FoggiaManfredonia
A cura di Luigi Starace

Stato di agitazione fra le associazioni salute mentale di Capitanata

"La necessità di varare un nuovo regolamento del DSM (o meglio un regolamento modificato con l'apporto delle associazioni medesime) è argomento discusso da anni in provincia"

Di:

Foggia. ”Con informativa alla stampa divulgata oggi le associazioni AdaSam, Circolo Bel Lombroso, Genoveffa De Troia, Noos, Psichè, Sergio Piro e Tutti in Volo si dichiarano in stato di agitazione auspicando la rapida approvazione formale del nuovo regolamento, non escludendo forme di protesta pubbliche con sit in informativi a Foggia e Bari davanti la sede dell’ASL FG e la sede della Presidenza della Regione Puglia. Il Fatto: ieri una nota dai toni molto dura è stata inviata formalmente al Presidente della Regione Puglia Emiliano, al Direttore Generale della Asl Foggia Piazzolla e al Direttore del Dipartimento di Salute Mentale Giordano (DSM): Trasmetto la nota inviata ieri con la quale le associazioni operanti nel campo della tutela della salute mentale sollecitano l’approvazione del nuovo regolamento del DSM, frutto di un lavoro durato un anno circa e in attesa di formalizzazione da un altro anno sono le parole del portavoce Antonio Raimondo Pettolino del Circolo Bel Lombroso di San Marco in Lamis.

La necessità di varare un nuovo regolamento del DSM (o meglio un regolamento modificato con l’apporto delle associazioni medesime) è argomento discusso da anni in provincia, come evince nella ricostruzione fatta nella nota, secondo la quale una prima modifica sarebbe stata discussa nel Comitato di Dipartimento nel giugno 2014, in seguito nell’ambito del congresso “Le parole ritrovate” ad aprile 2015 e infine al convegno “Fare assieme nella salute mentale” di marzo 2016. Le integrazioni al regolamento vigente, a detta delle associazioni, sarebbero innovative in quanto focalizzate sulla partecipazione piena di utenti e familiari alle attività del dipartimento attraverso le figure degli utenti e dei familiari esperti che in molte ASL italiane sono ormai considerati risorse preziose per i DSM. Una richiesta di inclusione dell’expertise di volontari e famigliari nei percorsi di cura e riabilitazione quindi che, in linea con gli insegnamenti basagliani cambierebbero il paradigma della cura, con il passaggio dalla erogazione delle prestazioni al progetto terapeutico individuale incentrato sul budget di salute, sulla umanizzazione e personalizzazione dell’assistenza, sulla condivisione di programmi e terapie, sul contrasto netto alle varie forme di contenzione e coercizione.
credo ora sia più chiaro”.

(A cura di Luigi Starace, Foggia 13.04.2016)

Allegati
Partecipazione Associazioni attività DSM

Stato di agitazione fra le associazioni salute mentale di Capitanata ultima modifica: 2016-04-13T18:51:57+00:00 da Luigi Starace



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi