Manfredonia
Il 12 aprile 2013 la sottoscrizione del Protocollo d’intesa

‘Manfredonia, un’altra Estate è passata: quando aprirà il Museo del Mare?’

Per valorizzazione della cultura del mare "in quanto ‘scrigno’ depositario di valori ambientali, scientifici, culturali e turistico-ricreativi”

Di:

Esterno Museo del Mare (ph: CC-SQ-2014)

Esterno Museo del Mare (ph: CC-SQ-2014)

Manfredonia – “FINALMENTE a Manfredonia la sede del Museo del Mare. Erano anni che si aspettava questa notizia. Ieri mattina passando da Viale Miramare ho notato lo straordinario graffito , sulla facciata del Museo, dell’artista Valerio Triennese. Ringraziamo a tal riguardo l’Associazione Centro Cultura del Mare. Ora una domanda: quando aprirà il Museo, quanto tempo deve passare ancora?“.

La domanda giunge ad oltre 2 anni (12 aprile 2013) dalla sottoscrizione del Protocollo d’intesa regolante i rapporti tra l’Associazione Centro Cultura del Mare di Manfredonia ed il Comune sipontino proteso a “sviluppare, potenziare e valorizzazione il patrimonio di beni (attrezzi, utensili, conchiglie, libri, fotografie, ecc.) proprio del Centro Cultura del Mare (C.C.M.), con particolare attenzione alla cultura del mare in quanto ‘scrigno’ depositario di valori ambientali, scientifici, culturali e turistico-ricreativi”.

STORIA. Si ricorda che la G.C. con atto n. 354 dell’08.09.2010 aveva deliberato, tra l’altro, l’individuazione presso il p.t. del Liceo Classico “A. Moro” in viale Miramare di n. 3 locali e servizi per la realizzazione del Museo del Mare in sinergia con l’Amministrazione Provinciale; nella seduta del 07.07.2011 la Giunta Provinciale aveva deliberato l’istituzione del “Museo del Mare” in Manfredonia, individuando quale sede museale i locali del Liceo Classico “Aldo Moro” già individuati dal Comune.

Il 07.07.2012 in Foggia, a Palazzo Dogana, la Provincia di Foggia, il Comune di Manfredonia e l’Autorità Portuale di Manfredonia avevano sottoscritto una Convenzione per la realizzazione del “Museo del Mare” nei citati locali. Con la stessa Convenzione la Provincia di Foggia ha concesso al Comune, in uso gratuito per 6 anni rinnovabili, i locali a piano terra (lato est) del Liceo Classico “A. Moro”. Il 12 aprile 2013 la sottoscrizione del protocollo d’intesa.

COSA DISSE AD APRILE 2014 L’ARCHITETTO BUX A STATO: “PRONTI PER LA CONSEGNA DEI LAVORI”. “Siamo oramai pronti per la consegna dei lavori – disse a Stato l’architetto Emanuele Bux, dirigente di settore del già assessorato dei Lavori Pubblici della Provincia di Foggia, direttore dei lavori e Rup relativamente ai prossimi interventi riguardanti la parte esterna dell’edificio che ospita attualmente il Liceo Classico, con parte interessata relativa alle sale macchine dell’Istituto Nautico – abbiamo già raggiunto un’intesa con una ditta di Foggia; si tratterà di rendere accessibile a tutti il sito dalla parte esterna (che si affaccia sulla Rotonda di viale Miramare,ndr); sarà importante anche rispettare le quote, le colorazioni dello stesso Lungomare. Ripeto: fine aprile per la partenza dei lavori, entro luglio la conclusione”. Spese. “150mila in totale: 100mila già stanziate ed utilizzate dalla Provincia di Foggia per la parte interna, 50mila a carico del Comune di Manfredonia”.

“I 50mila euro stanziati dall’Amministrazione comunale – disse a Stato l’assessore alle attività produttive Antonio Angelillis – saranno utili per l’abbattimento delle barriere architettoniche, così da garantire la massima accessibilità dei locali. Per i ritardi dei lavori, bisogna ricorare – aggiunge Angelillis – la lunga burocrazia per le diverse autorizzazioni (trattandosi di area Demaniale,ndr) oltre ai lavori necessari per la pulizia dei locali, con sala macchine dell’ex Nautico, in disuso, dove è stata rilevata anche la presenza di amianto. Crediamo molto in questa iniziativa; per l’interno i lavori sono stati conclusi; prossimo l’allestimento dei reperti”.

ATTO INTEGRALE CONVENZIONE

(Prima pubblicazione: 15 settembre 2014)

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
15

Commenti


  • Politica sipontina subdola

    Sono troppo impegnati nel tenere a bada le masse produttrici di Manfredonia per spianare la strada alla più grande porcata ordita contro Manfredonia dal 1968, e se dovessero aprire il museo fungerebbe principalmente come ingrediente del sedativo mentale da somministrare con cadenza al popolo sipontino.


  • svolta

    Che dire …. pare che i soldi già spesi sono stati spesi quasi inutilmente…. ma poi dico si avviano i lavori quando ci sono vincoli demaniali e forse tanti altri punti interrogativi che si sono materializzati e che quindi non permettono la fruibilità alla collettività che ne ha sopportato il costo…. a questo punto chiedo a vantaggio di chi ? Cose alla manfredoniana…. che si aggiungono alle tante opere pubbliche iniziate e rimaste sospese e/o incompiute.


  • 1968 ANIC (DC) - 2016 ENERGAS (PD) = MORTE E CREMAZIONE DI MANFREODNIA

    Mi sembra di rivivere i tempi del Minculpop e della faccetta nera..tanta ostentazione, tanti proclami e dietro solo il vuoto e le scarpe di cartone..ma questo museo del Mare è un specchietto per le allodole? Da anni troneggia sullo stabile il ritratto e il nome del museo e in realtà e sempre chiuso..


  • Museo delle cinche maschere sipontine

    Anno 1968 (Era DC) Anic inizio agonia, devastione di Manfredonia e morti x tumore;

    Anno 2000 continuano agonia, devastazione …

    Anno 2016 ufficializzazione preparativi soluzione finale con ….. città di Manfredonia.


  • antonella

    Con la cultura non si mangia, o meglio, i politicanti mangiano a sbafo, sono gli altri che devono digiunare.
    Peccato, tutto cibo sprecato visto il risultato amministrativo, neanche il miglior cibo al mondo servirebbe a dotarli di neuroni.


  • Dino

    Giovanni ci tenevi tantissimo a questo museo del mare, hai ottenuto la struttura, continua ancora così che forse tra una decina d’anni l’arredano. Mi dispiace solo che non siamo liberi come i delfini del murales.


  • Belle parole

    Abbattete quell’obbrobrio e liberate il lungomare


  • GIORGIO

    ORAMAI LO SCIOCCO ID- SVOLTA È SENZA FRENI. SPARA LE SUE -SU OGNI ARTICOLO CHE SI PUBBLICA. FRA POCO RIAPRIRÀ IL CENTRO PER ID- DEL prof AZZ QUAND SI TUST, ESIMIO -DI ORIGINE TEDESCA , ADATTO PER I SOGGETTI CHE SOFFRONO IN MANIERA GRAVE DI “RICCARDITE ACUTA.


  • Davide

    Anic era Dc e PCI uniti nella distruzione di Manfredonia


  • Pasquino

    Svolta ti chiedi a favore di chi, ma è una domanda strana la tua, perché non lo sai che e’ a mio favore. Non cose alla manfredoniana ma all’italiana tanto a loro non succede mai niente Antonella si mangia con la cultura si mangia e questa è una certezza assoluta.


  • Pasquino

    Giorgio leggo quello che posti, ma a differenza di Svolta e di qualche altro commentatore, penso che del sistema amministrativo tu ne sai poco e niente. Lasciatelo dire da uno che di amministrazione comunale ne sa’ molto più di te.


  • svolta

    Giorgio, oh Giorgio…. Come al solito esci a galla…. senza dire e fare considerazioni sul argomento e questo ti qualifica per quello che sei…. imb…….
    Ti rode in quanto si fa constatare la presenza insignificante e distruttrice di soldi pubblici nonché di un’ attivita amministrativa puerile, degno di chi sa spendere soldi pubblici senza scrupolo e che non deve dare conto a nessuno.
    Che dire una nella accoppiata comune-provincia…. Tazza e cucchiaio…. magari gestito e giretti dallo stesso partito ed ecco che esordisce di chi è l’interesse… degli amici degli amici…. Tanto a pagare è sempre Pappagone.
    Da qui la presa di posizione dell’imb…. Giorgio che vuole far trasparire una difesa dell’incredibile e della più becera politica e presenza amministrativa.
    Saluti dal tuo….. amico Manfredi, che ti saluta sempre allo stesso modo e con la solita dedica.


  • Pasquino

    Giorgio, non per difendere Svolta che lo da fare da solo, ma c’è una massima che dice che chi disprezza compra.


  • antonella

    A manfredonia c’è un ristorante, comune, dove si lavora poco e si mangia tanto, si chiama “casa comune del buon gesù, quando la trovi non la lasci piu”, infatti una volta seduto a tavola, che tu sia idiota, ignorante , Ciuccio e presuntuoso, oppure affetto da forme multiple di corruzione latente, mangia a sbafo e non paghi niente.


  • zak

    Cimitero del mare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati