Cronaca
La manifestazione si è svolta in un clima frizzante di cultura musicale anni '70, '80, '90 e contemporanea con l'attenzione rivolta all'importanza di donare il sangue

Orta Nova. Avis in vena d’orchestra

Il progetto che anima il gruppo ha come obiettivo quello di diffondere la cultura della musica orchestrale e coinvolgere chiunque ami tale genere

Di:

Orta Nova. Si è tenuta il 12 agosto presso piazza Ex Gesuitico la serata organizzata dall’Avis di Orta Nova e animata dalla New Yort Band.

La manifestazione si è svolta in un clima frizzante di cultura musicale anni ’70, ’80, ’90 e contemporanea con l’attenzione rivolta all’importanza di donare il sangue.

“Soprattutto nel periodo estivo si registra un aumento del fabbisogno di sangue nei vari centri di cura della persona. In particolare quest’anno.” ha dichiarato il vicepresidente Agueli Giuseppe. Obiettivo precipuo quindi dell’Associazione Volontari Italiani del Sangue, anche quella ortese, è appunto invogliare tutti coloro che possono a donare del sangue per chi ha bisogno e per i più disparati motivi di salute.

“Le donazioni sono aumentate quest’anno grazie al contributo di numerosi ortesi offerto tra luglio e agosto” ha poi continuato il vicepresidente “Il quantitativo di sangue raccolto è risultato essere il doppio rispetto a quello donato lo scorso anno nello stesso periodo estivo. Questo ha dunque portato ad un aumento del 15% circa del dato per l’intero anno 2017 rispetto al 2016”.

Sinisi Domenico, presidente della sezione ortese Avis, ha poi ringraziato l’Amministrazione Comunale “che ha inserito la manifestazione del 12 agosto nel cartellone dell’estate ortese, garantendo così il proprio patrocinio all’iniziativa, e che non ha mai fatto mancare il proprio sostegno all’Associazione”.

Ringraziamenti sono stati rivolti da Sinisi anche alle varie testate giornalistiche locali che hanno dedicato la loro attenzione all’Avis; ai volontari del servizio civile, Ilenia ed Emiliano, “che hanno portato una ventata di freschezza in Avis. Molte delle iniziative sono state proposte da loro ed i risultati sono stati più che soddisfacenti”.

Il presidente ha poi concluso rivolgendo il plauso più sentito ai donatori “sempre disponibili e che non si sono fatti spaventare dal caldo delle ultime settimane”.

Ad alcuni di essi è stato dedicato un momento particolare nel corso della manifestazione in cui questi sono stati premiati per il loro contributo fattivo nell’Associazione.

Il brio ha percorso l’intera serata grazie ai ritmi musicali della band New Yort e al suo direttore artistico, maestro Francesco Ariemme. “Il nome del gruppo riferisce del modo scherzosamente inglesizzato in cui a volte il comune di Orta Nova viene denominato dai suoi abitanti” ha spiegato Ariemme nella presentazione dell’orchestra. Questi si è anche dichiarato soddisfatto di poter tornare con la band ad esibirsi in territorio ortese dopo tre anni di assenza.

Il progetto che anima il gruppo ha come obiettivo quello di diffondere la cultura della musica orchestrale e coinvolgere chiunque ami tale genere. La band ha saputo in effetti inebriare con le sue sonorità, evidentemente frutto di un sapiente lavoro praticato nel tempo. Vibranti e capaci di generare trasporto anche le voci dei due cantanti solisti, Lucia Tanzi e Damiano Ruggiero.

Daniela Iannuzzi

fotogallery



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi