Manfredonia
Sabato 16 settembre 2017, ore 18.30

“Mare e legalità”, convegno a Manfredonia. C’è Dario Vassallo

Introduce: prof. Italo Magno. Interviene: Dario Vassallo

Di:

locandina evento

Manfredonia omaggia Angelo Vassallo “il sindaco pescatore” (foto-video)

Manfredonia. “Rispetto dell’ambiente e legalità: queste sono le risorse del domani per la costruzione di una nuova felicità e di una nuova economia”: questa la linea politica di Angelo Vassallo, sindaco del Comune di Pollica ucciso con 7 colpi di pistola – da ignoti -, il 5 settembre del 2010.

“Festa della Speranza” a cura dell’associazione “Manfredonia nuova”

Ieri, 5 settembre, in occasione del settimo anniversario dalla sua morte, si è svolta una ‘Festa della Speranza’ – presso il Centro Velico di Manfredonia -, organizzata dall’associazione Manfredonia Nuova, presieduta da Italo Magno . Magno ha voluto omaggiare la memoria del ‘sindaco pescatore’ con la piantagione di un albero per non dimenticare chi ha saputo donare tutto se stesso per delle giuste cause“. Ancora oggi è importante ricordare chi, come Vassallo, ha dedicato la sua vita alla rinascita della sua comunità con il suo contributo in ambito ambientalistico ( e non solo): Pollica, nel 2011, riuscì ad ottenere 5 bandiere blu di Legambiente e di Touring Club, unica città in tutta la penisola ed inoltre riuscì nel 2010 a far includere la dieta mediterranea tra i Patrimoni dell’Unesco.

Il fratello Dario Vassallo (che dovrebbe essere il prossimo 16 settembre a Manfredonia per un convegno,ndr) è impegnato da anni in progetti con cui si cerca di portare avanti i sogni di Angelo: tra gli altri ‘Pulizia dei Fondali Marini’ è stato premiato tra i 24 progetti provenienti da tutto il pianeta come il miglior nel 2016 e presentato alla Conferenza Mondiale sugli Oceani, (Our Ocean 2016) organizzata dall’allora Segretario di Stato John Kerry.

Dario Vassallo “Voglio darti un consiglio: non tornare, ti ucciderebbero un’altra volta”

Questa la lettera aperta di Dario a suo fratello Angelo: «Caro Angelo, sia pure a malincuore e sapendo che è impossibile voglio darti un consiglio: non tornare, ti ucciderebbero un’altra volta». È l’amara conclusione di una lettera aperta scritta da Dario Vassallo, fratello di Angelo, il sindaco-pescatore di Acciaroli in Cilento ucciso il 5 settembre di sette anni fa. Un delitto ancora irrisolto e che ha gettato un’ombra sulla località marina nota per la qualità del mare e la dieta mediterranea. Così, mentre la magistratura affida le residue speranze di scovare il colpevole sui risultati dei test del Dna a carico di 94 persone, Dario Vassallo lancia un durissimo atto di accusa nei confronti della politica campana ma anche di alcuni amministratori locali. «In questi 7 anni — scrive — il Cilento e questo nostro Paese sono precipitati sempre più in basso. Se tu tornassi non riconosceresti la tua Pollica e tantomeno Acciaroli, lì dove noi siamo cresciuti e diventati uomini è diventato tutto artificiale, come un parco divertimenti, suoni, rumori, cemento, tanto. Troppo cemento, puzza di fritture, soldi, alcool, droga costellano l’estate e “altri” la fanno da padrone. Il tuo sogno è stato venduto ad altri per un piatto di lenticchie, la tua Dieta Mediterranea viene trattata come una puttana che si da a tutti e che fa gli interessi di pochi e sempre gli stessi».

(A cura di Libera Maria Ciociola, Manfredonia 06.09.2017)

VIDEO FOTOGALLERY ANTONIO TROIANO

“Mare e legalità”, convegno a Manfredonia. C’è Dario Vassallo ultima modifica: 2017-09-12T10:45:44+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Lele69

    state tranquilli, il bello deve ancora venire…di quello che fate voi alla massa balocca non interessa nulla. Hanno ben altro a cui pensare..ci penserà il potere a propinare loro la giusta dose di droga sociale e lasciarli nel loro torpore.


  • Tritone

    Angelo amava sognare ad occhi aperti e tutte le opere da lui realizzate ne sono la prova . Dario ,suo fratello, porta avanti con grande dedizione le sue opere e la sua politica sana e onesta che ha fatto di Acciaroli (SA) la PERLA DEL CILENTO.
    Il PD a distanza di 7 anni non da’ ancora nessuna risposta sui mandanti dell’esecuzione a matrice camorristica e quasi lo vuol mettere nel dimenticatoio.
    Ma noi e tanti altri comuni con il convegno gli diamo il giusto valore che merita un uomo che e’ morto per lo Stato in nome della legalita’ e non e’ da meno a Falcone e Borsellino e tanti altri GIUSTI.


  • Nato sugli scogli

    Il PD in quei 7 anni ha distrutto la scogliera del villaggio dei pescatori di Manfredonia e il bello deve ancora venire.


  • nicola

    Quanta demagogia e ipocrisia . Comunque vedo, nelle foto, socialmente utile che al comune .., con una pala in mano . Visto tanta buona volonta’ potrebbe chiedere trasferimento nella squadra giardinieri. Dopo il grande caldo era prevedibile . Purtroppo prepariamoci al peggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi