Manfredonia
La questione dei beni comuni, e in particolare dei beni comuni urbani, è diventata ormai prioritaria nell’agenda politica delle amministrazioni pubbliche

“Open space. Giovani attori di trasformazione sociale”

Orvieto, insieme ad altre dieci città, ed unica realtà in Umbria, sarà protagonista di questo nuovo progetto nazionale Uisp


Di:

La questione dei beni comuni, e in particolare dei beni comuni urbani, è diventata ormai prioritaria nell’agenda politica delle amministrazioni pubbliche: sono infatti centinaia in tutta Italia i Comuni che hanno approvato il “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni” e, grazie a questi Regolamenti, hanno stretto con i cittadini dei veri e propri “Patti di collaborazione” per riqualificare gli spazi pubblici, per gestire in modo condiviso immobili e edifici inutilizzati, per mettere in moto percorsi di produzione dei saperi che condizionino positivamente la qualità della vita di tutti. Il rapporto tra sport e beni comuni rappresenta uno dei campi d’azione su cui l’Uisp ha deciso di investire nei prossimi anni, anche con la creazione di una specifica politica, che coniuga impiantistica sportiva e beni comuni.

Da questo impegno nasce il progetto nazionale “Open Space. Giovani attori di trasformazione sociale”, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nell’ambito della legge 383/2000. Il progetto, rivolto ai giovani tra i 16 e i 24 anni che si trovano in condizione di disagio sociale, in particolare NEET (non occupati e non in istruzione) e giovani a rischio devianza prevede la costituzione di crew di street sport nelle periferie di undici città italiane, indirizzate (attraverso la co-progettazione di attività sportive e di ripensamento degli spazi urbani ad uso sportivo e sociale) all’utilizzo e valorizzazione dello spazio pubblico, con finalità di riattivazione sociale e contrasto all’emarginazione giovanile. Il progetto avrà una durata di 18 mesi e verrà realizzato dai Comitati di Crotone, Avellino, Parma, Monterotondo (Rm), Settimo Torinese (T), Manfredonia (Fg), Palermo (quartiere Zen), Empoli (Fi), Orvieto (Tr), Verona e Matera.

Orvieto, insieme ad altre dieci città, ed unica realtà in Umbria, sarà protagonista di questo nuovo progetto nazionale Uisp, che propone il rapporto sport e beni comuni come una delle più importanti sfide future di tutto il mondo dell’associazionismo e della promozione sociale.

Orvieto, Avellino e Matera sono inoltre protagoniste in questi giorni di “BC – Beni Comuni. Viaggio in bicicletta alla scoperta dell’Italia che partecipa”, iniziativa che è partita giovedì 7 settembre da Pieve Tesino (Trentino) e si concluderà a Matera. Il viaggio sarà l’occasione per conoscere diverse esperienze di gestione innovativa di impianti sportivi in ambito Uisp e per incontrare realtà associative che stanno portando avanti progetti partecipati di rigenerazione dei beni comuni.

“Open space. Giovani attori di trasformazione sociale” ultima modifica: 2017-09-12T11:11:29+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi