GarganoManfredonia
Acquacoltura sostenibile, specie ittiche da ripopolare e aree di alto valore biologico Da domani 3 giorni di incontri a Lesina, Molfetta e Porto Cesareo

Pesca sostenibile: domani incontro a Lesina

Da domani 3 giorni di incontri a Lesina, Molfetta e Porto Cesareo

Di:

Bari. Regione Puglia in prima linea nell’Adriatico per individuare aree ad alto valore biologico e specie ittiche da ripopolare, e sviluppare pratiche di acquacoltura sostenibile attraverso metodi innovativi. Sono gli obiettivi delle azioni pilota previste dal progetto Ecosea, finanziato dal programma comunitario di cooperazione transfrontaliera CBC IPA Adriatico 2007 – 2013, che può contare su un prestigioso partenariato composto dalle Regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Marche e Abruzzo, con due Contee della Croazia e con il Ministero dell’Ambiente, Foreste e Tutela delle Acque dell’Albania. Per agevolare dialogo e collaborazione tra mondo scientifico ed operativo della pesca, la Sezione Caccia e Pesca della Regione Puglia, in collaborazione con Arpa Puglia (Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell’ambiente), ha organizzato tre incontri dal tema “Un modello adriatico per la gestione sostenibile della pesca e azioni innovative per il comparto ittico pugliese”.

Il primo appuntamento si svolgerà domani, 14 luglio, alle ore 17 a Lesina (presso il Centro Visite in via Banchina Vollaro 147), il secondo venerdì 15 luglio alle ore 17 a Molfetta (presso la sede del GAC Terre di Mare in Via S. Domenico 36) ed il terzo sabato 16 luglio alle ore 10.30 a Porto Cesareo (presso il Centro di Educazione Ambientale a Torre Lapillo).
Gli interventi saranno affidati a Gennaro Russo e Maria Adriana Cioffi, dirigente e funzionaria della Sezione Caccia e Pesca della Regione Puglia, Fabio Grati del CNR ISMAR Regione Marche, Nicola Ungaro e Michele De Gioia, dirigente e ricercatore dell’Arpa Puglia. A moderare l’incontro, la giornalista Luciana Doronzo, funzionaria della Regione Puglia, Dipartimento Agricoltura, Sviluppo rurale e Tutela dell’ambiente, responsabile alla Comunicazione del Progetto ECOSEA.

“L’attuazione di politiche comuni e progetti transfrontalieri come questi hanno importanti finalità di tipo sociale ed economico – spiega l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leo Di Gioia -: uniscono le Regioni italiane e i Paesi delle coste orientali, coinvolti tutti nel difendere la risorsa mare e gli ecosistemi marini. Per la Regione Puglia il progetto è un’ulteriore conferma del ruolo di prima linea nella salvaguardia del mare”.

Per Maria Adriana Cioffi (Sezione Caccia e Pesca – Regione Puglia) per “una gestione sostenibile delle risorse ittiche è indispensabile conoscere in maniera approfondita tutti gli aspetti che interagiscono nel sistema, da quelli biologici ed ecologici a quelli maggiormente legati all’attività di pesca vera e propria (attrezzi di pesca, sforzo di pesca, ecc.), sino alle ricadute socio-economiche”.

Nicola Ungaro (Arpa Puglia) si è infine soffermato sulla coerenza dell’obiettivo del progetto: “con i nuovi indirizzi comunitari rappresentati dalla recente Direttiva Marine Strategy (2008/56 CE), recepita dallo Stato Italiano con il D.Lgs. 190 del 2010. Ecco l’importanza della stretta collaborazione tra il mondo scientifico, che studia le caratteristiche delle specie e gli effetti dei prelievi sulle risorse, e quello operativo della pesca che si fonda proprio sullo sfruttamento delle risorse, al fine di trovare il migliore equilibrio per una gestione sostenibile”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati