PoliticaStato news

Zullo: “stabilizzazioni, scenario inquietante”

Di:

Bari – “SULLE stabilizzazioni sta emergendo uno spaccato inquietante della sinistra di Emiliano e Vendola che ci preoccupa per il futuro della nostra Regione”. Lo dichiara il presidente del Gruppo regionale di Forza Italia, Ignazio Zullo.

“Continuano ad emergere numeri a lotto sugli stabilizzandi –aggiunge- in un clima di confusione, vaghezza, sciatteria ed indefinitezza. Sel e Pd hanno generato una guerra tra poveri, facendo leva sull’esasperazione dei cittadini in un momento di crisi economica. Si parla addirittura dei dipendenti delle Fondazioni, senza che esista una regola, un principio, un briciolo di chiarezza anche per non creare false aspettative. Il centrosinistra, è evidente, non ha le idee chiare ma la situazione è delicatissima: vogliamo mettere in guardia i lavoratori a tempo determinato affinché non si creino false speranze che potrebbero sfociare in profonde delusioni.

Stanno illudendo anche i dipendenti dell’Ipres, di Apulia Film Commission, o dei Consorzi di Bonifica pieni zeppi di debiti. Francamente tutto questo è preoccupante, si naviga nel buio senza bussola. Non credo in Puglia si sia mai assistito a niente di simile e ritengo sia una parentesi buia e veramente partigiana di una sinistra che ha perso il controllo del timone. Un centrosinistra che per ricompattarsi, come ha ammesso lo stesso Vendola, -conclude- non ha avuto alcun pudore nello strumentalizzare il tema del lavoro, privilegiando pochi e danneggiando tutti”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Stabilizzazioni, Congedo: “Il rumore del silenzio dei candidati alle primarie”

    Stabilizzazioni, Congedo: “Il rumore del silenzio dei candidati alle primarie”

    Il consigliere Erio Congedo (FI) sottolinea in una nota, come il delicato argomento dei precari e delle stabilizzazioni non compaia nel dibattito tra i candidati alle primarie del centrosinistra in Puglia

    Torna a parlare del tema delle stabilizzazioni il vice presidente vicario del gruppo Pdl/Fi alla Regione Puglia Erio Congedo dopo il dibattito e l’approvazione della legge in Consiglio regionale. Il tema, nonostante l’importanza, non compare tra quelli su cui dibattono i tre candidati alle primarie pugliesi del centrosinistra.
    “Nonostante l’importanza dell’argomento, il confronto acceso cui ha dato vita in Consiglio regionale, il significato che riveste per le politiche del lavoro e del welfare in Puglia – fa notare – le stabilizzazioni sorprendentemente non sono oggetto di discussione tra i candidati alle primarie del centrosinistra pugliese. Eppure le punte di lirismo raggiunte in aula hanno fatto intravedere il grado di sensibilità che il tema tocca da quelle parti e quindi conseguentemente la possibilità, molto concreta, che oggi Emiliano, Stefàno e Minervini si pronunciassero sul punto. A parte Minervini, che in aula c’era e ha votato e quindi di fatto si è espresso, gli altri due sembrano essersi dimenticati del destino di 800 persone, del percorso discutibile che la Giunta di Vendola ha disegnato per loro, del fatto che con quel provvedimento tanti giovani pugliesi per anni non potranno misurarsi in un concorso per una opportunità di lavoro e, infine, del fatto che, sullo sfondo, c’è una Puglia in cui la disoccupazione giovanile è al 49,7% e da cui nel 2013 23 mila persone, in gran parte neo laureati, sono partiti alla ricerca di una occupazione.
    Sarebbe interessante conoscere il loro pensiero – continua Congedo – anche perché questo silenzio fa comunque molto rumore e diventa una implicita condivisione della sconfitta di cui il centrosinistra pugliese si è reso protagonista nella partita del lavoro e del welfare in questi ultimi dieci anni. A dispetto di proclami tanto memorabili quanto vuoti”. /com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi