Foggia
Il ferito è stato trasportato con un’ambulanza del 118 agli Ospedali Riuniti di Foggia

Carcere di Foggia, detenuto prende a sgabellate capo polizia

L’autore dell’aggressione, un 29enne di Foggia, era rinchiuso nella casa circondariale a seguito di condanne per rapina aggravata, ricettazione, e maltrattamenti in famiglia


Di:

Foggia. Ennesimo episodio di violenza nel carcere di Foggia dove questa mattina poco prima di mezzogiorno un assistente capo della polizia penitenziaria di 50 anni è stato aggredito e ferito da un detenuto che si è scagliato contro colpendolo ripetutamente al viso e alla testa con uno sgabello.

L’autore dell’aggressione, un 29enne di Foggia, era rinchiuso nella casa circondariale a seguito di condanne per rapina aggravata, ricettazione, e maltrattamenti in famiglia. Stando a quanto riferisce il Coordinamento sindacale penitenziario l’agente era in servizio di vigilanza nel nuovo reparto del carcere foggiano. Per motivi ancora poco chiari il 29enne si è scagliato contro l’assistente capo colpendolo ripetutamente al volto e alla esta con uno sgabello, inveendo sull’uomo che aveva perso i sensi. Il ferito è stato trasportato con un’ambulanza del 118 agli Ospedali Riuniti di Foggia dove è attualmente ricoverato in prognosi riservata.

Sull’episodio è intervenuto il segretario generale nazionale del Co.s.p. Domenico Mastrulli. “La situazione in cui versano i 208 penitenziari italiani a fronte di una popolazione carceraria di 58mila reclusi sta diventando sempre più ingovernabile “ A Foggia – sostiene Mastrulli – ci sono 535 detenuti contro una capienza di solo 310 persone con un personale di polizia carente di oltre un centinaio di unità”. “Adesso basta, è bene che qualcuno venga richiamato alle proprie responsabilità. Il nostro sindacato – aggiunge Mastrulli – ha già chiesto di affidare la gestione e il controllo dei penitenziari ai prefetti sopprimendo i provveditorati regionali”.

Ufficio Stampa Nazionale Co

Carcere di Foggia, detenuto prende a sgabellate capo polizia ultima modifica: 2017-10-13T15:36:00+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • cittadino

    Nelle cave…. a spaccar pietre ed a sfogare col lavoro il fio di quanto commesso col proprio sudore, vedrete come dorniranno bene e tranquilli quando ritorneranno e saranno in cella.
    Auguri di una pronta guarigione al poliziotto e spero tanto che ritorni a trovare….. l’amico…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi