Manfredonia
"6 milioni di euro nel totale che la Regione mette a disposizione per l’elaborazione di una Strategia Integrata di Sviluppo Urbano Sostenibile"

Manfredonia. Rigenerazione Urbana: investire sulla Città

“Questo è un progetto innovativo in quanto non si riduce alla realizzazione di singole opere", dice


Di:

Manfredonia. “Si tratta di un bando particolarmente complesso dal punto di vista dell’impegno e dell’importo: 6 milioni di euro nel totale che la Regione mette a disposizione per l’elaborazione di una Strategia Integrata di Sviluppo Urbano Sostenibile”, ha spiegato, ieri 11 ottobre all’interno dell’aula consiliare del Comune di Manfredonia, Matteo Ognissanti Assessore all’Urbanistica di Manfredonia nell’ambito del processo partecipativo per coinvolgere attivamente la popolazione locale. Il processo partecipativo punta a identificare i principali fabbisogni della popolazione locale al fine di co-progettare una strategia di soluzioni integrate da candidare nella propria SISUS ed è composto da un processo di consultazione con i residenti, il mondo produttivo, istituzionale, le parti sociali e le associazioni del terzo settore; un bando facente parte del programma POR FESR-FSE Puglia 2014-2020, che ha appunto avviato una fase di consultazione pubblica, finalizzata alla preparazione ed elaborazione di unaStrategia Integrata di Sviluppo Urbano Sostenibile – SISUS (cfr. Reg. UE n. 1301/2013, art. 7 co. 2).

“Questo è un progetto innovativo in quanto non si riduce alla realizzazione di singole opere ma si pone 4 obiettivi tematici trasversali, dice l’architetto Andreassi:

-energia sostenibile e qualità della vita (obiettivo obbligatorio);
-adattamento al cambiamento climatico, prevenzione e gestione dei rischi;
-tutela dell’ambiente e valorizzazione delle risorse culturali ed ambientali;
-inclusione sociale e lotta alla povertà (obiettivo obbligatorio).

Le aree interessate dagli interventi di rigenerazione urbana saranno il Comune di Manfredonia e quello di Zapponeta, in particolare su Manfredonia gli interventi riguarderanno il Centro Urbano e Lama Scaloria; inoltre Manfredonia potrà diventare ‘Area Urbana’ qualora il progetto venisse approvato dalla Regione Puglia e si avesse accesso al finanziamento tenendo conto di 4 criteri complessi:

-analisi di contesto;
-stato di pianificazione;
-analisi Swot;
-strategia – vision.

Gli obiettivi della strategia risultano essere:

-qualificazione delle relazioni spaziali, ma anche sociali ed ecologici, tra le differenti parti che compongono la città;
-recupero di edifici dismessi o incompiuti di proprietà comunale a fini sociali;
-miglioramento della sostenibilità ambientale del patrimonio edilizio esistente;
-valorizzazione delle infrastrutture verdi e delle relazioni con il contesto costruito; -rimozione dei principali detrattori paesaggistici connessi alla presenza di opere incompiute.

L’attenzione sarà rivolta quindi al Palazzetto dello sport e al Campo sportivo di zona Scaloria (opere incompiute risalenti agli anni ‘90) e al cavalcavia di via G. Di Vittorio che dovrebbe collegare la zona con il lungomare.

Libera Maria Ciociola

Manfredonia. Rigenerazione Urbana: investire sulla Città ultima modifica: 2017-10-12T13:11:18+00:00 da Libera Maria Ciociola



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • L'INCREDIBILE SPERPERO DI SOLDI PUBBLICI IN PUGLIA E MANFREDONIA

    STATE FERMI CHE E’ MEGLIO AVETE ROTTO IL CAZZO CON FONTANE DEL —-, STAZIONI INUTILI, BARRIERE DISASTROSE, PISTE CICLABILI INESISTENTI E QUANT’ALTRO!


  • Anonimo

    O e che cazzo!!!Se dovete mettere le persone per migliorare il servizio porta a porta fate presto perché il paese è indecente è un vero schifo!!!!


  • Pescatore

    Assessore l urbanistica va bene ma il decoro urbano con tutta questa spazzatura dove sta?Perché non mettete gente a lavorare se non ce la fate e per preghiera i rifiuti vanno tolti tra la notte e il mattino presto max 7 altrimenti Manfredonia sembra una discarica a cielo aperto. Assessore regola sta cosa per cortesia.


  • cittadino

    Sono arrivato di notte in una città gli operatori ecologici lavoravano che era una bellezza, i mezzi non producevano intralcio, la soazzlatrice, grazie al divieto di dista alterno pulita che era una bellezza…. al mattino tutto a posto e pulito. Carbone veda di ridisciplinare questa attività…. In quanto molti operatori, forse, anzi è sicuro, non piace lavorare il giorno….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi