GarganoManfredonia
Fatti avvenuti il 9 agosto 2017 nelle campagne tra San Marco in Lamis e Apricena

“Strage di San Marco”, lapide in ricordo dei fratelli Luciani “Noi siamo più forti”

Come risaputo, Luigi e Aurelio Luciani, sono stati assassinati probabilmente per uno scambio di persona


Di:

San Marco in Lamis, 12 novembre 2017. UNA lapide in ricordo dei fratelli Luigi e Aurelio Luciani, agricoltori uccisi durante l’omicidio di Mario Luciano Romito e del cognato Matteo De Palma, avvenuto il 9 agosto 2017 nelle campagne tra San Marco in Lamis e Apricena. Stamani le autorità religiose e civili si sono radunate, alla presenza di parenti, amici delle vittime e tanti cittadini, per scoprire la lapide in onore dei due fratelli agricoltoril.

“Noi siamo di più, siamo più forti”, ha detto tra l’altro Arcangela, moglie di Luigi Luciani.

È giusto che mio figlio sappia la verità. Ma mio figlio avrà anche il diritto di sapere che le persone che hanno ucciso il padre e lo zio sono in galera” aveva detto la vedova Luciani, nel corso di un servizio del TV7-RAI. “Dopo la morte di mio marito e di mio cognato, sui giornali, su internet, ho letto spesso che lo Stato c’è. Prima del 9 agosto lo Stato dov’era?”, aveva aggiunto la signora Arcangela.

Come risaputo, Luigi e Aurelio Luciani sono stati assassinati probabilmente per uno scambio di persona.

“Strage di San Marco”, lapide in ricordo dei fratelli Luciani “Noi siamo più forti” ultima modifica: 2017-11-12T19:09:27+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi