ManfredoniaSport
La squadra non è nemmeno dell’Amministrazione Comunale e né degli amministratori, i quali sono solo “amministratori” e non “proprietari” della “cosa” pubblica

Giovanni Ognissanti “Lettera a un presidente”

Lo so, sono stato un po’ troppo “caustico” nel trattare un tema delicato, ma credo che qui a Manfredonia si debba smettere di fare “politichetta” da palazzo o da strada, a fine personale o per alimentare amicizie e comparaggi, od avere qualche “posto al sole”…

Di:

Manfredonia. ”Ho letto con piacere che il Manfredonia Calcio è iscritto anche per quest’anno in serie D. SI tratta della quinta stagione consecutiva in questa serie, ma non è un record, infatti i sipontini riuscirono a mantenere per nove anni la categoria, a partire dal torneo 1982-83, fino ad arrivare al campionato 1990-91. Quest’anno, poi, la sfida in Serie D diviene enorme perché i cosiddetti “cugini” del Cerignola, si sono attrezzati per un campionato di vertice, mentre noi dovremo essere ancor più concentrati del solito per portare a casa la salvezza.

Ma il motivo per cui mi cimento nello scrivere alcune righe sul prossimo torneo dei biancoazzurri, è perchè ho notato nel comunicato stampa del Presidente Sdanga, una certa amarezza, una nota polemica, un voler dimostrare che nonostante tutto… c’è l’abbiamo fatta.

E no! Caro Presidente, non mi piace questo approccio, non è da te. Per quanto ti possa conoscere, tu non accetti le sfide, tu sei operativo e basta!.

E’ noto che la squadra è di tutti, appartiene alla città, è “un bene pubblico” per storia e tradizione, e non è certo di proprietà dei parassiti e degli sciacalli che ogni domenica s’inventano un “qualsiasi” motivo, un “qualsiasi” accredito pur di vedere gratis la partita.

La squadra non è nemmeno dell’Amministrazione Comunale e né degli amministratori, i quali sono solo “amministratori” e non “proprietari” della “cosa” pubblica.

Forse nel recente passato i ruoli tra “sedicente” politica ed amministratori si sono confusi, forse si è fatto “di tutta l’erba un fascio”, ma è bene capire che se una società di calcio “esercita o agisce” nell’interesse pubblico, è bene che questa debba avere dei “benefici pubblici”. Le idee personali, i propri punti di vista, non fanno parte della politica. La “Politica” è la capacità di gestire “bene” (e/o per il meglio) la cosa pubblica, non è ammissibile che una società non debba avere (ancora oggi, nonostante vecchi investimenti) uno stadio per esercitare una “funzione pubblica” come quella del football.

Lo so, sono stato un po’ troppo “caustico” nel trattare un tema delicato, ma credo che qui a Manfredonia si debba smettere di fare “politichetta” da palazzo o da strada, a fine personale o per alimentare amicizie e comparaggi, od avere qualche “posto al sole”…

Allora, Caro Presidente, ritorni ad essere quello che sei, i “personaggetti” che hanno storto il naso solo perché sulla maglia vi era un noto sponsor del gas, devono capire che, se veramente amano la città, andassero a pagare il biglietto la domenica, o andassero in giro a trovare uno sponsor (non contaminato da interessi di bottega) da inserire a bordo campo.

Personalmente, ho le mie idee sulla industrializzazione (specie quella di 50 anni fa) e sul futuro energetico della nostra civiltà, ma credo che se facessimo un piccolo salto indietro troveremmo sulle maglie della nostra beneamata, sponsor ben più pericolosi o dannosi (giusto ad onor di cronaca, tra i “neo” ambientalisti, vi è chi ha strizzato l’occhio al “gas” appena qualche anno fa). Quando hai intrapreso questa avventura, ritornando sui passi che furono di tuo padre, ereditasti una situazione nefasta, debiti con l’erario, con la FIGC, con i fornitori, ecc… Questa è stata la nostra “serie C”…

…ed allora, Caro Presidente, che il Delfino torni a saltare GLORIOSO sull’azzurro dei nostri GLORIOSI colori… (eh ssì!, GLORIOSI).

FORZA MANFREDONIA

Tuo affezionatissimo…”

Giovanni Ognissanti, Manfredonia 13.07.2017

(su richiesta dell’autore, non sarà possibile commentare il testo in oggetto)

Giovanni Ognissanti “Lettera a un presidente” ultima modifica: 2017-07-13T16:11:19+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi