FoggiaLavoroManfredonia
"Come Sinistra Italiana continueremo la nostra battaglia"

Borraccino: “Sulle Sanitaservice l’elefante ha partorito un topolino”

"Per queste motivazioni giudichiamo del tutto insufficiente la relazione consegnata dal Gruppo di Lavoro appositamente costituito e ci chiediamo anche quanto sia costato, in consulenze esterne, un documento redatto con metodo compilativo che davvero non fornisce alcuna indicazione utile"

Di:

Foggia. ”Sulle Sanitaservice, la montagna ha partorito il più classico dei topolini. La relazione consegnata nei giorni scorsi alla Giunta regionale, infatti, e redatta dopo un anno di lavoro dal Gruppo di studio costituito nel maggio del 2016 per analizzare la complessa vicenda giuridica legata all’affidamento in house dei servizi strumentali nel comparto sanitario, si limita a passare in rassegna argomentazioni già ampiamente note che, però, vengono utilizzate “ad usum Delphini” al solo scopo di confermare una tesi preconfezionata”. Lo dice in una nota il consigliere Mino Borraccino, Presidente della II Commissione.

”Quello che emerge con chiarezza dalla relazione, infatti, è che il gruppo di lavoro coordinato dal Segretario Generale della Presidenza, lungi dal condurre una analisi rigorosa sulle diverse opzioni in campo per garantire i servizi strumentali imprescindibili per il funzionamento del sistema sanitario regionale, si è limitato a fornire argomentazioni (in parte già note e in parte quanto meno discutibili nel merito) funzionali a confermare una scelta che pare già compiuta. In sostanza la relazione consegnata alla Giunta non rappresenta un documento utile per analizzare le diverse opzioni in campo e consentire alla politica di compiere una scelta così delicata sulla base di un quadro di riferimento chiaro, ma solo un documento commissionato per avvalorare una scelta (quella della costituzione di un’unica Sanitaservice che accorpi le sette società esistenti) che sembra già assunta e che rischia seriamente di mettere a repentaglio centinaia di posti di lavoro.
La decisione di accorpare le Sanitaservice esistenti affidando all’unica società da costituire solo alcuni dei servizi strumentali in favore del Sistema Sanitario Regionale, infatti, rischia di lasciare privi di occupazione moltissimi lavoratori addetti a quei servizi che vengono considerati del tutto immotivatamente “non esternalizzabili” e che quindi si intende affidare ricorrendo al mercato privato, a seguito di procedure ad evidenza pubblica.

Noi continuiamo a credere che questa sarebbe una scelta scellerata e immotivata, sul piano giuridico, anche perché manca completamente una valutazione sui costi di questa operazione e sulla ricaduta, certamente negativa, sulla qualità dei servizi.

Per queste motivazioni giudichiamo del tutto insufficiente la relazione consegnata dal Gruppo di Lavoro appositamente costituito e ci chiediamo anche quanto sia costato, in consulenze esterne, un documento redatto con metodo compilativo che davvero non fornisce alcuna indicazione utile.

Come Sinistra Italiana continueremo la nostra battaglia a difesa della qualità dei servizi resi in questi anni dalle Sanitaservice, a difesa dei risparmi di spesa che queste hanno consentito e, soprattutto, a difesa dei lavoratori che devono poter guardare con fiducia al loro futuro occupazionale”.



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Redazione

    SANITASERVICE: OGGI RIUNIONE CON SINDACATI
    Riunione oggi in Regione per valutare l’impatto sull’organizzazione delle Sanitaservice pugliesi, le società in house delle Asl e delle Aziende ospedaliere pugliesi, delle sentenze del Tar e del Consiglio di Stato e della nuova legge Madia sull’affidamento dei servizi. Presieduta dal presidente Emiliano, con il direttore del dipartimento Politiche della Salute Giancarlo Ruscitti e con il segretario della Presidenza Roberto Venneri alla presenza dei DG di Asl e Ao, la riunione è stata un utile momento di confronto con i sindacati sui risultati del gruppo di lavoro istituito sulla questione per rendere omogenea l’organizzazione delle Sanitaservice in tutta la Regione. La riunione è stata aggiornata per permettere di valutare – a seguito di ulteriori approfondimenti – le prossime decisioni.


  • Redazione

    FUMAROLA E MELISSANO: ATTENDIAMO DA EMILIANO UNA CONVOCAZIONE SEPARATA

    “La Cisl Funzione Pubblica Puglia non partecipa alla riunione di oggi presso la sede della Regione Puglia sull’annosa vicenda dei lavoratori Sanitaservice perché il confronto con il Presidente Emiliano su questioni così importanti deve avvenire in sessioni separate rispetto ad altre numerose sigle sindacali non firmatarie del contratto”. Questa la dichiarazione congiunta dei Segretari generali della Cisl Puglia, Daniela Fumarola, e della Cisl Funzione Pubblica regionale, Giuseppe Melissano, sulla convocazione odierna riguardo i lavoratori delle società in house delle Asl pugliesi. “Le Sanitaservice di Puglia – aggiungono Fumarola e Melissano – sono un valore aggiunto a ciò che il sistema pubblico esprime nella Sanità pugliese. Difenderemo la scelta dell’internalizzazione dei servizi governati dalle società in house nelle Asl della Regione Puglia per garantire i posti di lavoro, le retribuzioni e migliorare la qualità del servizio. Oltretutto – sottolineano i sindacalisti – in coerenza con quanto fino ad ora si è affermato nell’ambito delle relazioni sindacali (così come avviene nelle singole Aziende sanitarie) Cgil Cisl Uil hanno già chiesto al Presidente Emiliano di confrontarsi seriamente sulle questioni che riguardano Sanitaservice, in sessioni separate rispetto ad altre numerose sigle sindacali non firmatarie di contratto. La richiesta è stata inviata prima dell’incontro previsto per il 13 giugno organizzato dal Presidente Emiliano, con una lettera a firma dei Segretari Generali confederali regionali. E a tal proposito il Presidente aveva dato rassicurazione sulla convocazione di una riunione nei prossimi giorni. Quella di oggi, quindi, non è una nostra mancanza ma una naturale assenza rispetto alle promesse di Emiliano” concludono Fumarola e Melissano. Secondo la Cisl Puglia e la Cisl Funzione Pubblica regionale il patrimonio delle risorse umane, dei posti di lavoro, delle retribuzioni, di un sistema di internalizzazione in house (unico caso in Italia), rappresenta la garanzia dei servizi pubblici che operano in sanità e ciò non prescinde dall’accordo, di audit e verifica, che Emiliano stesso ha sottoscritto il 12 dicembre 2016 con Cgil Cisl Uil anche su questa materia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi