Manfredonia
Fonte Ufficio Stampa Comune di Manfredonia

Manfredonia, “Il mare è di tutti”

Cinque postazioni presso il Lido Aurora, dal 15 giugno al 31 agosto, dedicate esclusivamente ai ragazzi che aderiscono alle attività dei Servizi sociali comunali

Di:

Manfredonia. Sarà un’estate diversa dal solito, in senso positivo, per alcuni ragazzi manfredoniani. La Giunta comunale ha deliberato, infatti, di collaborare al progetto promosso dai gestori del Lido Aurora di Manfredonia, che hanno proposto una serie di postazioni, sul proprio arenile, dedicate esclusivamente ai bambini che aderiscono alle attività organizzate dall’assessorato alle Politiche sociali della Città di Manfredonia. Che possano essere ragazzi inseriti nel servizio di Assistenza Domiciliare Educativa (ADE), quindi minori di nuclei familiari, anche monogenitoriali, in condizioni di grave svantaggio socio-educativo, relazionale e culturale, oppure quelli che prendono parte al Programma di Intervento per la Prevenzione dell’Istituzionalizzazione (P.I.P.P.I.), che ha il fine di ridurre il rischio di allontanamento dei bambini dal nucleo familiare d’origine, o anche minori frequentanti il Centro aperto polivalente per minori ed il Centro sociale polivalente per diversamente abili, prossimi all’inaugurazione, ci sarà, per loro, la possibilità di aggiungere alle attività quotidiane culturali anche quella sociale, da svolgersi in spiaggia.

Più nel dettaglio, il Lido Aurora ha approntato cinque postazioni, dotate di ombrelloni e sedie, che saranno nella disponibilità dei soggetti, minori o diversamente abili, indicati dai Servizi sociali comunali. Per tutta la stagione estiva balneare, dal 15 giugno al 31 agosto prossimi, dal lunedì al venerdì, i ragazzi in questione potranno tranquillamente usufruire del servizio gratuito offerto loro sulla spiaggia di Siponto. L’assessora Antonella Varrecchia, impegnata in prima persona nel rendere concreta la proposta ricevuta, si dichiara soddisfatta per essere riuscita a “costruire un dialogo costruttivo, tra pubblico e privato, a vantaggio dei ragazzi coinvolti nelle attività ludico – ricreative che gravitano intorno ai progetti gestiti dall’assessorato alle Politiche sociali”. “Una bellissima iniziativa – commenta a sua volta il sindaco Angelo Riccardi – di alta rilevanza sociale, finalizzata alla socializzazione e alla condivisione di esperienze di vita quotidiana. Un modo, inoltre, per far vivere la vacanza anche a chi, altrimenti, avrebbe maggiori difficoltà”.

Il servizio prevede l’accesso allo stabilimento balneare e comprende l’accompagnamento alla struttura balneare e il successivo rientro secondo un orario predeterminato. “Proporre attività estive significa offrire ai giovani un percorso educativo nei mesi durante i quali tante attività si interrompono. L’augurio e la speranza – conclude l’assessora Varrecchia – sono quelle che una tale apprezzabile iniziativa possa divenire da stimolo ed esempio moltiplicatore per altre realtà private della nostra città, affinché tutti gli spazi siano accessibili a tutti”.

(Fonte Ufficio Stampa Comune di Manfredonia)



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • ciro

    bravi il mare e’ di tutti allora perche’ hanno recintato la spiaggetta vicino allo stabilimento nuovo ??????????


  • svolta

    Tutti gli spazi…. , ma non le spiagge e gli scogli…. quelli sono di prerogativa dei familiari e degli amici…..


  • I POLITICI SIPONTINI SONO CINICI E TRADITORI DEL POPOLO DI MANREDONIA!

    DI QUALE MARE PARLATE ORMAI A MANFREDONIA CI SONO SOLO CEMENTI, ZONE PALUDOSE, CANNETI, PORCHERIE DI OGNI GENERE 2 SCOGLI ADIBITI AD ATTIVITA COMMERCIALI E UN METRO QUADRO DI SPIAGGIA CARNAIO PEGGIO DEGLI INDIANI QUANDO FANNO IL BAGNO DEL CANGE!


  • IL GRANDISSIMO INCUBO MOSTRUOSO DI SAN SPIRITICCHIO

    non solo il mare è nostro, lo è anche tutto il resto.


  • Assessora senza proposte sue

    Veramente abbiamo una disponibilità di spazi enormi sia sulla scogliera che sulle spiagge libere. Qualsiasi bambino può accedervi gratuitamente quando vuole e senza impedimenti. Personalmente non ho mai visto bambino starsene volentieri fermo sotto gli ombrelloni o seduto alle sedie sdraio… Per cui non comprendo la necessità di rivolgersi a stabilimenti privati. Secondo me al max servivano solo degli accompagnatori. Giudico pertanto questa iniziativa inutile. Serve solo a buttare fumo negli occhi e a dare visibilità a chi, in qualità di assessore, le proposte dovrebbe essere in grado di farle e non solo di riceverle da altri.


  • ILPORTAQUAGLIA

    ADESSO E’ UFFICIALE: IL NOSTRO E’ UN PAESE DI IGNORANTI !!!!
    DOPO IL COMMENTO PRECEDENTE CREDO CHE NON ABBIAMO PIU’ SPERANZE…SIAMO IGNORANTI E STOP


  • Assessore "per caso"

    Ma se non ci fosse stata la proposta e la disponibilità di questo stabilimento balneare, cosa avrebbero fatto i servizi sociali per questi ragazzi? Probabilmente niente, perché l’assessore al ramo è privo di qualsiasi idea e buone proposte per loro. L’ignoranza si alimenta facendosi selfie dalla mattina alla sera senza produrre niente di buono per la collettivita’ e installando cancelli abusivi che deturpano palazzi di pregio storico artistico e aumentano le distanze tra la poltica e i cittadini.


  • Foggia forever

    Peccato che il 2 giugno 2016 ha mandato via 4 bambini che stavano sulle altalene del parco giochi del suo lido…perché si trattava di proprietà privata e i bambini nn potevano giocare perché nn avevano l’ombrellone……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati