Manfredonia

Dopo la rissa, “fermiamo gli abusivi nel mercato Scaloria. Incassi: dimezzati”

Di:

La protesta di mercoledi' 25 gennaio degli operatori baresi fuori l'ufficio Annona a Manfredonia (STATO@)

Andria/Manfredonia – OGNI cambiamento è base di tensioni: lo aveva detto il sindaco Riccardi a Stato e così è avvenuto per i mercati di Manfredonia. Mentre è stata rinviata a domani l’inaugurazione della nuova sede del mercatino in via Santa Restituta (su iniziativa dei commercianti “per evidenziare alcune lacune nell’approntamento dei servizi ausiliari quali gli allacciamenti alla corrente elettrica e alla condotta dell’acqua“, come riporta l’Ente), continuano le segnalazioni per il mercato settimanale in via Scaloria, oggetto di una lunga vertenza (giudiziaria – vedi sentenza TAR Bari)) tra operatori della Bari/Bat e l’Amministrazione comunale. Come si ricorderà, al centro della polemica l’anticipo del giorno di svolgimento, la scelta e il rispetto nei posteggi, la presenza di abusivi nel mercato.


La segnalazione degli operatori della Bat. La segnalazione giunge prima delle problematiche per via Santa Restituta: “il 28 maggio 2012 – dicono i commercianti – c’è stata una rissa al mercato settimanale di Vieste, con cadenza quindicinale, fra un operatore di Barletta, non presente comunque a Manfredonia, e due ambulanti sipontini”. Al centro del contendere: la presenza nel mercato. “Questione di centimetri”. Tanto sarebbe bastato per una lite fra i contendenti con presunto “ricovero in ospedale” di un soggetto citato. La questione è “atavica”, le ingerenze per il posizionamento dei posteggi appartengono alla storia degli ambulanti. La situazione avrebbe analogie anche nel mercato settimanale di Manfredonia. “Da giorni ci sono voci sulla volontà di rivedere il posizionamenti dei posteggi – dicono degli operatori a Stato – i pescatori lamentano di non poter essere presenti nel mercato dato il conferimento del pesce solo il martedì sera”. Inoltre gli incassi calano: “rispetto allo svolgimento al mercoledì ci sono minori presenze di cittadini di Monte, San Giovanni e Mattinata – con rispettivo incremento nei rispetti mercati cittadini – e difficoltà nei permessi dei dipendenti pubblici”. Morale della vicenda: “se prima incassavo 1000 euro a giornata – dice un operatore – ora arrivo a prenderne 400/450. E non c’entra l’Imu, la Tarsu o altro: è stata fatta una valutazione errata, dal mio punto di vista, nel giorno e nella concomitanza con altri mercati. Altro che libera concorrenza (come rilevato nella delibera di approvazione dello spostamento, n.55/22.11.2011)”. A riguardo la II^ sezione del Tar si era espressa chiaramente: richiamando l’attività istruttoria espletata dal Comune di Manfredonia che ha tenuto conto della serie di disagi che caratterizzavano la vecchia sede e la giornata del mercoledì, nonché l’esistenza di ben nove mercati settimanali ubicati nei comuni limitrofi con un bacino di utenza di 184.227 abitanti, a fronte di otto mercati settimanali nella giornata di martedì ubicati in comuni contermini con un bacino di utenza di appena 28.898, “il Collegio giudicante cita la legge regionale 18/2001 che all’articolo 11 prevede che la scelta del giorno di svolgimento di fiere e mercati debba essere effettuata evitando la sovrapposizione con analoga attività in comuni contermini”.

Il provvedimento impugnato – come evidenziato dal Collegio dei giudici – risulta altresì corredato di adeguata motivazione, in quanto sulla base dell’istruttoria espletata e dei dati acquisiti, rende perfettamente comprensibile l’iter logico seguito per l’adozione del provvedimento“. Di qui la conclusione del Collegio giudicante di respingere il ricorso e di accollare le spese di giudizio ai ricorrenti”. Ma la problematica resta.


“Molti ambulanti baresi hanno ceduto le licenze”.
“Ad oggi siamo 360 ambulanti nel mercato in zona Scaloria; 200 sono della Bari/BAt, una quarantina nel limbo intenzionati a cedere le licenze ai locali; il resto sono della Provincia di Foggia, in primis Cerignola; una ventina gli abusivi”, vale a dire “spuntisti (autorizzati per una giornata, con pagamento quotidiano e non autorizzati permanentemente, ndR), “che si posizionano dove vogliono non tenendo conto delle delimitazioni nei posteggi”. “I locali abusivi si sono impossessati di spazio ottimi come afflusso di gente, inesistenti sulla piantina e impossibili da usare perchè posizionati su marciapiedi e su passaggi per mezzi di soccorso, una delle principali motivazioni dello spostamento dalla zona Monticchio. Ora ad ogni mercato al martedì vengono spostati sempre gli operatori della Bat, per agevolare pochi eletti in modo sfacciato”, così in una passata missiva inviata a Stato da un gruppo di operatori della Bat, relativamente al mercato in zona Scaloria.

Inoltre “non ci sono più le bancarelle del pesce, dove ogni mercoledì acquistavamo noi stesso il pescato – dicono gli operatori della Bari/Bat – ma soltanto quelli della frutta”. Per la tutela dei loro diritti: “ci sentiamo delusi anche dall’operato di alcuni sindacalisti, tante lotte e battaglie ma alla fine siamo stati obbligati a scegliere di venire il martedì per non perdere il nostro giorno di lavoro. Altri operatori invece hanno già venduto le loro licenze. Ma non a manfredoniani bensì a Foggiani, in primis ambulanti di Cerignola”.

Alcune settimane fa il Sindaco di Andria Giorgino si era rivolto al Governatore Vendola per l’apertura di un tavolo di concertazione volto a raggiungere un’intesa tra Regione Puglia, Comune di Manfredonia e rappresentanti sindacali degli operatori. Al di là delle polemiche, data la volontà comune: Ente, operatori baresi e locali, le parti si augurano “una celere ripresa economica e di posizionamenti nel mercato in zona Scaloria”.Così voglion tutti.


g.defilippo@statoquotidiano.it



Vota questo articolo:
14

Commenti


  • gianluca

    bravi tutti scienziati sottobanco


  • fagiano1973

    se prima incassavo 1000 euro a giornata – dice un operatore – ora arrivo a prenderne 400/450

    A NERO! e ti lamenti pure? vaffanculo!


  • Petronius

    Per la Redazione: può informarsi che fine ha fatto il ricorso alla sentenza del TAR?


  • Redazione

    Allo stato non risulta, dopo recente ascolto sindacati; in caso di maggiori informazioni, comunicheremo; grazie a Lei; Red.


  • ANGELICA79

    fai così e nn và bene.. Fai pomì e nn và bene?! Akkunttatv!


  • priscilla


  • maria


  • Matteo

    Manfredonia si,Manfredonia no , a Manfredonia comandano i pazzi.


  • GIUSEPPE

    che paese di incantati …possibile che dei barlettani del ca…devono comandare a manfredonia ? oltre che a portarsi via milioni ? e a tromb…un bel po’ di manfredoniane? ma ci vogliamo svegliare ? amanti dei forestieri !! solo quello sapete fare anzichè pensare di sfruttare x noi del posto qualche piccola risorsa ancora esistente..


  • BAT commerciante

    I commercianti di Manfredonia sono tutti onesti vero?Dai vostri commenti si sente il fervore che avete dentro.Se sputate in cielo in faccia vi viene.Per colpa della mentalita’ da commercianti che vogliono solo fregare vi state rovinando da soli(non siete tutti cosi’ ma per colpa di pochi pagano tutti)avete rovinato il turismo del Gargano a furia di fregare chi vi portava cultura e ricchezza e ora state facendo la stessa cosa col mercato.E la barzelletta e’ che avete il “permesso” della politica locale che come l’islam ha interesse ad accontentare il proprio popolo con le briciole,lasciarlo ignorante ed arricchirsi alle sue spalle.W i politici di Manfredonia.


  • ANGELICA79@

    bravo commerciante bat hai ragione! I commercianti di Manfredonia stanno montadi di cabina avascet i prezz e mangiamo noi e voi!


  • angelica79

    bravo commerciante bat hai detto bene! I commercianti di Manfredonia si son montati la capa! Avascet i prezz e mangem noj e voj!


  • GIUSEPPE

    x bat e angelica 79 , qui non si parla di onesta ma di venire con tutte le pretese a comandare a casa nostra. è stato deciso cosi’ , allora stop alle polemiche , se fosse stato il contrario nella mat non ci avrebbero nemmeno fatti entrare !!! Il turismo sul gargano? di certo non lo abbiamo rovinato noi a manfredonia, (xche’ qui’ di turismo non si vede nemmeno l’ombra visto che non c’e’ un cavolo)….la politica locale forse x la prima volta ha fatto una cosa giusta…


  • BAT commerciante

    Giuseppe e’ questo il vostro vero problema.La mentalita’ retrogada.I tuoi compaesani possono venire nella Bat quando vogliono,adesso ci vengono ogni giorno nei nostri ingrossi,a fare i mercati ma se non sono competitivi a casa loro e cercano di esserlo cercando di annullare la concorrenza con la cosa piu’ zozza che esiste al mondo,la politica,pensi che lo siano fuori?Giuseppe ricordami secondo un sondaggio quale era la citta’ meno vivibile d’Italia?Esci fuori e guarda avanti.E poi la vostra provincia la comandano solo politici e africani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi