ManfredoniaZapponeta
Si è conclusa al Ministero delle Politiche agricole la riunione relativa al fermo pesca 2017

Fermo pesca, “da Manfredonia a Bari dal 31 luglio al 10 settembre”

La soluzione prospettata per l’areale Manfredonia/Bari sarà comunque sottoposta al vaglio della DgMaredi Bruxelles per una valutazione di compatibilità con i piani di gestione alla base del fermo pesca

Di:

(www.primonumero.it). Termoli. Si è conclusa al Ministero delle Politiche agricole la riunione relativa al fermo pesca 2017 sui cui esiti sarà emanato il decreto per quest’anno. Di seguito i punti salienti, a cominciare dalle date come spiegato da Domenico Guidotti, presidente regionale di Federcoopesca: da Trieste ad Ancona 42 giorni consecutivi dal 31 luglio al 10 settembre; da San Benedetto del Tronto a Termoli 42 giorni consecutivi dal 28 agosto all’8 ottobre; da Manfredonia a Bari 42 giorni consecutivi dal 31 luglio al 10 settembre per le unità di Lft (europea) inferiore ai 12 metri. Sempre da Manfredonia a Bari 30 giorni consecutivi dal 31 luglio al 29 agosto con l’aggiunta di 10 giorni lavorativi di fermo anche non consecutivi (a scelta di ciascun armatore) da farsi comunque entro e non oltre il 31 ottobre; da Brindisi a Civitavecchia 30 giorni consecutivi dall’11 settembre al 10 ottobre; da Livorno a Imperia 30 giorni consecutivi dal 2 al 31/10.

La soluzione prospettata per l’areale Manfredonia/Bari sarà comunque sottoposta al vaglio della DgMaredi Bruxelles per una valutazione di compatibilità con i piani di gestione alla base del fermo pesca (piani di gestione che, ricordiamo, sono gli stessi utilizzati negli anni passati, ancora validi pur se in regime di proroga)». (www.primonumero.it)

Fermo pesca, “da Manfredonia a Bari dal 31 luglio al 10 settembre” ultima modifica: 2017-07-13T15:47:12+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Tritone

    OK un fermo pesca (biologico) più o meno uguale agli altri anni,
    niente di nuovo.
    Però faccio un accorato appello alle autorità preposte al controllo : di non rilasciare facilmente il permesso di reti da posta(senza nulla togliere a coloro che praticano la pesca con reti da posta) perché purtroppo come succede da sempre esse sono solo di facciata ,mentre fanno uso delle reti a strascico.
    Aggiungo che per noi pescatori il fermo è obbligatorio pur non avendo avuto retribuzioni per due anni, se non ci regolarizzano i pagamenti ci sarà ancora più illegalità .


  • Ciccillo

    Pazienza, vuol dire che acquistero’ i zanghettoni congelati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi