilicata(5%).

Presidente dell’Autorità di Bacino,dal 2015, è l’avv. Giovanni Giannini nonchè assessore regionale ai Lavori Pubblici e Infrastrutture e Mobilità della Puglia,segretario generale il professor Rosario Di Santo. Il Collegio revisori dei conti formato da Marcello Danisi presidente,componenti Giuseppe Prezzano e Vittoria Lopez. Sono venti invece i membri del Comitato istituzionale,in rappresentanza delle Regioni Puglia e Campania e Basilicata, delle Province di Bari e Brindisi e Lecce e Potenza e Foggia e Avellino eccetera,dei vari assessorati all’Urbanistica, Ambiente e Agricoltura.

(A cura di Nino Sangerardi, autore del testo ‘Quello che i pugliesi non sanno’)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati