MusicaSpettacoli
Morto stroncato da un infarto a 63 anni

Matia Bazar: muore Golzi, batterista e fondatore del gruppo

In questo periodo era in tour per festeggiare i 40 anni di carriera

Di:

Roma – Lutto nel mondo della musica. A 63 anni, stroncato da un infarto, è morto il batterista e fondatore dei Matia Bazar, Giancarlo Golzi. Il musicista è morto nella sua villa di Bordighera la scorsa sera. In questo periodo era in tour per festeggiare i 40 anni di carriera. Giancarlo Golzi è stato l’unico membro della band ad esserci sempre, sin dagli inizi. In un gruppo che ha visto cambiare spesso la propria formazione, anche in maniera radicale. Ma lui è stato il perno.

Il successo dei Matia Bazar è legato agli anni ’80, con la voce di Antonella Ruggiero e Carlo Marrale alla chitarra, con Cassano alle tastiere prima e Mauro Sabbione poi nel periodo più sperimentale. I primi anni degli anni ’80 sono segnati da successi come “Vacanze Romane”, “Fantasia” e “Ti sento”.

L’abbandono della Ruggiero e la morte del bassista e paroliere Stellita avrebbero potuto mettere fine alla storia del gruppo, ma fu proprio Golzi a dare nuova vita al nome. Con Silvia Mezzanotte si giunge a un altro trionfo a Sanremo e tante tourneé, in Italia e all’estero, arrivando ai 40 anni proprio nel 2015.

Redazione Stato Quotidiano

Matia Bazar: muore Golzi, batterista e fondatore del gruppo ultima modifica: 2015-08-13T09:45:10+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Zeus

    Caro archivista di Stato quotidiano, avevate un video con i Matia Bazar realizzato al Nicotel che sarebbe stato opportuno rimandarlo adesso. Ci stavano anche le foto. Grande Giò


  • Redazione

    Cercheremo di pubblicarlo presto, grazie, a presto, Statoquotidiano.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi