Regione-TerritorioStato news

M5S: endometriosi approda all’attenzione di Lorenzin

Di:

Roma – CON una interrogazione parlamentare, a prima firma della portavoce 5 Stelle Daniela Donno, approda in Commissione Sanità al Senato la questione relativa all’endometriosi, una malattia di cui soffrono, solamente in Italia, circa 3 milioni di donne. Tra le diverse richieste della senatrice M5S, a cui risponderà il Ministro Lorenzin, ci sono: l’adozione di misure affinché l’endometriosi sia riconosciuta come malattia cronica ed invalidante a livello clinico, sociale e professionale; il diritto all’esenzione dal costo per le prestazioni di assistenza sanitaria; un’adeguata assistenza ed un’univoca tutela nei confronti delle pazienti affette da tale patologia; un aggiornamento della tabella nazionale delle malattie invalidanti che contempli l’inserimento dell’endometriosi, la cui ultima pubblicazione risale al decreto del Ministro della sanità n. 329 del 28 maggio 1999; la promozione di campagne di informazione e sensibilizzazione su questa patologia, ancora sconosciuta ai più.

“Esattamente un anno fa, interrogavamo l’Esecutivo sulla stessa tematica, senza ricevere risposte. Nonostante ripetuti solleciti, il risultato è stato solo un lungo silenzio. Da allora, soprattutto sotto il profilo sostanziale, poco o nulla è cambiato – dichiara la senatrice Daniela Donno (M5S) – Auspichiamo un’immediata risposta del Ministero della Salute: si tratta di una patologia che colpisce, solo in Italia, circa 3milioni di donne, con una pericolosa incidenza in Puglia. Sono numeri che non possono continuare ad essere ignorati”.

Redazione Stato

M5S: endometriosi approda all’attenzione di Lorenzin ultima modifica: 2014-11-13T14:29:37+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi