ManfredoniaVieste
I militari della Capitaneria di Porto di Vieste hanno effettuato servizio in borghese

Vieste, Parola d’ordine “Spiagge libere”

La Polizia Municipale di Vieste ringrazia gli operatori turistici che mettono a disposizione le loro attrezzature

Di:

Vieste. Continuano senza sosta le operazioni di controllo sulle spiagge da parte della Polizia Municipale e della Capitaneria di Porto. Anche oggi Polizia Municipale e Capitaneria di Porto, in un gioco di squadra efficientissimo hanno chiuso altri bazar abusivi nati in riva al mare, sequestrando merce contraffatta ed attrezzature. I militari della Capitaneria di Porto di Vieste hanno effettuato servizio in borghese, fingendo di essere interessati all’acquisto, mentre gli agenti della Polizia Municipale intervenivano sequestrando la merce esposta che risulta verosimilmente contraffatta.

E’ stato richiesto l’intervento dei Carabinieri che prontamente si sono recati sui luoghi. Dal Comando Polizia Municipale di Vieste fanno sapere che i controlli dureranno per tutta l’estate e che interesseranno tutte le spiagge di Vieste, fino a quando il fenomeno dell’abusivismo commerciale sarà debellato. Per tutte le informazioni potete rivolgervi al Comando Polizia Municipale di Vieste (tel. 0884.708014) dove è stato istituito un vero e proprio team di lavoro.

La Polizia Municipale di Vieste ringrazia gli operatori turistici che mettono a disposizione le loro attrezzature, e gli organi di stampa come sempre puntuali e precisi. Si sottolinea ancora una volta l’importanza dell’azione svolta in queste settimane, a contrasto del fenomeno dell’abusivismo commerciale, della vendita di prodotti contraffatti e contro la sleale concorrenza a danno delle imprese corrette. Tali prodotti, in totale assenza delle condizioni di genuinità previste dalla vigente normativa, sono potenzialmente dannosi per la salute delle persone. Il sequestro è stato effettuato su merce di largo consumo e destinata, ove immessa sul mercato, anche a minori!!



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Teo Morlino

    MA LASCIATELI LAVORARE ‘STI POVERI CRISTI CHE A STENTO RIESCONO A METTERE INSIEME UN PAIO DI EURO PER COMPRARSI UN PANINO AL GIORNO PER SFAMARSI MENTRE NOI ANDIAMO PER BAR E LOCALI A PRENDERE APERITIVI, PIZZE HAPPY HOUR E VIA DICENDO…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati