Manfredonia
I militari hanno predisposto un apposito servizio antidroga

Manfredonia. Droga e violenza: arrestati padre, madre e figli

Di:

Manfredonia. I Carabinieri della Compagnia di Manfredonia, nello specifico quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile, hanno tratto in arresto in flagranza di reato per concorso in detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente il 63enne Angerillo Carlo, la moglie 57enne Castriotta Lucia, ed il figlio 28enne Angerillo Fabio e, successivamente, per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, l’altro figlio 37enne, pregiudicato, Angerillo Filippo.

Nel corso di un servizio volto al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, effettuato soprattutto nei confronti di giovanissimi di Manfredonia, i Carabinieri hanno avuto notizia che in via Minniti vi era un notevole viavai di giovani, probabilmente per l’acquisto di sostanze stupefacenti.

I militari hanno quindi predisposto un apposito servizio, sia in abiti civili e auto di copertura che con uniforme e auto con colori d’istituto, per verificare quanto appreso.

Immagine from carabinieri Provinciale Foggia

Immagine from carabinieri Provinciale Foggia

Ieri pomeriggio i carabinieri hanno potuto notare effettivamente la presenza di numerosi giovani che si avvicinavano alla finestra di un’abitazione per poi allontanarsene dopo aver effettuato dei veloci scambi poco chiari. Insospettiti, i militari hanno deciso di intervenire nell’abitazione in questione. Qui hanno prontamente fermato Fabio Angerillo che, direttosi in bagno, aveva tentato di disfarsi di alcune confezioni di cocaina. Nella casa c’erano anche i genitori del ragazzo, davanti ai quali vi erano tre bilance con tracce di sostanze stupefacenti e altro materiale vario per il suo confezionamento, oltre a dosi sparse per l’abitazione. In particolare, i Carabinieri sono rimasti colpiti da una finestra, alla quale avevano prima visto avvicinarsi per poi allontanarsi dopo pochi istanti numerosi giovani, con una zanzariera alla quale era stata ricavata una feritoia, e sul davanzale, oltre ad alcune altre dosi di cocaina, vi erano diverse banconote in tagli da 5 e 10 euro. Complessivamente saranno poi circa 800 gli euro in banconote di piccolo taglio provento dello spaccio che verranno sequestrati.

Attività frenetica e fiorente, probabilmente andata avanti per tutto il giorno

Attività frenetica e fiorente, probabilmente andata avanti per tutto il giorno, atteso i tanti soldi trovati e la modesta quantità di sostanza stupefacente dall’altra parte rinvenuta, 10 dosi di cocaina, per circa 15 grammi, e 4 di hashish, per circa 2 grammi di peso. L’idea è quella di un vero e proprio distributore automatico, dove il giovane assuntore si avvicina, inserisce nella fessura la banconota e, in base al denaro inserito, senza neppure la necessità di contrattare, riceve la dose corrispondente per poi allontanarsi come se nulla fosse. Attività che evidentemente procede per tutto l’arco della giornata e della notte, e che certo non poteva avvenire all’insaputa dei genitori presenti all’interno e a contatto con sostanze illecite, denaro e materiale vario idoneo alla pesatura e al confezionamento.

Accompagnati tutti presso gli uffici del Comando Compagnia Carabinieri di Manfredonia per gli ulteriori accertamenti del caso, al termine delle formalità, tenuto conto delle modalità con cui la sostanza si presentava, del materiale rinvenuto, del denaro trovato nella disponibilità e, complessivamente, delle modalità generali in cui avveniva lo scambio denaro/sostanza, padre, madre e figlio sono stati dichiarati in stato di arresto per concorso in detenzione a fine di spaccio di sostanza stupefacente e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, condotti presso il carcere di Foggia. La sostanza stupefacente, posta in sequestro insieme al resto, è stata inviata al Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale Carabinieri di Foggia per gli accertamenti chimici.

“Minacce in caserma”


Durante le operazioni per l’arresto dei tre, si è poi presentato l’altro figlio, Filippo, noto pregiudicato di Manfredonia, il quale, approfittando dell’ingresso di altre persone presso gli uffici della Compagnia, è riuscito ad entrare in caserma, minacciando alcuni dei militari presenti per poi scagliarsi contro gli stessi. Prontamente è stato bloccato prima che potesse ferire seriamente qualcuno, e tratto a sua volta in arresto per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, reato del quale, tra l’altro, vanta già precedenti specifici, oltre a reati di spaccio, estorsione, rapina, furto, ecc.. ecc…

Finestra Angerillo

Finestra Angerillo

Al termine delle operazioni, a differenza dei familiari, trasportati presso il carcere di Foggia, per Angerillo Filippo, atteso il diverso titolo di reato, sono stati disposti gli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa di giudizio.

redazione statoquotidiano.it – riproduzione riservata

Manfredonia. Droga e violenza: arrestati padre, madre e figli ultima modifica: 2017-09-13T22:08:32+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
16

Commenti


  • Lettore

    Manfredonia ormai sembra peggio di Bogotà.


  • Antonio Nasuti

    Che bella famigliola. Tale e quale a quella del mulino bianco della pubblicità.😂😂😂


  • Beatrice hofer

    Io nn gli biasimo assolutamente perché é una razza terra terra,ma il padre fa lo spazzino e quindi si porta a casa i bei 1.300 e msdonn madonn a casa quello e lusso mah?


  • Arciboldo

    Che vergogna per i manfredoniani


  • Michelantonio

    E’ giusto che gli vengano.dati gli arresti domiciliari, mica possono chiudere la DROGHERIA, altrimenti gli spetta la disoccupazione speciale…….


  • cittadino

    Quanta gente onesta è senza lavoro e non si presta ad attività illecite….. A certuni gli danno lavoro/stipendio, sperando di recuperarlo, ma più che altro ), avendo mala capa, gli serve solo da copertura….
    Adesso che non avrà stipendio…. Cosa farà…. Mandiamoli in Africa…. ad ammaestrare gli animali….


  • Quartiere

    Finalmente liberato un quartiere dove i nostri figli non erano piu liberi di giocare x strada per colpa del via vai di gente ora speriamo che nn li lasciano subito in libertà altrimenti è stato solo tempo perso


  • Peter Tosh

    Altri posti di lavoro andati un fumo.


  • Beatrice hofer

    lo stato deve pure dare da campare a loro in carcere a stá fezza? Andasero a lavare i cessi !!!


  • Vitaamara

    Io non giudico nessuno, però anche voi chiudete la vostra fognatura… Quell’uomo subiva e anche la mamma.. se purtroppo la vita ti regala figli …non puoi giudicare anche i genitori,e ricordiamoci gente…. Siamo tutti terra terra 😉


  • Cantalupo di maggese

    Giovani di Manfredonia..Chi può fugga da Manfredonia, ormai è la capitale della droga, alcool e vizio.


  • boxer

    Qualcuno si è reso conto di quanta droga gira in questo paesone? E’ la città della droga e della monnezza. Ragazzini di 16-17 anni già strafatti di cocaina. I genitori di questi, dico, non si accorgono di nulla? Possibile? O possibile che ne facciano uso anche loro? Poi sono tutti dei leocini su scooter e auto di lusso. Non rispettano nessuna regola del codice stradale, ti guardano di sbieco, fanno un po’ come gli pare, gettano tutto per strada e parcheggiano dove vogliono. Glielo fai notare e vogliono subito attaccare la rissa…sì perché fatti spesso di coca e dunque ancor più aggressivi e impavidi. Poi li massacri di botte, perché così accade quando devi difenderti, e vanno a chiamare i genitori che ti denunciano. Processo in corso e costi. E vedrai pure che devi pagargli come se fossero “buoni”. Risultato: senso sociale svanito, educazione scomparsa e degrado totale. Storia tratta da episodio vero. Abbandonate questo -di paesone.


  • RIONE CROCE = Bronx +_Scampia+ Zen

    Boxer ci sono anche ragazzini e ragazzini che si scolano quantità industriali di alcool sino a quasi l”alba…evidentemente emulano i genitori….


  • Michele

    Alcol, narcotici, sale scommesse…trasgressione, massima cura del corpo sia per trasgredire e per apparire, lusso spropositato..

  • Gente di -, città di -. Cosa volete?


  • Pasqualino

    Ma basta che vi fate un giro in piazzetta o ai giardini…possibile che la polizia non se ne accorga?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi