Foggia
A cura di Salvatore Fratello

Foggia, con la Paganese è pari

Termina dunque 1-1 tra Paganese e Foggia: i rossoneri salgono a quota 26, momentaneamente secondi da soli in attesa delle gare di Matera, Lecce e Juve Stabia

Di:

Foggia. Il Foggia non va oltre il pari a Pagani. Al “Torre”, termina 1-1 tra la Paganese e gli uomini di Stroppa che, passati in vantaggio dopo 5’ grazie ad un gol di Sarno, vengono raggiunti dal gol di Camilleri (qualche dubbio per un presunto off-side); da segnalare un rigore sbagliato da Letizia al 75’.

Grassadonia deve fare a meno di Deli e schiera un 4-4-2 in cui Cicerelli è dirottato sull’out di sinistra in linea mediana; mister Stroppa risponde con il solito 4-3-3, ma l’assenza di Mazzeo costringe il tecnico a comporre il tridente con Sarno e Sainz-Maza a sostegno di Padovan. Pronti, via ed il Foggia sfonda: minuto 5, Angelo serve Sarno, che converge e lascia partire un mancino apparentemente innocuo ma sul quale Marruocco è in ritardo, vedendosi battuto dalla traiettoria. I padroni di casa provano a rispondere già al 12’, allorquando Celiento crossa sul secondo palo, dove Herrera stacca di testa, sfiorando soltanto il palo. La gara resta molto vivace, ma si gioca prevalentemente nella zona mediana del campo, non regalando grosse emozioni. Al 31’ Sainz-Maza va via sulla sinistra e prova un diagonale da buona posizione, con il pallone che termina sul fondo. Qualche minuto più tardi, si rivedono gli azzurrostellati, Herrera riceve in area e calcia al volo, trovando però la pronta parata di Guarna. Ci riprova Sarno al 40’, ma la sua conclusione a giro è parata agevolmente da Marrucco; sul ribaltamento di fronte, scambio Reginaldo – Cicerelli con il tiro di quest’ultimo che, deviato da Martinelli, impatta sul palo a Guarna battuto. Trascorrono sessanta secondi e la Paganese trova il pari: punizione di Herrera dai trenta metri, miracolo di Guarna che toglie la sfera dall’incrocio, il pallone resta però appannaggio dei campani, con Reginaldo che tocca e Camilleri che insacca. Proteste degli ospiti per una presunta, con situazione effettivamente molto dubbia, posizione di fuorigioco del difensore. Si va dunque all’intervallo sull’1-1.

Paganese arrembante in avvio di ripresa: al 47’ grosso rischio per gli ospiti, la difesa prova ad anticipare Herrera ma la sfera non termina per un soffio alle spalle di Guarna. Minuto 53, gli azzurrostellati trovano il vantaggio, con Reginaldo che insacca su respinta corta dell’estremo difensore rossonero; il signor Dionisi ferma tutto, annullando la marcatura per un fallo su Guarna. Al 62’ si rivede il Foggia, Sainz-Maza ci prova direttamente da punizione, ma Marruocco è bravissimo a distendersi e deviare la sfera in angolo. I rossoneri si fanno notare prevalentemente su calcio piazzato, al 67’ tocca a Sarno calciare una punizione dal limite, la sfera sfila abbondantemente alta. Minuto 75, i Satanelli sembrano vedere la svolta nel match: contropiede, Sarno riceve in area e viene steso da Pestrin, guadagnandosi un importantissimo penalty; dal dischetto va Letizia, che calcia forte ed angolato, trovando però la prontissima respinta di Marruocco. Passata la paura, i padroni di casa si ributtano in avanti, con Guarna che compie un autentico miracolo sulla conclusione di Reginaldo dalla sinistra. Nel finale succede poco altro, al 93’ i dauni restano però in dieci, con Martinelli espulso per una presunta gomitata rifilata al neo-entrato Parlati. Termina dunque 1-1 tra Paganese e Foggia: i rossoneri salgono a quota 26, momentaneamente secondi da soli in attesa delle gare di Matera, Lecce e Juve Stabia.

TABELLINO
PAGANESE: (4-4-2) Marruocco; Dicuonzo, Alcibiade, Camilleri, Della Corte; Celiento (dal 68’ Zerbo), Maiorano (dall’81’ Parlati), Pestrin, Cicerelli; Reginaldo, Herrera (dall’87’ Tagliavacche). A disp.: Chiriac, Coppola, Silvestri, Mansi, Longo, Stoia, Picone, Mauri. All.: Grassadonia.
FOGGIA: (4-3-3) Guarna; Angelo, Martinelli, Empereur, Rubin; Vacca, Agnelli, Gerbo (dal 65’ Agazzi); Sarno, Sainz-Maza (dall’81’ Chiricò), Padovan (dal 73’ Letizia). A disp.: Tucci, Sanchez, Quinto, Sicurella, Dinielli, Riverola, Coletti, Sansone. All.: Stroppa.
Arbitro: sig. Federico Dionisi dell’Aquila.
MARCATORI: 5’ Sarno (F), 42’ Camilleri (P).
AMMONITI: Pestrin, Parlati, Alcibiade (P); Gerbo (F). – ANGOLI: 4-3 per la Paganese. – RECUPERI: 0’ p.t.; 4’ s.t..
NOTE: Espulso al 93’ Martinelli (F) per condotta antisportiva.

(A cura di Salvatore Fratello, Foggia 13.11.2016)



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • lucio _ bo

    Datemi un pizzico e ditemi che è un incubo… oggi abbiamo rubato un punto e subito ilvgioco oltre a nn avere idee… il ruolino di marcia è da play out i giocatori sembrano nn più uniti come prima… il capitano infatti a terra (letteralmente) nn viene soccorso mentre ilvgioco prosegue senza sosta. Il segnale ormai è evidente… Società? È ancora possibile correre ai ripari aldilà degli slogan di circostanza? Io amo il foggia e nn sono da solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati