Cronaca

Maratea, Guardia di Finanza sequestra un albergo

Di:

Maratea – Nel contesto del rafforzamento delle attività di controllo del territorio finalizzate al contrasto dell’abusivismo commerciale e a garanzia della sicurezza in genere, in un periodo dell’anno peraltro connotato da particolare affluenza turistica, la Guardia di Finanza di Maratea ha sottoposto a sequestro una struttura alberghiera che operava nella totale assenza di qualsivoglia autorizzazione. Si tratta dell’hotel Albratos ad Acquafredda di Maratea, già sottoposto a sequestro preventivo con provvedimento del G.I.P. presso il Tribunale di Lagonegro nel 2011 in seguito ad una vicenda che vedeva coinvolti anche alcuni funzionari del Comune di Maratea. In seguito al sequestro, la struttura era stata affidata in giudiziale custodia all’amministratore della società proprietaria dell’immobile. Fin qui tutto normale se non fosse che, nel corso di attività d’istituto espletata dai finanzieri della cittadina tirrenica, è stato notato, sin dai primi giorni del mese di agosto, uno strano andirivieni di persone che si introducevano nella struttura, di fatto chiusa al pubblico, utilizzando le chiavi delle camere.

La circostanza ha insospettito i militari i quali hanno dapprima avviato un’attività di monitoraggio dell’immobile, che ha permesso di acquisire la certezza della presenza, all’interno della struttura, di numerose persone e poi, fingendosi dei normali avventori in cerca di ospitalità, si sono introdotti nella struttura ed hanno constatato la presenza, all’interno dell’albergo, di 18 persone, tra le quali 4 bambini, che occupavano complessivamente otto camere. Tra lo stupore e la sorpresa degli avventori, sicuramente consapevoli di essere ospiti di un albergo “chiuso”, i finanzieri hanno proceduto ai rilevamenti del caso provvedendo anche allo sgombero dell’albergo.

Prezzi assolutamente vantaggiosi quelli che venivano proposti agli avventori i quali, pur di trascorrere qualche giorno di vacanza a basso costo, si accontentavano di alloggiare in una
struttura priva di ogni autorizzazione, anche di tipo igienico-sanitario. Il custode giudiziario, responsabile degli illeciti, è stato segnalato a piede libero all’A.G. competente. L’attività di servizio mira a tutelare gli operatori economici regolari dalla sleale ed illecita concorrenza degli abusivi e, nel contempo, a salvaguardare la sicurezza degli utenti che, attratti dai bassi costi, mettono a repentaglio la propria salute e la propria incolumità alloggiando in strutture a volte fatiscenti o, comunque, prive anche dei più elementari e necessari requisiti igienico-sanitari.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi