FoggiaManfredonia

“Edilizia sanitaria pugliese in stato comatoso”

Di:

“Puglia agli ultimi posti in Italia in materia di investimenti ottenuti e utilizzati nel settore dell’edilizia sanitaria”. A lanciare il grido d’allarme, i segretari generali di Uil Foggia, FenealUil Foggia e Uil Fpl Foggia, Gianni Ricci, Juri Galasso e Gino Giorgione.

“Leggendo i dati disponibili sul sito del ministero della Salute, ci si accorge che la Puglia è tra i fanalini di coda in Italia per numero e consistenza di finanziamenti ottenuti a partire dal “Programma straordinario di investimenti” (articolo 20 legge 67/1988) in poi. Un trend che si è consolidato nei decenni. Un dato molto preoccupante se consideriamo lo stato di salute del patrimonio immobiliare pubblico pugliese, l’elevata percentuale di opere incompiute e cantieri abbandonati e la fortissima carenza di personale sanitario nelle strutture”, illustrano Ricci, Giorgione e Galasso che lanciano un appello al Governatore Michele Emiliano e al Presidente della Provincia, Francesco Miglio: “La crisi che tanto il comparto sanitario, quanto quello edile, stanno attraversando in Puglia e in Capitanata, ci impone una rapida e accurata ricognizione su fondi disponibili, opere incompiute e cantieri bloccati. Riqualificare il patrimonio immobiliare sanitario vuol dire non solo rilanciare l’economia del territorio ma anche investire in sicurezza”.

“Edilizia sanitaria pugliese in stato comatoso” ultima modifica: 2017-10-13T08:00:08+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi