ManfredoniaMattinata
Sabato 16 luglio, con partenza alle ore 20.30 dalla villa comunale

Mattinata, fiaccolata per Francesco Armiento “Comunità sia unita”

Le attività di indagine sono condotte dai Carabinieri della Compagnia di Manfredonia

Di:

L'avvocato Pierpaolo Fischetti

L’avvocato Pierpaolo Fischetti

Mattinata. IN programma sabato 16 luglio, con partenza alle ore 20.30 dalla Villa comunale, la fiaccolata a Mattinata per Francesco Armiento, 29enne del luogo del quale non si hanno più notizie dal 27 giugno 2016. Partenza della fiaccolata dalla statua di Padre Pio, per poi proseguire sul corso fino ai 4 pali. In seguito ci si muoverà per via Martiri Fosse Ardeatine, Via Tor di Lupo, per concludere nei pressi della Chiesa, per un momento di preghiera.

“Molteplici le finalità della fiaccolata”, dice a Stato Quotidiano l’Avvocato Pierpaolo Fischetti del Foro di Foggia, legale della famiglia Armiento. “Innanzitutto un nuovo appello per ritrovare Francesco, inoltre un momento di preghiera che funga da collante per la comunità. Questa fiaccolata – continua il legale – ha la funzione anche di ricordare che quella di Francesco potrebbe essere la quarta morte bianca interessante il paese. Infine, con l’incontro di sabato, intendiamo rivolgere un nuovo monito alle istituzioni affinchè si indaghi su queste vicende in modo ancora più pressante”.

RICERCHE. Intanto, le forze dell’Ordine e i volontari sono ancora impegnati nelle ricerche per ritrovare il 29enne. “E’ stato ispezionato l’intero territorio tra Mattinata e Mattinatella”, ha detto a Stato Quotidiano la dottoressa Carmela Aponte, capo di gabinetto della Prefettura foggiana. “Sono stati utilizzati cani, elicotteri, con ispezione accurata di pozzi, vasche irrigue. Tutte le Forze dell’Ordine sono impegnate nelle ricerche, ma al momento non abbiamo rilevato alcuna traccia significativa per una risoluzione del caso”.

Come ricordato le attività di indagine sono condotte dai Carabinieri della Compagnia di Manfredonia, con coordinamento – come da protocollo – della Prefettura di Foggia. I familiari dell’uomo hanno presentato una denuncia per la scomparsa ai carabinieri della Stazione di Mattinata verso le ore 20 del 28 giugno scorso. Le ricerche sono condotte nel territorio dai Carabinieri, con l’ausilio del nucleo SAF (Speleo Alpino Fluviale) dei Vigili del Fuoco – anche attraverso un’unità mobile – e dei volontari dell’Associazione nazionale dei Carabinieri – Sezione Manfredonia. Allertata anche la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera. Presenti anche i volontari della Protezione civile e gli uomini del Corpo Forestale.

Attraverso un manifesto inoltrato a Stato Quotidiano dal sindaco di Mattinata, Avvocato Michele Prencipe, “L’Amministrazione comunale” comunica che “si stringe intorno alla Famiglia Armiento che vive ore di angoscia, ansia e preoccupazione per il giovane Francesco che, da alcuni giorni, non da più notizie di sè, lasciando nello sgomento parenti, amici e tutta la Comunità mattinatese. Auspichiamo che, al più presto, ci sia una svolta positiva a questo triste momento che tiene col fiato sospeso l’intera Cittadinanza”.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • luisa

    Mi hanno portato via il mio Francesco x sempre, gli hanno strappato la gioia di veder crescere suo figlio..non so in che modo riusciremo a continuare a sopravvivere ma di sicuro aspetterò il volere di Dio x coloro che hanno commesso questa atrocità.


  • speranzosa

    non è il primo caso di sparizione a Mattinata ma una domanda sorge spontanea:come mai per questo ragazzo ci si impegna di più? mi auguro di cuore che tutto vada a buon fine, sia chiaro


  • sforzatevi

    Ai casi di persone scomparse vanno aggiunti i numerosi casi di omicidi insoluti: i numeri sono da capogiro per una realtà di dimensioni cosi contenute.
    Mi pare impossibile che non si riesca a far luce su episodi di così alto spessore criminale. credo sia necessario moltiplicare gli sforzi di inquirenti e investigatori. leggendo dei casi di sparizioni ed omicidi si appalesa quale sia il filo conduttore di questa catena di sangue: il business criminale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati