Manfredonia
Verso la scadenza del periodo di mobilità, dopo la liquidazione coatta amministrativa

EX Mucafer “Abbiamo dato tanto a Manfredonia ma.. Manfredonia ci ha dimenticati!”

"Non siamo stati reintegrati, nessuno ha promosso delle politiche per la rioccupazione o per un nostro riutilizzo"


Di:

Manfredonia, 12 ottobre 2017. “La Mucafer ha dato tanto a Manfredonia, dai palazzi al nuovo porto turistico. Ma Manfredonia, come Città, ci ha abbandonati e scaricati del tutto. A breve per molti di noi scadrà il periodo di mobilità. Cosa faremo?”. Appello a StatoQuotidiano di un gruppo di ex lavoratori della Cooperativa Mucafer di Manfredonia, in Liquidazione Coatta Amministrativa dal 30.01.2015 con D.M. 45/2015.

Il licenziamento

Come anticipato, “a seguito della procedura concorsuale di liquidazione coatta amministrativa – con emersione di un attivo di circa 139 milioni di euro e un passivo di circa 166 milioni ”-, le 135 ex unità lavorative della Mucafer (di cui 2 dirigenti, 3 apprendisti, 109 soci) avevano ricevuto, nel marzo 2015, una lettera di licenziamento collettivo con procedura di mobilità.

Come anticipato, la Provincia di Foggia aveva fissato l’incontro per l’esame congiunto della procedura di mobilità il 6 marzo 2015 con le citate lettere di licenziamento collettivo previste alla scadenza della Cigs.

FOCUS VERTENZA COOPERATIVA MUCAFER DI MANFREDONIA

“Parliamo di un preavviso correlato all’anzianità – aveva spiegato a Statoquotidiano il segretario della FILCA-CISL di Foggia Urbano Falcone – ricordando come i 135 ex dipendenti della Mucafer hanno diritto a quanto previsto dalla legge 451/94 (contratto edilizia), e dunque alla disoccupazione speciale di 27 mesi, che ingloba quanti sono stati assunti con anzianità di 36 mesi, con 24 mesi di effettivo lavoro”.

Le proteste dei lavoratori

Come risaputo, in questi 2 anni c’è stata la costituzione della Cooperativa Arca, con ingresso di circa “20-25” ex unità della Mucafer. “Ma, al di là dell’attuale situazione di quanti hanno fatto ingresso nella nuova Cooperativa – spiega un lavoratore -, quasi 100 ex dipendenti, tutti con figli, sono rimasti letteralmente in strada.

Non siamo stati reintegrati, nessuno ha promosso delle politiche per la rioccupazione o per un nostro riutilizzo.

Inoltre, la Mucafer rappresentava una garanzia consolidata nel territorio, anche a livello di fiducia per i vari creditori e gli istituti bancari. Ma ora? Eravamo circa 135 unità, con un indotto pari anche a 400-500 persone. La Mucafer ha cantierizzato ovunque, molto spesso per gli appalti fuori Regione si inviava un capocantiere, le altre unità venivano trovate direttamente in loco. Spesso si stabiliva il subappalto. Nonostante questo, ad oggi, c’è stato solo disinteresse e totale abbandono per noi ex lavoratori della gloriosa Cooperativa. Molti di noi sono ancora in attesa delle buste paghe, di arretrati. Qualcuno tra le istituzioni si degnerà di intervenire, ricordando che – grazie ai loro lauti stipendi -, dovrebbero e potrebbero dedicarsi maggiormente a chi è uscito fuori dal mondo lavorativo?”.

g.defilippo@statoquotidiano.it

EX Mucafer “Abbiamo dato tanto a Manfredonia ma.. Manfredonia ci ha dimenticati!” ultima modifica: 2017-10-12T14:35:12+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
17

Commenti


  • Gigino

    Purtroppo abbiamo una amministrazione che fa acqua da tutte le parti.
    Purtroppo è una città governata da pecore senza offesa agli ovini.


  • franco

    Mi spiace,, nessuno ha provveduto a un loro reiserimento,, i politici di manfredonia non li hanno nemmeno pensati,, spero per loro che facciano qualcosa,, altrimenti altre famiglie allo sbando della poverta


  • michele

    Il sindaco ,, ed altre persone in carica a manfredonia non possono provvedere come meglio per loro,, ?


  • Pasquino

    Perché non si rivolgono ai vari politici che di volta in volta hanno votato? Penso che ci siano anche gli attuali. Allora perché non chiedere a loro facendone i nomi? Saluti


  • sasa

    il sindaco invece si è inserito nell’ ASI


  • Giulia

    Cari -avete proprio ragione, tutti dal sindaco.


  • Cantalupo di maggese

    Andate a protestare sotto il palazzo se proprio ci sentite lesi e abbandonati.

  • Almeno che vengano utilizzati come Socialmente utili almeno una speranza di reinserimento e riqualificazione la potranno avere , SI PUÒ FARE .


  • Giovanni

    Non vi sembra strano che si trovino sotto palazzo san domenico? Quante promesse son state fatte? Quante disattese? Che strane coincidenze.


  • Il pernacchioso

    E avere aspettato la fine della mobilità per lamentarvi? Sino ad oggi stavate bene con il sussidio dello Stato invece di andare a lavorare. Se davvero ci tenevate alla Mucafer dovevate lavorare prima e non pensare di aver fatto parte di un Ente Statale………. cooperativa Arca? Secondo me non ha bisogno di gente nullafacente come voi………..


  • ciccillo

    Chissà perchéi lavoratori della Sangalli hanno avuto maggiore risonanza mentre noi ex Mucafer siamo letteralmente fantasmi, neanche degni di ascolto.


  • tutti la stessa fine

    Fatevi elargire altra cassa integrazione come quello della manfredonia vetro.


  • interesse

    Per il pernacchioso ma come cavolo ti permetti di giudicare una situazione che neanche conosci vergogni spero che ti trovi un giorno tu nella nostra situazione cosi capirai cosa significa a non arrivare a fine mesi sputati in faccia da solo finche c e gente come te il mondo andrà a rotoli nascondersi dietro una tastiera è facile trovarsi nella situazione è vita


  • Che bella giornata

    Figli di soci Mucafer e soci stessi, capo cantiere con livelli che non meritavano seduti a scaldare sul cantiere la sedia quando i primi a dare l’esempio. Vi sta bene tutto questo avete per anni fatto quello che volevate in quella azienda adesso per causa vostra e per il vostro comportamento soffriranno le persone più care a voi come i vostri figli e le vostre mogli. Questa è la punizione che vi spetta se siete dei buoni muratori o carpentieri come pensate di essere avreste già trovato lavoro. Non dimenticate che manfredonia conosce la maggior parte di voi ecco perché se n’è fregata meditate in questo, meditate per il vostro presidente per quante volte a chiuso un occhio,per quante volte a dovuto far finta di niente. Sono sicuro anche che si stia facendo un mucchio di risate per i tanti personaggi dove le loro uniche parole erano ” questo non mi compete”


  • Il pernacchioso

    Concordo appieno da quanto scritto da ” che bella giornata ” è vorrei rispondere al sig/ra ” interesse “.
    Anche io sono un ex collega dei vs mariti e anch’io ho vissuto dei momenti difficili. Per la situazione creatasi ho rischiato di perdere mia moglie e i miei figli ma a differenza di molti ex colleghi che hanno vissuto di assistenzialismo sia con Mucafer che con la cassa integrazione prima e la mobilità ora mi sono rimboccate le maniche e sono uscito fuori regione. Questo per ritrovare un po di dignità personale e per cercare di far mantenere un po di decoro alla mia famiglia. Voglio solo precisare che le persone che si stanno lamentando ora sono le stesse che si lamentavano con Mucafer che hanno vissuto Di assistenzialismo in azienda criticando il lavoro di molti altri. Mi spiace dirlo ma è la rabbia che mi fa parlare ” vi sta bene ” e continuate ad andare ” camminando per la piazza o in giro con la bici ” perché solo questo sapere fare. Se eravate buoni a Manfredonia ci sono tante aziende che lavorano e potevano assumervi. Ora chiudo qui e a non risentirci mai più.. ………


  • matteo

    Perche non vi organizzate e lottate per i vostri diritti,, perche solo ora vi lamentate?,, Fino ad adesso dove eravate?,,


  • michelangelo

    Mi raccomando anche questa volta votate chi vi diceva il vs presidente amico del -che governa questa città….. Magari stavolta non per avere appalti futuri ma per essere ancora presi in giro dalla solita triade…… Il conto purtroppo sta arrivando x tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi