Manfredonia
Flash mob del Collettivo InApnea a sostegno della causa degli scioperanti

Manfredonia, sciopero lavoratori Casa di riposo “Anna Rizzi”: “Il lavoro è un diritto” (FOTO-VIDEO)

"Ad oggi i lavoratori non pongono soltanto il sacrosanto problema degli stipendi arretrati, ma sono anche gli unici a chiedere che la struttura sia rilanciata e possa continuare a funzionare serenamente"


Di:

Manfredonia, 13 giugno 2017. Stamani, 13 giugno 2017, si è svolto uno sciopero indetto dai lavoratori e della lavoratrici della Casa di Riposo “Anna Rizzi” a Manfredonia. Il Collettivo Inapnea ha aderito al presidio, anche attraverso un flash mob a sostegno della causa degli scioperanti.

TESTO DELL’APPELLO DEI CITTADINI E DEI LAVORATORI
”Il 13 giugno si terrà una nuova mobilitazione sindacale dei lavoratori della Casa di Riposo “Anna Rizzi”: i lavoratori in appalto protesteranno per chiedere gli ormai sette mesi di stipendi arretrati e garanzie sul pagamento delle nove mensilità per i quali il tribunale ha già stabilito il pignoramento delle risorse.

Ormai da anni la storica casa di riposo di Manfredonia è commissariata ed in cronica sofferenza forse proprio a causa di un lungo commissariamento che appare senza progetto e della mancanza di un serio interesse delle amministrazioni comunali seguitesi negli anni: la struttura ha ormai accumulato debiti per centinaia di migliaia di euro e chiude ogni anno il proprio bilancio in negativo. Ad oggi i lavoratori non pongono soltanto il sacrosanto problema degli stipendi arretrati, ma sono anche gli unici a chiedere che la struttura sia rilanciata e possa continuare a funzionare serenamente: senza un valido progetto di rilancio e senza un futuro stabile l’impegno di chi svolge il suo lavoro quotidianamente con amore e con passione, nonostante le incredibili difficoltà, rischia di non essere più sufficiente.

È compito dei cittadini e della società civile chiarire senza ombra di dubbio che la Casa di Riposo ha un valore storico, perché costituisce un importante lascito del volontariato cattolico sipontino, ha un valore affettivo, per quello che è riuscita ad offrire a tanti anziani ed anziane nel corso degli anni, ma ha anche un importante valore per il diritto alla salute delle generazioni a venire e per il diritto al lavoro di 20 lavoratori e delle loro famiglie.

Manfredonia, sciopero lavoratori e lavoratrici Casa di Riposo “Anna Rizzi”

Manfredonia, sciopero lavoratori e lavoratrici Casa di Riposo “Anna Rizzi”

Noi cittadini e cittadine, associazioni e comitati, chiediamo un serio impegno di Regione e Comune di Manfredonia perché:
• nell’ambito della trattativa sindacale si ascoltino le ragioni degli scioperanti e sia garantito al più presto il pagamento delle mensilità arretrate ai lavoratori ed alle lavoratrici;

• si arrivi il prima possibile all’accreditamento dei posti RSA (Residenza Sanitaria Assistenziale) messi a disposizione dalla ASL per gli anziani bisognosi di assistenza ed indigenti permettendo alla struttura di raggiungere il pareggio di bilancio e di offrire un servizio in linea con la sua storia di solidarietà;

si investa sulla valorizzazione del patrimonio immobiliare di proprietà della Casa di Riposo per restituire finalmente Villa Rosa alla sua vocazione di assistenza ai bisognosi;

• si concluda il prima possibile il commissariamento della struttura e si ritorni ad una amministrazione ordinaria trasparente e sensibile ai diritti ed alle esigenze dei lavoratori.

A Manfredonia non si può più scherzare con la salute ed il lavoro”.

FOTOGALLERY

Manfredonia, sciopero lavoratori Casa di riposo “Anna Rizzi”: “Il lavoro è un diritto” (FOTO-VIDEO) ultima modifica: 2017-06-13T11:38:46+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • deluso

    Sono con i lavoratori e soprattutto con gli ospiti (anziani) , mi auguro che quella struttura non faccia la fine del cero che si consuma piano, piano.
    Lo dico perché troppi politici hanno gustato la nutella

  • I lavoratori vanno pagati e subito ma in che paese viviamo è vergognoso assistere a queste situazioni in un paese dove si buttano milioni di euro dappertutto.


  • ROSETTA

    Salve, sono solidale coi colleghi della Anna RIzzi.
    Io lavoro alla Stella Marisi. Qui non è che stiamo meglio di Voi. Anche noi avanziamo degli stipendi arretrati. Eppure qui gli ospiti, pagano puntualamente la retta, anche salate. I parenti debbono provvedere all’acquisto dei farmaci, per le terapie etc. ect…….Facciamo turni massacranti, senza riconoscimenti. Quando l’ascensore si rompe, siamo costretti a far scendere e salire a mano gli anziani.
    A volte manca l’acqua calda, i poveretti si lavano con l’acqua fredda.
    Se ci rivolgiamo ai Sindacati, i dirigenti ci guardano cin un occhio storto. Poi i soldi la Nostra Direttrice che ci fa? Ops dimenticavo, siamo in estate. Buona serata e forza e coraggio. Vi comprendo, siamo con Voi tutti


  • Cittadino

    Con quel commissario che avete è molto difficile riuscire a tirare avanti xche ha fatto fallire l’azienda del padre e adesso sta con un altro che pure lui ha chiuso l’azienda facendola fallire quindi speranza zero


  • POLITICI SIPONTINI INUTILI

    poveri vecchietti e poveri lavoratori…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi