ManfredoniaPolitica
A cura di Nino Sangerardi

Regione Puglia, i consiglieri tra ritenute per assenze e telepass

Gli uffici amministrativi del Consiglio regionale l’altro ieri hanno impegnato 3.677,55 euro

Di:

Bari. La Legge regionale pugliese risale all’anno 2003 : numero 8. Disciplina il trattamento economico e previdenziale dei consiglieri. Nel corso degli anni sono state fatte modifiche e integrazioni. Ad esempio, le ritenute monetarie a carico dei consiglieri viste le assenze/sostituzioni alle riunioni di Consiglio regionale,conferenza dei presidenti, commissioni. L’Ufficio di presidenza del Consiglio pochi giorni fa ha determinato– periodo gennaio, febbraio e marzo 2016– la lista dei consiglieri a cui risulta applicata la trattenuta sullo stipendio mensile.

Ecco:
Abaterusso Ernesto PD 300,00 euro
Amati Fabiano PD 320,00
Barone Rosa M5S 60,00
Campo Francesco PD 480,00
Franzoso Francesca Forza Italia 120,00
De Leonardis Giovanni Area Popolare 200,00
Galante Marco M5S 120,00
Liviano Giovanni “Emiliano sindaco di Puglia” euro 240,00
Manca Luigi COR 120,00
Pendinelli Mario “Emiliano sindaco di Puglia” euro 120,00
Perrini Renato COR 120,00
Pisicchio Alfonso “La Puglia con Emiliano” 120,00
Stea Giovanni Area Popolare 240,00
Trevisi Antonio M5S 120,00
Ventola Francesco COR 120,00
Zullo Ignazio COR 120,00.

Gli uffici amministrativi del Consiglio regionale l’altro ieri hanno impegnato 3.677,55 euro. Servono per pagare il canone di locazione(37,80 euro) degli apparati forniti dalla società Telepass spa e i pedaggi autostradali effettuati dal 15 maggio 2016 al 15 giugno 2016(3.639,75 euro) sulle vie asfaltate gestite da Autostrade per l’Italia spa.

Telepass o Via Card vengono assegnate, a domanda degli aventi diritto, ai consiglieri regionali per “…trasferimenti e circolazione sulla rete regionale e nazionale”. Dal 1° luglio 2015 i cinquanta consiglieri pugliesi riscuotono,ogni trenta giorni, 7.000,00 euro lordi quale indennità di carica e funzione. A cui bisogna aggiungere 2.700 euro per il presidente della Giunta e del Consiglio,1.500 euro per il vicepresidente della Giunta e del Consiglio,1.200 euro per presidente del Gruppo consiliare,consigliere segretario e assessore esterno.

Emolumenti,diciamo così, significativi al tempo,anno 2016, di precariato e neosottosviluppo economico e buoni lavoro(voucher) e cassa integrazione perenne, tasse e burocrazia che ingabbiano qualsiasi tentativo di progresso o intrapresa autonoma,in una regione e in un Paese dove il futuro è un buco nero in fondo al tram.



Vota questo articolo:
3

Commenti

  • Guardate bene. Il nostro ex sindaco Paolo Campo ha dato significato ampio allo slogan che usò all’epoca della sua candidatura a sindaco: lo conosci Paolo? È il consigliere ad aver maggior trattenute per assenze. Si vede che ancora nessuno ha conosciuto Paolo!


  • LA POLITICA ITALIANA E IL CANCRO DELLA NAZIONE

    GLI STIPENDI E LE PENSIONI DEI POLITICI VANNO TAGLIATI ALMENO DELLA MISURA DEL 60%!


  • Alfredonia

    x LA POLITICA ITALIANA:

    Non sono d’accordo che gli vengano tagliati gli stipendi del 60%, ma DEVONO ESSERE ELIMINATI, e chi entra in Politica, deve prestarsi sotto forma di VOLONTARIATO, cosi’ come loro stanno costringendo migliaia di giovani laureati in cerca di un lavoro.
    Tanto, gia’ sanno come fare cassa per vie traverse, a differenza di tutti gli altri cittadini e giovani studenti, che in attesa di un lavoro, vengono sfruttati come schiavi dalla mattine alla sera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati