Manfredonia

Comparti, “noi tagliati fuori dalla città, servono fermate per le circolari”

Di:

Parte dei referenti dell'associazione di volontariato "Noi di Manfredonia" (st@)

Manfredonia – “FERMATE per le circolari nei comparti per consentire gli spostamenti dei cittadini”. E’ quanto chiedono i referenti dell’associazione Noi di Manfredonia in una lettera inviata sindaco del Comune, all’Assessore alla Sicurezza, Pubblica Istruzione e Sport,
all’assessore alla Pianificazione urbanistica e assetto del territorio e per conoscenza alla società Cotrap di Bari. Nel testo i residenti chiedono l’istituzione in tutti i nuovi comparti (Ca1, Ca2, Ca4, Ca5 e Ca9) delle fermate per i mezzi di trasporto pubblico e che le stesse siano “di fatto agevolmente fruibili dai residenti”.

Come già ribadito, l’Associazione di Volontariato “Noi Manfredonia”, del presidente Salvatore Clemente, è stata costituita per fornire il proprio contributo per la tutela dei diritti civili e del cittadino e che “rinviene il proprio ambito di azione soprattutto nella rappresentanza dei diritti e delle aspettative di una parte consistente di cittadini residenti nei nuovi comparti edilizi (Ca1, Ca2, Ca4, Ca5 e Ca9) di Manfredonia”.

“Nei nuovi comparti edilizi Ca1, Ca2, Ca4, Ca5 e Ca9 risiede un numero elevato di famiglie e che tale numero è destinato ad incrementarsi progressivamente negli anni a venire – dicono i referenti dell’associazione – ad oggi sono completamente indisponibili nei comparti i servizi privati e pubblici di interesse (scuole, uffici pubblici, servizi postali, tabacchi, farmacie, vendita al dettaglio di alimenti, frutta e verdura, etc.). Ne deriva l’assoluta necessità di spostarsi quotidianamente (anche più volte durante la stessa giornata) in altre zone della Città per approvvigionarsi dei beni di primaria necessità nonché per svolgere le attività di routine (studio, lavoro, impegno sociale) o altre attività (svago, shopping, visite parentali, etc…); le fermate dei mezzi di trasporto pubblico urbano attualmente fruibili, distano approssimative 700 metri dalla parte più vicina dei rispettivi comparti, con punte di oltre 2 chilometri per le abitazioni ricadenti nelle parti più distanti del relativo comparto (rispetto alle suddette fermate); da ciò deriva notevole pregiudizio esistenziale nei confronti dei residenti nei Comparti che non dispongono di proprio ed idoneo mezzo di locomozione per raggiungere le altre zone della Città o che utilizzano i mezzi pubblici per contribuire alla riduzione del traffico veicolare; vi sono ampie zone non ancora asservite dalla pubblica illuminazione poste tra l’ingresso dei suddetti comparti fino alle fermate più vicine, che configurano grave rischio per i residenti: o durante l’attraversamento pedonale delle strade e durante la percorrenza pedonale sulle strade non asfaltate e/o prive di marciapiedi e/o prive di adeguata segnaletica orizzontale in cui transitano veicoli ed autoveicoli (anche a velocità sostenuta) o di subire azioni criminose, in quanto la scarsa od inesistente illuminazione costituisce la perfetta condizione ambientale per il compimento di siffatte azioni”, termina il presidente del Consiglio Direttivo, dott. Salvatore Clemente.


Photogallery



VIDEO INCONTRO 02.09.2012



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Salvatore CLEMENTE

    Questa della mancanza di trasporti è solo una delle tante emergenze presenti nei nuovi comparti edilizi, che ci fanno vivere da cittadini di serie B.
    Forse sono stato anche eufemistico, perché dovremmo parlare di cittadini che non giocano proprio dato che l’unico servizio pubblico di cui disponiamo è l’illuminazione, anche se in soli 2 comparti su 5.
    Vivere nei nuovi comparti rispetto al resto della Città, risulta ad oggi, per molte persone senza idoneo mezzo di locomozione, come vivere sull’altra riva di un fiume senza un ponte che permetta di attraversarlo


  • topgun

    cari signori esistono vari problemi nei nuovi comparti e penso che quello del trasporto urbano sia l ultimo perchè come possono passare le circolari se in alcuni comparti non viene ancora stabilizzato il manto stradale?? o meglio ancora non si asfaltano le strade vedi comparto ca1! c’è gente a cui manca ancora fogna ed acqua! c’è gente che non ne puo piu di tutta la polvere che si alza agni mattina, di auto che si rompono a causa del manto stradale inefficente!!! vogliamo ricordare che c’èra una data di fine lavori???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi