Manfredonia

Manfredonia, cittadina “Da Levante a Ponente tra le buche stradali”

Di:

Manfredonia 13 maggio 2016. ”È partita a Manfredonia la raccolta differenziata “porta a porta”. Finalmente, da anni aspettavamo questo momento, fortunatamente ci ha pensato la Corte dei conti ad incentivare tale obbligo, speriamo che il servizio sia presto esteso all’intera città. Ovvio che non pochi sono i problemi che accompagnano tale cambiamento: nella zona definita 1 si rilevano dei mastelli esposti sui marciapiedi anziché i bidoni tradizionali a cui eravamo abituati. Fin qui tutto bene se non fosse che di tanto in tanto vengono avvistati carrellati condominiali stracolmi di buste che straripano in cumuli di sacchetti sui marciapiedi. Qui la domanda è dovuta; ma la raccolta differenziata non doveva servire ad eliminare proprio il formarsi di tali cumuli dalle strade?

Di contro invece, sui moli commerciali a causa dei sopravvenuti lavori di rifacimento del setto stradale, sono stati rimossi anche i bidoni tradizionali, rimosse le isole per la raccolta olii esausti (vedi Molo di Ponente), e non ancora ricollocati, altrove invece sono allocati alcuni bidoni tradizionali ma mancano quelli per la raccolta vetro, plastica, carta, e quindi siamo a chiedere come mai i porti commerciali sono stati preclusi alla differenziata ordinaria? Dove dovrebbero gettare rifiuti di genere diverso e scarti, olii esausti gli addetti del settore?

Altro argomento riguarda la necessità di allocare cestini per la raccolta di immondizia, in tutte le strade urbane, in modo che gli utenti non debbano buttare a terra il pattume prodotto al momento.

Infine si ha l’obbligo di fare un accenno sul tema delle buche sul manto stradale, ogni giorno percorrendo le strade cittadine, si ha l’impressione di dover affrontare delle vere montagne russe, buche, dossi, tratti quasi sterrati, infatti viene il dubbio di vivere in una ‘giungla abitata’, si può capire la mancanza di fondi, ma visto che comunque i cittadini pagano le tasse, quella sui servizi indivisibili appunto, non dovrebbe essere difficile far riparare le buche che ormai sono diventati veri crateri, urge ricordare alla rispettabilissima Amministrazione che, in caso di incidenti stradali causati da buche sulle strade urbane e non, vi è responsabilità diretta dell’amministrazione, come si sole dire”prevenire è meglio che curare””.

(Lettera inviata da Antonella Umbriano, Manfredonia 13.05.2016)

FOTOGALLERY



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • Dino

    dalla foto è evidente chi ha lasciato i cartoni,nelle vicinanza stanno ampliando un capannone per un’attiva portuale.


  • linus

    l’assessore all’urbanistica …..il sindaco non fà da meno…. anzi……..poi le forze dell’ordine se ne fregano…..visto che proprio una loro via di caserma, viale michelangelo, è come le montagne russe……. tanto sanno solo …..insomma siete solo -tassa di proprietà, ex-bollo auto! vergognatevi! continuiamo a romperci pneumatici e ammortizzatori!


  • Manfredonia alla deriva totale


  • allo sfascio

    Ma dico il comumque non ha coscienza di cosa sta combinando….possibile che non può porre rimedio….ma dico sig. Sindaco non legge…non vedi che il paese é allo sfacelo…allo sbando totale
    É innegabile che l amministrazione campo ers decisamente migliore..
    Non c’è paragone….


  • Marta

    Come sempre la colpa e’ di tutti ma non la vostra ….. Fate schifo
    ….. Siete sporchi ….. Non avete rispetto per nessuno e vi permettete il lusso di giudicare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!