Manfredonia
"C'è volontà di risolvere il problema, tamponando la situazione d'emergenza"

Ritucci “Sicurezza SS89 – San Leonardo, ANAS ci ha detto di non conoscere la problematica”

Di:

Manfredonia, 13 giugno 2017. ”SU quest’argomento abbiamo letto diversi comunicati, anche da esponenti politici. Da incontri avuti con referenti dell’ANAS, di Foggia e di Bari, agli stessi non risultano note o comunicati ricevuti da politici. Ora: c’è volontà di risolvere il problema, tamponando la situazione d’emergenza, partendo dal blocco e dunque dalla divisione delle due corsie. I fondi ci sono. Ma la cosa grave resta che gli ingegneri dell’ANAS, prestando fede a quanto detto, non sapevano nulla in merito alla problematica. Cosa è stato fatto allora in questi anni?”. Così il consigliere del Movimento 5 Stelle di Manfredonia, Massimiliano Ritucci, in merito agli interventi per la sicurezza della SS89, nei pressi dell’Abbazia di San Leonardo.

Sui fatti si era espressa ieri la consigliera regionale del M5S, Rosa Barone.”È necessario un intervento da parte di Anas per mettere in sicurezza la SS89. Un intervento che, nell’immediato, potrebbe consistere nella semplice realizzazione temporanea di una barriera spartitraffico di New Jersey. Il taglio dei fondi destinati ai lavori stradali ha infatti interessato questa arteria che da Foggia conduce a Manfredonia con la conseguenza che, soprattutto in estate, quando il traffico in alcuni tratti diventa insostenibile, si generano ingorghi e incidenti stradali.” La missiva indirizzata dalla Barone ai vertici Anas segue la sollecitazione dei consiglieri comunali Gianni Fiore e Massimiliano Ritucci che a loro volta hanno fatto loro le richieste di cittadini e comitati manfredoniani, da anni attenti al tema sicurezza sulla SS89.

I CONSIGLIERI DEL MOVIMENTO 5 STELLE DI MANFREDONIA

I CONSIGLIERI DEL MOVIMENTO 5 STELLE DI MANFREDONIA

Ho partecipato ad un incontro presso l’Anas di Bari – continua la consigliera pentastellata – nel corso del quale ho fatto presente questo problema al fine di sopperire a tutta una mancanza di accorgimenti che rendono insicura la strada, soprattutto nel tratto a ridosso della chiesa di S.Leonardo. I cittadini da anni lamentano la mancata sicurezza della predetta porzione di tracciato e ho sentito quindi il dovere, come portavoce e rappresentante del territorio, di segnalare tale situazione per tutte quelle persone che quotidianamente per lavoro o svago percorrono la strada in questione.

Per questo ho chiesto all’Anas – prosegue – di realizzare nell’immediato uno spartitraffico che potrebbe rappresentare la soluzione temporanea al problema della sicurezza nel tratto che va dalla fine dell’aeroporto Amendola fino all’imbocco della tangenziale di Manfredonia. Un intervento per tamponare una situazione di emergenza – conclude la consigliera foggiana – che richiede l’impiego di esigue risorse finanziarie. Sono certa che l’Anas, che ringrazio in anticipo per l’attenzione, saprà prestare la giusta attenzione al territorio.”



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • ANTONIO

    Non voglio contraddire gli ingegneri però mi risulta che verse volte i Frati dell’Abbazia hanno sollevato il problema ed in merito, inoltre, mi risulta che recentemente il Prefetto di Foggia ha tenuto una riunione in cui erano presenti anche i rappresentati dell’Anas di Foggia. Adesso, visto che è stato appena recapitato un plico con le firme di oltre 7.000 cittadini che invocano la messa in sicurezza di quel tratto di strada, penso che non potranno più affermare “non sappiamo nulla della problematica”.


  • cittadino

    Questo è un altro esempio che ci fa dire che siamo in “italietta”…..


  • Giggino

    E voi che ci state a fare ?


  • POLITICI SIPONTINI INUTILI


  • Alfrefonia

    Hanno ragione di non conoscere la problematica, infatti loro stanno in UFFICIO, mica sulla strada.
    Il colmo e’ che.non leggono i giornali, e non hanno tempo per le.notizie di incidenti stradali.
    Ecco cos’e’ la burocrazia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi