Foggia

Foggia, contrasto al crimine, 4 arresti

Di:

Controlli carabinieri (st tvtro@)

Foggia – I Carabinieri della Compagnia di Foggia, supportati dalla Compagnia di Intervento Operativo di Bari, hanno eseguito un controllo straordinario del territorio nel Capoluogo, al fine di prevenire e contrastare le forme di criminalità predatoria e diffusa. Nel corso del servizio sono stati effettuati diversi posti di controllo e perquisizioni, controllando soggetti sottoposti a misure cautelari e dando esecuzione ad alcuni provvedimenti restrittivi.

4 gli arresti e 2 le persone denunciate a piede libero
Nello specifico, nel corso del servizio sono stati arrestati
:
– CURCI Salvatore, foggiano di anni 47, colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’A.G. di Foggia, a seguito delle ripetute violazioni della misura cautelare degli arresti domiciliari cui si trovava sottoposto, accertate dai Carabinieri. Lo stesso si trovava sottoposto al regime degli arresti domiciliari per un furto di autovettura commesso nel decorso mese di giugno;

– LO PRETE Antonio, foggiano di anni 46, colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’A.G. di Foggia, a seguito delle ripetute violazioni della misura cautelare degli arresti domiciliari cui si trovava sottoposto, accertate dai Carabinieri. Lo stesso si trovava sottoposto al regime degli arresti domiciliari per spaccio di sostanze stupefacenti, i predetti, dopo le formalità di rito, sono stati associati alla Casa Circondariale.

– PESANTE Francesco, foggiano di anni 25, pregiudicato, sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S., perché veniva sorpreso in viale Candelaro, alla guida di un ciclomotore, in tal modo violando le prescrizioni imposte con la predetta misura;

– TARRICONE Martire, di anni 36, di Cerignola, pregiudicato, sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nel comune di Stornara, che veniva sorpreso a bordo di un mezzo nel comune di Orta Nova, in tal modo violando le prescrizioni imposte con la predetta misura;
i predetti, dopo le formalità di rito, venivano sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le loro abitazioni.

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi