EditorialiManfredonia
Ottantuno. E’ il numero dei servizi pubblici incompiuti rilevati, in Puglia

Puglia, radiografia delle opere pubbliche incompiute

Tra le opere che richiedono non pochi soldi per la fine dei lavori c’è la sistemazione idraulica di Capodacqua

Di:

Bari. Ottantuno. E’ il numero dei servizi pubblici incompiuti rilevati,in Puglia, dall’ultimo monitoraggio svolto dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Un bel salto di qualità,in materia di uso del pubblico denaro, dato che le opere non concluse passano da 59 (anno 2013) a 81 (fine anno 2014). La Puglia,insieme a Calabria e Abruzzo e Lombardia, è la regione con il più alto numero di strutture essenziali non ultimate.

Ecco: a Foggia se ne contano 23, a Lecce 13, a Taranto 16,a Bari 11, a Brindisi 9, e 3 nella provincia Barletta Andria Trani. Risultano non completati impianti irrigui, carceri, scuole, cimiteri, mercati, condutture fognarie, bonifiche ambientali. Il valore ammonta a 235 milioni di euro mentre nel 2013 era pari a 160 milioni.

Tra le opere che richiedono non pochi soldi per la fine dei lavori c’è la sistemazione idraulica di Capodacqua nel territorio che va da Gravina a Poggiorsini (34 milioni di euro), il restauro del palazzo degli uffici in piazza Archita di Taranto (33 milioni), la realizzazione del serbatoio d’acqua riconducibile alla Diga Saglioccia in agro di Altamura i cui lavori di costruzione sono iniziati nell’anno 1973 (30 milioni), la messa in sicurezza della fabbrica di manufatti in amianto Fibronit spa,sede legale Casale Monferrato, situata a Bari (14 milioni), la bonifica della zona Gasometro che si trova nella parte settentrionale del quartiere barese Libertà (12 milioni).

Il 3 giugno 2015 il Governo nazionale presieduto da Matteo Renzi interviene sulla questione “opere incompiute” affermando che è in via di elaborazione “ uno schema di provvedimento teso a fornire agli Enti locali il superamento delle criticità economico-finanziarie determinati l’incompiutezza delle opere,nonchè misure per il reperimento di risorse finanziarie anche attraverso un fondo specifico per quelle opere di valenza istituzionale e strategica”. Passato giusto un anno e sette giorni,non si ha contezza di notizia o decreto in merito sia allo schema pro Enti locali e sia al Fondo unico monetario. Nel frattempo le costruzioni incomplete restano imprigionate nel degrado,con relativa moltiplicazione dello spreco di finanziamenti statali, parastatali e regionali.

(A cura di Nino Sangerardi, autore del testo ‘Quello che i pugliesi non sanno’)



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Porto turistico senza barche - Mercato ittico senza pesce e Stazione fantasma di Manfredonia ovest

    Perchè non fate il censimento anche delle opere terminate e che inutili?


  • e io pago

    E l amministrazione dormeee…sveglia…vedete che non é sempre festa okkio che la popolazione é all estremo….


  • Svolta

    A Manfredonia altro che opera incompiute…. c’è anche il fatto che molte o pare incompiute… ma guarda caso quasi ultimate, ci sono le opere rilevatesi sbagliate…. di cui nessuno ha dato conto o ha pagato…. Tanto le OO.PP. sono di tutti e quindi di nessuno…e perciò nessuno paga in proprio se non il solito Pappagone….


  • Pantalone

    Le opere immortalate sono della prima Repubblica.
    Quelle successive addirittura alcune sono scomparse, la pista ciclabile di Siponto (quasi 2 miliardi di vecchie lire) altre sono visibili e hanno recato un danno incalcolabile al mare (strage biblica di poseidonia) barriere frangiflutti che ha creato delle immense paludi e canneti in piena città!
    Altre inutili completamente inutili (basta controllare il movimento barche e i guadagni e posti di lavoro) altre autentici fantasma vedi la stazione di Manfredonia Ovest!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati