LavoroStato prima
"Natuzzi non può accedere ad ulteriori finanziamenti pubblici con un progetto industriale basato sui licenziamenti"

Natuzzi, 300 lettere di licenziamento

"L’Azienda non solo non ha revocato i licenziamenti, ma ha anche chiesto ulteriore tempo per valutare la proposta regionale"

Di:

Bari. Natuzzi.Concluso il tavolo convocato d’urgenza nella giornata di ieri, dal Ministero dello Sviluppo Economico e dove Natuzzi ha annunciato di aver già spedito 300 lettere di licenziamento. “E’ inaccettabile che l’Azienda si presenti ad un tavolo ministeriale teso a scongiurare gli esuberi con le lettere di licenziamento inviate ‘nottetempo’ ai lavoratori- dice l’assessore al Lavoro, Sebastiano Leo- Non solo si tratta di una chiara mancanza di rispetto nei confronti del Governo, ma l’Azienda è anche rimasta insensibile rispetto alla formidabile opportunità offertale dalla Regione Puglia che prevedeva, alla sospensione delle procedure di licenziamento, la fruizione di tre mesi di cassa in deroga ( a carico della Regione), riscrivendo nel frattempo un piano industriale ‘ad esuberi zero’. In più, condizione eccezionale, il Governo ha non solo fatto propria la proposta regionale, ma ha anche ‘esteso’ la durata a 12 mesi.

L’Azienda non solo non ha revocato i licenziamenti, ma ha anche chiesto ulteriore tempo per valutare la proposta regionale”. “Dopo 3 anni di lavoro sul piano industriale di rientro delle attività produttive esternalizzate dalla Natuzzi in Polonia- aggiunge l’assessore allo Sviluppo Economico, Loredana Capone- non comprendiamo come si possano giustificare i 300 licenziamenti.

“Natuzzi non può accedere ad ulteriori finanziamenti pubblici con un progetto industriale basato sui licenziamenti. Sono certa perciò che dovrà riconsiderare questa posizione quando saremo davanti al Mise, con l’Azienda e le parti sociali, per valutare il contratto di sviluppo richiesto dall’Azienda stessa”. “ Non ci rassegniamo a questo esito negativo- aggiunge ancora Leo- e per queste ragioni già lunedì 17 ottobre, la Task Force presieduta da Leo Caroli, che ha seguito con grande attenzione anche questa vicenda, convocherà a Bari Azienda e Sindacati. Sia chiaro però che si potrà accedere alla Cassa in deroga solo ed esclusivamente alle condizioni che vogliamo ribadire perché siano molto chiare. Ritiro dei licenziamenti; rilancio della produzione;crescita della produttività;rientro dell’attività de localizzata dall’estero e consolidamento dell’occupazione. “

redazione stato quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati