ManfredoniaRicordi di storia
A cura del dottor Nicola Ciociola

Cronistoria disinquinamento arsenico dopo scoppio del 26.09.1976 (III)


Di:

Manfredonia. Si fa presente che in questa breve cronistoria non saranno riportati gli interventi dei politici locali rispetto alla vicenda dal disinquinamento da arsenico. Tali posizioni dei gruppi presenti in Consiglio Comunale sono riportati e leggibili nelle relative delibere dell’epoca.

Intanto, per riprendere il discorso iniziale si fa riferimento alla riunione del “Comitato Tecnico-Scientifico” dell’ 01.10.1976.
parteciparono a quella seduta, alle ore 10,30, nell’Ufficio di Gabinetto del Sindaco:
-sen. Michele MAGNO-Sindaco di Manfredonia;
-prof. Donato TROIANO-Sindaco di M.S. Angelo;
-prof. Luigi AMBROSI- Dir. Ist. Med. Lav. Un. Bari;
-prof. Giovanni MARANO-Ist. Biologia Marina-Bari;
-prof. Ing. Tiziano TODOLINI-Ist. Geologia applicata e geotecnica della Facoltà di Ing. un. Bari (in rappresentanza del prof. Cotecchia);
-dott. Luigi TULIPANO- IST. Geologia applicata e geotecnica Facoltà ingegneria Bari (in rappresentanza del prof. Cotecchia);
-dott. Rocco ZIZZA-Ass. Clinica laboratorio analisi dei terreni di Foggia;
-prof. Mario POLEMIO- Facoltà chimica agraria- Univ. Bari;
dott. Baldassarre PEPE- Lab. Chimico pro.le di Foggia- (in rappresentanza del dott. ZINGRILLO);
-prof. Cosimo SEBASTIO – Ist. Zooprof. Taranto;
-dott. PERNA- Assessorato Regionale Sanità Bari;
-dott. Mario NITTI- veterinario provinciale Foggia;
–dott. Lorenzo RADATTI- Uff. San. – Manfredonia;
–dott. Antonio FUSILLO- Uff. San. – m. s. angelo;
-prof. PASSINO- Ist. Ric. Acque;
-dott. Arnaldo LIBERTI- del C.N.R.;
-prof. Benito LENOCI- Ist. Merceologia – Un. Bari;
-prof. V.zo AMICARELLI- Dir. Ist. Chimica applicata -bARI;
-dott. UVA-Chimico Isp. Lavoro.
Sono presenti, fra altri, anche in rappresentanza del Consiglio di Fabbrica, della FULC Nazionale e Locale e dell’ ANIC:
-prof. Vito FOA’ -ist. MED. Lav. Univ. MILANO;:
-prof. Nicola ZURLO-Istituto di medicina del Lavoro Univ. Milano;
-prof. Euno PIZZINI-C.R.D. Patronati Confederali di Roma;
-prof. Marino DOMPE’ – Direttore sanitario ANIC;
-Ing. MAZZANTI-ENI- milano;
-SANGIOVANNI – FULC NAZIONALE;
-MICCOLI, MALERBOR e CARBONARA- FULC LOCALE.

Assiste il dott. Antonino CALDARELLA, segretario generale del Comune di Manfredonia.
“…IL COMITATO, dopo ampie discussioni, analisi, critiche, proposte, considerazioni tecnico-scientifiche, tesi a confronto durante tutta la mattina,CONCORDA, sui seguenti punti:
1)-far seguire il corso delle operazioni del piano di disinquinamento all’interno dello stabilimento industriale, concordato dall’ANIC con il Consiglio di Fabbrica, secondo la procedura esposta sulla relazione del dott. UVA, allegata sub E) sotto il controllo medico che assicuri la incolumità dei lavoratori, con turni di 4(quattro) ore per la sicurezza degli impianti e turni di due ore, alternate a due ore di riposo, per le operazioni di bonifica da effettuarsi nelle sole ore dirne, con obbligo della tuta protettiva e nella intesa che la fabbrica non debba riprendere la lavorazione e la produzione fino a quando non saranno ultimate le operazioni di disinquinamento e bonifica di tutte le apparecchiature dello stabilimento industriale;
2)-procedere al lavaggio, con abbondante acqua, a soffi continui, ma non violenti delle strade asfaltate all’interno del centro abitato, partendo dal Rione “Nonticchio”, limitrofo alla zona perimetrata come inquinata;
3)-scarificare meccanicamente, prima del trattamento di disinquinamento, il terreno delle zone ove la concentrazione dell’arsenico è elevata;
4)-stabilire il metodo uniforme di prelievo dei campioni d’ analisi chimica per la formazione del reticolo in mappa della zona inquinata da parte del Laboratorio provinciale di Foggia e da parte dell’ANIC.

A questo scopo, ravvisa la necessità della utilizzazione, anche per il prelievo di campioni, con proprio personale, di tutti i laboratori di igiene pubblici della Regione, formulando apposita richiesta all’Assessorato regionale alla Sanità.
5)-consentire ai Sindaci dei Comuni di Manfredonia e di M.S. Angelo di rilasciare a persone, che debbano accudire al governo degli animali finché non sarà provveduto diversamente, l’ autorizzazione ad entrare, previe prescrizioni sanitarie, nella zona inquinata;
-6)-abbattere e distruggere tutti gli animali da cortile allevati e presenti nell’ambito della zona perimetrata come inquinata (conigli, colombi, polli, tacchini, anitre, ecc.) secondo le modalità ed i suggerimenti dell’Autorità veterinaria;
7)-trasferire e tenere sotto controllo gli animali di grossa taglia (bovini, ovini, caprini, suini, cani e gatti, ecc.) della zona inquinata in locali idonei di altre zone non interessate all’inquinamento da arsenico;
8)-stabilire la seguente tripartizione per il disinquinamento e la bonifica:
a)-aree più inquinate=scorticare e scarnificare con azione meccanica;
b)-per le aree meno inquinate= insolubilizzazione con soluzioni di ferro e fosforo;
c)-per le aree poco inquinate = solubilizzare con lavaggi d’ acqua;
9)-suddividere il territorio da considerare interessato all’ inquinamento nelle seguenti tre regioni o zone:
a)zona A = area occupata dallo stabilimento ANIC (delimitata da mura perimetrali);
b)zona B = area delimitata e perimetrata dalle ordinanze dei sindaci di Manfredonia e di M. S. Angelo;
c)zona C = area esterna alla linea di demarcazione perimetrale della zona B.

Alle ore 15, 00 circa i lavori sono sospesi per consumare un panino ed una birra e riprendono alle ore 16,00 circa…”.

Per concludere questa terza parte, si vuol far notare il continuo lavoro a cui erano sottoposti i membri del Comitato. Questo era anche il segno di quanta sofferenza umana e quanto travaglio interiore animavano quelle i febbrili riunioni, tese certamente a risolvere con celerità la problematica ambientale.

(continua)

dott. Nicola CIOCIOLA

Cronistoria disinquinamento arsenico dopo scoppio del 26.09.1976 (III) ultima modifica: 2017-10-12T13:10:17+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • a me non mi frekate

    Abbattere le torri è stato solo un gesto simbolico. Gli spaventosi veleni sono ancora li!!


  • Il grandissimo incubo di Manfredonia del deposito di gas più grande d'europa

    A chi aspettano a bonificare seriamente e realmente i terreni ex anic?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This