Scuola e Giovani

A Foggia un fiore materno è sbocciato: l’asilo nido Filippo Smaldone

Di:

Asilo nido Smaldone (st - Antonella Baratta)

ERANO anni che a Foggia non sbocciava un fiore alle porte della periferia. A dieci minuti dal centro cittadino, e precisamente laddove il sostegno è lo strumento messo in campo per migliorare la vita di chi quotidianamente affronta problemi spesso nascosti nelle mura domestiche, opera la Scuola Filippo Smaldone.

Gestita da cinquant’anni dalle Suore Salesiane del Sacro Cuore, il plesso scolastico da oggi è anche asilo nido che dal primo settembre 2012 accoglierà bambini da tre mesi a trentasei mesi. L’asilo nido Filippo Smaldone si ispira al metodo pedagogico – educativo delle sorelle Agazzi che hanno considerato il bambino come risorsa da rispettare e scoprire, e non da orientare e disciplinare secondo schemi preordinati e imposti. Un metodo che insieme a quello montessoriano fa del bambino attore del suo processo formativo e non spettatore.

L’inaugurazione del nuovo plesso adibito ad asilo nido si è svolto il 5 giugno alla presenza di numerose autorità e amici; tra questi S.E. Mons. Francesco Pio Tamburrino, Arcivescovo Metropolita di Foggia – Bovino, che ha benedetto i locali, la Madre Generale delle Suore Salesiane del Sacro Cuore, Suor Maria Longo, il Sindaco di Foggia, l’ing. Gianni Mongelli, l’Ass. comunale alle Politiche Sociali, Pasquale Pellegrino, la dirigente dell’ASL Foggia 3, la dott.ssa Giovanna Morra, e altre autorità che sin dalla prima posa in opera dell’asilo hanno apprezzato l’opera.

«La famiglia è al centro di tutto – ha affermato la Madre Superiora -. Essa ha bisogno di accompagnamento e noi la possiamo aiutare nell’opera educativa partendo dai piccolini. I genitori, purtroppo, spesso in quest’opera meravigliosa sono soli, sono disorientati. La vita consacrata – ha concluso la Madre – , in questo caso di noi Suore Salesiane del Sacro Cuore, con quest’opera abbiamo voluta rinforzare questo, essere accanto alla famiglia». In altre parole, e come giusto che sia, la famiglia al centro del mondo, segno tangibile di sacra unione e formazione, oltre che educativo. Il centro del mondo tenuto per mano dalla fede di Dio che per mezzo delle Suore si rafforza e guida genitori e figli verso percorsi sani e cristianamente formativi e d’esempio per agli altri.

La serata ha visto, che mi passi il termine, una travolgente affluenza di famiglie con i loro piccoli. Affluenza appassionata poiché la gioia e la dinamicità dei piccoli è l’espressione della pura forza dell’innocenza che si trasforma in gioco, felicità di esserci per esprimersi. E a cornice degli esultanti “schiamazzi” dei bambini c’era la letizia dei loro genitori e delle suore, sempre attente a fornire ai piccoli il centro dell’attenzione. Una nota di merito è d’obbligo: grazie all’appassionante attività di preparazione e alla professionalità della dott.ssa Irene Ficarelli, pedagoga, l’inaugurazione ha colto nel segno, sbalordendo le stesse suore per la gioia con cui genitori e figli hanno partecipato.

L’asilo nido della scuola Filippo Smaldone è la sintesi di un rinnovamento del plesso scolastico, ottenuto con i sacrifici delle suore e di chi ha creduto nel progetto, unico nel suo genere e nel territorio. L’attività del bambino, che trarrà beneficio del nuovo asilo nido, avviene in ambienti familiari, dove gli sarà concesso di esprimersi con naturalezza, dove dai primi mesi verrà alimentato secondo le sue peculiarità. In questo modo il bambino crescerà in linea con le sue esigenze guidato dal metodo pedagogico – educativo delle sorelle Agazzi. Tra le principali attività che l’asilo fornirà c’è l’educazione al sentimento, alla linguistica, al bel canto, al giardinaggio, ed il tutto tonificato da sani esercizi di vita pratica e ricerca delle cose, cosiddetta “delle cianfrusaglie”. Le attività si svolgeranno in appositi laboratori dove musicoterapia, psicomotricità e logopedia faranno da guida per le attività teatrali, musicali, di relazione con gli altri e di grafica pittorica. E tra un gioco – lezione e un altro, l’asilo metterà a disposizione, attraverso le preparatissime suore, il servizio mensa certificato secondo le norme vigenti dell’H.A.C.C.P.

Che dire care lettrici e cari lettori, se avessi un bimbo in fasce credo che da settembre sarebbe stato uno dei primi a entrare nel nuovo asilo nido della scuola Filippo Smaldone. L’intento che la scuola ha, e lo dico col cuore oltre che con la mente, è di creare una continuità reale e naturale tra ambiente familiare e scuola, affinché il bambino possa maturare la consapevolezza di affrontare ogni altro ambiente futuro, sia scolastico, sia e soprattutto della vita.

Un fiore materno è sbocciato, l’asilo nido, e con esso la consapevolezza di alimentarlo con il bene per i nostri figli educandoli, anche con la professionalità di educatrici esterne, ma soprattutto con la santa e materna mano di sorelle che da sempre vivono per il prossimo.

(A cura di Nico Baratta – www.newsgargano.com )



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • gianfranco

    la struttura è molto bella, pulita e accogliente. Sarà sicuramente la seconda casa di nostra figlia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi