Cronaca

Sicurezza San Severo, meetup Amici di Grillo: seme della legalità è stato piantato

Di:

San Severo, esterno Municipio (st)

San Severo – IL Meetup Amici di Beppe Grillo – San Severo in Movimento non si fermerà e nei prossimi giorni proseguirà la raccolta firme per chiedere al Ministero degli Interni l’aumento delle forze dell’ordine sul territorio.

“Abbiamo con la manifestazione Vogliamo Sicurezza – spiegano i promotori dell’iniziativa – piantato un seme importante per la legalità sul territorio. Centinaia di cittadini hanno già sottoscritto la petizione che proseguirà anche nelle prossime settimane. La petizione non ha alcun simbolo, perché sin dall’inizio abbiamo sostenuto che la sicurezza non ha colore politico, ma sarà a firma dei cittadini di San Severo. Certo il percorso della legalità è lungo e non si ottiene solo con un aumento delle forze dell’ordine ma con una cultura di legalità diffusa, un seme che ognuno di noi deve coltivare dentro di sé, ed è per questo che continueremo a impegnarci confortati da quanti ci hanno sostenuto. Dalla manifestazione portiamo a casa il risultato di aver visto giovani e meno giovani soffermarsi sulle parole di don Luigi Ciotti, di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, abbiamo visto due generazioni spesso in conflitto stringersi attorno all’impegno per migliorare la città. Ringraziamo pubblicamente gli studenti che hanno aderito, le associazioni La Svolta per San Severo e Agorà e la palestra Contact School, che si sono spese in prima persona insieme a noi. Riteniamo che non è importante raggiungere solo il traguardo, che raggiungeremo comunque, ma il percorso che ad esso conduce. Un percorso fatto di confronto, di proposte, di impegno civico e di cittadinanza attiva, se lungo il faticoso tragitto riusciremo a smuovere l’impegno anche solo di poche migliaia di sanseveresi per la città sarà un grande risultato”.

(A cura Meetup Amici di Beppe Grillo di San Severo)



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Roberto

    La sicurezza nelle città’ e’ indispensabile soprattutto da quando c’è’ un’immigrazione indiscriminata e senza controllo nonostante leggi che la magistratura non applica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi