ManfredoniaStato news
Al momento non ci sarebbero i fondi necessari per ripristinare un ripetitore del segnale presente a Foggia

Residenti Comparti Manfredonia “Noi isolati dalle comunicazioni. Assurdo”

A prescindere dal disservizio in atto, continua l'attesa per il cablaggio e l'attivazione della linea telefonica nell'area

Di:

Manfredonia. RESIDENTI dei Comparti di Manfredonia (CA1, CA2, CA4, CA5, CA9) “isolati” da giorni dalle comunicazioni. E’ quanto rendono noto alcuni cittadini che hanno stipulato un contratto di fornitura della connessione ad internet con la Linkem. “Tanti i reclami e le segnalazioni inviati agli operatori della società (che dovrebbe garantire “Internet veloce senza limiti, e senza linea fissa, anche nelle aree dove non arrivano gli altri operatori“) ma senza alcuna risoluzione” (nel momento in cui si scrive). Ad alcuni residenti, che hanno richiesto informazioni in merito, sarebbe stato comunicato che il guasto alla linea non deriverebbe da un errore o un disservizio addebitabile al gestore essendo stato originato da terzi. Al momento non ci sarebbero i fondi necessari per ripristinare un ripetitore del segnale presente a Foggia. Probabile un intervento nell’aprile 2016. Lo si apprende da raccolta dati.

“Continueremo a contattare gli operatori interessati”, spiega a Stato Quotidiano Salvatore Clemente, presidente dell’associazione di Volontariato “Noi Manfredonia” – portatrice di interessi collettivi, operante nell’ambito della tutela dei diritti civili e del cittadino, la cui azione verte soprattutto sulla rappresentanza dei diritti e delle aspettative di una parte consistente di cittadini residenti nei nuovi comparti edilizi (Ca1, Ca2, Ca4, Ca5 e Ca9) di Manfredonia. “Le prime segnalazioni risalgono allo scorso agosto, poi sono state inviate anche ad ottobre. Ci sono stati problemi anche con la velocità del servizio. Ecco, se non avesse piovuto in questi giorni ci saremmo organizzati con i segnali di fumo. Quelli almeno non ti lasciano mai solo”.

A prescindere dal disservizio in atto, continua l’attesa per il cablaggio e l’attivazione della linea telefonica nell’area.

Attesa anche per l’installazione della fibra ottica, da tempo “in dirittura d’arrivo” ma al momento ancora non usufruibile nei Comparti. Come dalla presentazione del servizio nel Comune di Manfredonia, si ricorda come “La fibra ottica altro non è che un mezzo di propagazione di un segnale (i fili in rame, tutt’ora in uso, hanno una larghezza di banda ben definita, oltre la quale non si va) che permette il raggiungimento di velocità particolarmente elevate coprendo distanze considerevoli. I lavori per la sua installazione in città mediante la posa dei cavi sono già iniziati (18.11.2015,ndr)”. Con la fibra, la connessione viaggerebbe alla velocità di 30 Mb/sec, per gli utenti privati, e di ben 100 Mb/sec per scuole, forze dell’ordine, amministrazioni locali e centrali, sanità.

“A lavori iniziati (in particolare è stata già realizzata l’indagine geo-radar) se ne prevede il completamento entro la fine del primo semestre 2016 (sempre che non emergano problematiche) in quanto il bando vede la sua scadenza alla fine del secondo trimestre 2016”. Così dalla conferenza stampa di presentazione dell’investimento nel novembre 2015.

Aggiornamenti (14.03.2016). ”Le richieste di rimborso, hanno esito in 45 giorni e vanno inoltrate a gestioneclienti@linkem.com. Abbiamo letto la tua segnalazione e volevamo comunicarti che non abbiamo mai riferito ad alcun cliente che non riconosciamo rimborsi o che i disservizi durano più di un mese, pertanto ti invitiamo a diffidare da informazioni non fornite direttamente da noi o dagli operatore del customer care” (Linkem).

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • Perplesso

    Strano a Kabul, Mogadiscio, Tripoli e favelas carioca le zone periferiche sono coperte dalle comunicazioni e a Manfredonia no?


  • Sipontini popolo di polli..

    Oh ma state messi male da quelle parti..noto una tipica vegetazione atta ad ospitare serpenti del tipo vipera o cervone…e quella strada ma che cazzo neanche i tornanti delle miniere peruviane sono cosi!!! Chissà quanto mi hanno succhiato per vivere in quello squallore..


  • pina

    Abbastanza. ma la gente ha visto a doppio e mo si mordono le mani


  • Ciondolo

    Tornate in citta’. Vi state mordendo mani e piedi.


  • stop76

    Ora bisognerebbe far sapere ai paladini della giustizia de “Le Iene” che la società di cui pubblicizzano il prodotto ha comunque preso i soldi in questo mese per erogarci il servizio (ci spetterebbe anche un rimborso tra l’altro) e che anche se non è addebitabile a loro il guasto comunque le strutture sono di loro proprietà e devono essere comunque sempre loro a rispondere nei confronti dell’utente e a trovare soluzioni in tempi brevi per non danneggiarlo… Come nel caso mi rompano l’auto e non potendomi recare al lavoro sono giustificato a percepire stipendio senza andare a lavorare…


  • Teodoro

    Per Salvatore Clemente. Rispettabile presidente non sarebbe opportuno denunciare il tutto all’AGCOM e al CORECOM PUGLIA?


  • Giuseppe

    Veniamo il giorno della Pasquetta per il picnic ma che bella campagna!


  • Salvatore Clemente

    Sign. Teodoro la ringrazio per il “rispettabile” con cui mi ha appellato.
    Per quanto ho capito, AGCOM interviene dopo che le normali procedure di reclamo, e di conciliazione bonaria tra le parti, non abbiano dato buon esito.
    Per questo sto invitando tutti gli abbonati ad inviare a Linkem un reclamo indicando il nome dell’intestatario della fornitura ed il codice cliente.
    E purtroppo il reclamo va presentato singolarmente per avere maggiore efficacia, permettendo a Linkem di determinare la corrispondenza tra codice utente e disagio subito.
    Trascorsi alcuni giorni dall’invio dei reclami (io l’ho presentato sabato, altri ancora prima, altri lo faranno in questi giorni) valuteremo il comportamento della controparte.
    Se si danno una mossa e riparano il guasto in breve tempo, oltre ad impegnarsi a riconoscerci un giusto indennizzo per il disagio subito, allora potremo dire che il solo reclamo è stato efficace e teniamo al guinzaglio AGCOM e CORECOM.
    Ma se il servizio assistenza Linkem dovesse insistere con la storia che non hanno soldi per riparare il guasto in breve tempo e/o che non riconosceranno un indennizzo per gli utenti, allora e solo allora adiremo alla buona AGCOM ed al CORECOM Puglia come Lei ha giustamente suggerito.
    Comunque, per fare valutare i lettori la condotta, l’efficienza e l’efficacia del servizio Clienti Linkem, riepilogo di seguito i diversi reclami che abbiamo presentato a Linkem a nome dell’Associazione Noi Manfredonia per conto degli abbonati residenti nei comparti.
    Il primo il 10 agosto 2015.
    Il secondo ad ottobre 2015. In questa occasione, Linkem ci ha chiesto dei dati degli abbonati per poter effettuare verifiche sul disagio lamentato.
    Il 3 novembre 2015 gli ho inviato un nuovo reclamo con gli estremi di diversi abbonati, sparsi nei 5 comparti (Ca1-2-4-5-9).
    Nessun riscontro. Già solo questo mi da il diritto di considerare il servizio clienti Linkem assolutamente inadeguato, giusto per usare un eufemismo, non potendo riportare i termini esatti con cui lo definirei…
    Poi su facebook mi hanno richiesto di contattarli in privato.
    Sperando in una maggiore efficienza su Facebook, ho riportato in privato il disservizio attuale e tutti i reclami presentati in precedenza.
    E’ inutile dire che sto ancora aspettando da 4 giorni che mi rispondano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!