ManfredoniaSport

Volley femminile, Manfredonia fa poker

Di:

Corato/Manfredonia – ALLA vigilia del match ci sarebbe piaciuto pensare al detto “non c’è due senza tre e il quattro vien da se” … ma “tanto da se” non è stato e le ragazze del Manfredonia non hanno avuto vita facile per sconfiggere l’ostico Corato e portare a casa la vittoria. Un match dall’indiscusso valore tecnico ed agonistico dove nulla ha potuto la formazione di casa, seppur guidata dalla grinta e dall’esperienza di Balducci e Caterina, un lusso per questa categoria,. La Somacis giunge alla quarta vittoria consecutiva che consolida la prima posizione in classifica in coabitazione con la Pharma Giuliani.

I tabellini della gara:
Asd Polis Corato – Somacis Volley Manfredonia: 1-3 (27-25, 16-25, 27-29, 16-25)

Asd Polis Corato: Gabriele, Nocca, Balducci, Caterina (K), Bisceglia, Roselli, Loconte, Mastrorilli, Scuro, Picaro (L).N.e.: Cataldo(L), Piarulli, Riccardi. All.Filannino.

Somacis Volley Manfredonia: Di Candia, La Torre, Ivanova (K), Patetta, Scarale, Lillo, Pistillo, Barbaro,Fusilli (L). N.e.: Sportelli. All. Delli Carri.

Arbitri: Pugliese, Angiulli.

La cronaca della gara. Dopo la prima fase di studio e di sostanziale equilibrio, sono le daune che conducono il gioco, controllano il set con un rassicurante vantaggio fino alla fase finale del parziale, quando per eccessiva leggerezza, la Somacis commette diversi errori, in battuta (sul 20/23) e in fase di realizzazione, favorendo il rientro delle padrone di casa che, trascinate da una brava Balducci, si portano sul 24 pari. Vantaggio nuovamente per le delfine e su un attacco delle coratine succede quello che non ti aspetti, pallone giudicato fuori dal primo arbitro e quindi set assegnato al Manfredonia, ma mentre le squadre si apprestavano a cambiare campo, il secondo arbitro, spontaneamente, si presenta dal primo e lo induce a cambiare inspiegabilmente decisione, cosa al quanto strana e non regolamentare visto che tale decisione è di competenza unica del primo direttore di gara che aveva decretato palla out e quindi punto al Manfredonia. Ricordiamo che il parere al secondo arbitro può essere richiesto in caso di dubbio e prima di prendere una decisione, ma d’indecisione non si trattava vista la segnalazione fatta di palla out. E fu così, che il primo arbitro, senza tanta convinzione ma condizionato da un eccesso di protagonismo del secondo, ci ripensa e modifica la sua decisione assegnando una contesa…ossia punto da rigiocare,..poi no..cambia ancora parere e alla fine assegna il punto alle neroverdi che approfittano dello smarrimento e della incredulità del Manfredonia e chiudono il set a proprio favore.

Ancora frastornate dal set precedente, si va al cambio campo con le baresi avanti per 1 a 0. Coach delli Carri, effettua un cambio in regia mandando nella mischia l’esperta Lillo che rileva la giovane Pistillo, che non aveva demeritato fino a quel momento, un cambio per meglio gestire la fase calda dell’incontro e soprattutto per disorientare le avversarie cambiando tipo di gioco. Il campo gli da ragione, la squadra fa salire il suo numero dei colpi, tanto da lasciare a 16 le brave coratine.

Nel terzo set sono le ragazze della Polis che, spinte dal proprio pubblico, hanno una reazione e attaccano la partita cercando di far proprio il risultato. Viene fuori la bravura di Caterina e Balducci che
guidano brillantemente le neroverdi e prendono il largo sfoderando un buon gioco che rende bugiarda la loro classifica, sino a portarsi sul 18 12. Il coach sipontino manda in campo Pistillo per Lillo e Patetta (ottima prova) per Barbaro, la mossa sembra non sortire effetti, sino al 24 a 17 per le ragazze di casa. Le coratine hanno sette palle a disposizione per aggiudicarsi il secondo set e con esso un punto in classifica. Capitan Ivanova e compagne, non ci stanno, nei loro occhi non si legge smarrimento, anzi rabbia, tanta rabbia…Con un cinismo unico Ivanova chiude punto in attacco e si accinge al servizio, capitn Fusill nelle retrovie organizza la difesa e con La torre e Patetta detta i ritmi per un pronto contrattacco che non tarda ad arrivare, punto dopo punto si arriva sul 24 pari. Le coratine rintuzzano la foga delle biancoazzurre, ma nulla possono se non veder sfumare il loro sogno, il set va alla Somacis ai vantaggi 29 a 27. Ormai non c’è ne più per nessuno e il quarto set vede il Manfredonia ritrovare la propria identità, è un monologo delle daune che chiudono la quarta frazione lasciando le padrone di casa a 16.

Con questa vittoria la Somacis volley Manfredonia mantiene la prima posizione e sabato giocherà tra le mura amiche del Paladante contro una formazione allestita per cercare il salto di categoria, un team nato dalla fusione di due città con grandi trascorsi nella pallavolo, Castellana Grotte e Gioia del Colle. Appuntamento sabato 15 novembre ore 18.30 Paladante.

Redazione Stato

Volley femminile, Manfredonia fa poker ultima modifica: 2014-11-12T10:55:41+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Teddy

    Quando la bellezza,l’eleganza e la bravura si intrecciano così armoniosamente tra loro come un volo di gabbiani nel cielo azzurro…. allora vuol dire che siamo in presenza della perfezione artistica e sportiva !!! Auguri ragazze e continuate a farci sognare e dimenticare anche se solo per un istante la durezza della vita !!!!!!!!! Vi lovvio tutte e vi ammiro per la vostra professionalità !!!!!!!!!!!!!! Teddy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi