ManfredoniaStato news

Referendum Energas, Novelli “Informarsi bene per non cedere ai canti delle sirene”

Di:

Manfredonia. ”I sospetti, più che sul progetto, sono rivolti a questa campagna elettorale a senso unico voluta dall’amministrazione e dalle forze politiche che siedono in consiglio comunale. Ieri, giovedì 10 novembre, una delegazione del coordinamento cittadino “Noi con Salvini” di Manfredonia si è recata presso la sede Energas di Manfredonia per un incontro con i tecnici dell’azienda, finalizzato a raccogliere informazioni sul progetto per la realizzazione di un deposito costiero nel nostro comune.

Nell’assordante clamore di questi giorni, nessuno dei tanti che pure hanno preso la parola ha mai pensato di coinvolgere l’azienda e di porre direttamente a loro le domande che affliggono i cittadini: il deposito è sicuro? È pericoloso per l’ambiente e per le attività turistiche e della pesca? Quali effetti economici avrà per Manfredonia? Tutti sembrano avere già le risposte in tasca. Il referendum di domenica, infatti, arriva al termine di una propaganda a senso unico dove si sono ascoltate solo le ragioni di chi ha promosso la consultazione e ha da sempre indicato di votare no.

“Noi con Salvini” – unica tra le forze politiche e associazioni di Manfredonia – ha voluto uscire fuori dal coro e andare oltre gli slogan, ponendo direttamente a Energas le domande, anche scomode, che tormentano Manfredonia. Non ci siamo accontentati delle risposte altrui, abbiamo preferito formarci una nostra opinione.
Nel corso dell’incontro è stato illustrato il progetto e si è discusso di tutte le principali tematiche su cui si sta concentrando il dibattito politico di questi giorni: sicurezza, impatto ambientale, ricaduta occupazionale e ritorno economico per il territorio.

L’impressione che ne abbiamo ricavato è che i sospetti, più che sul progetto, siano rivolti a questa campagna elettorale a senso unico voluta dall’amministrazione e dalle forze politiche che siedono in consiglio comunale: perché tanta fretta nel promuovere questo referendum? Perché solo ora, dopo mesi che il tema è nell’agenda politica? A chi fa veramente comodo chiamare i cittadini a votare senza aver promosso una reale informazione?

“Noi con Salvini” invita quindi i cittadini a informarsi bene prima di cedere ai canti delle tante sirene che in questi giorni, in città, hanno preferito dire cosa votare piuttosto che informare sull’oggetto del voto: meglio un voto in meno, che un voto non pienamente meditato”.

Antonio Novelli – Coordinatore Noi con Salvini Manfredonia



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • una mamma

    Visto che vi siete informati fateci sapere! Forse non avete il coraggio di dire votate SI!
    Non siamo mica tutti caproni!
    Non vogliamo vivere con la puzza sotto il naso (e non per darci delle arie!) e una bomba con una miccia lunghissima sotto i piedi. Quindi senza esitazioni NO ENERGAS!


  • pentastellato

    “Voi con Salvini” siete veramente messi male. Ancora dobbiamo informarci? Noi siamo informati e stiamo in allerta da tanto tempo, per non farci fregare da Menale, prepotente di turno. WW manfredonia; No ENERGAS; WW il M5S


  • Nicola

    Leggo testualmente.. nessuno dei tanti che pure hanno preso la parola ha mai pensato di coinvolgere l’azienda e di porre direttamente a loro le domande che affliggono i cittadini: il deposito è sicuro? È pericoloso per l’ambiente e per le attività turistiche e della pesca? Quali effetti economici avrà per Manfredonia? Ma si può chiedere all assisino se ci ucciderà? Ovvio che x interesse personale dirà di no.. Che idiozia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati