Manfredonia
"Sulla questione voglio rimanere assolutamente neutrale"

Gpl, Banfi “Io e Albano contro? Ribadisco: amo la mia Puglia”

"Quello che ribadisco è che amo la mia Puglia, le sue bellezze e la sua natura"

Di:

Manfredonia. ”Ancora una volta mi trovo, mio malgrado, coinvolto nella disputa sul deposito di gas a Manfredonia. Da quello che leggo sul Corriere della Sera in un articolo titolato “La risposta dei «noGpl» a Lino Banfi”, io sarei il testimonial del Sì al deposito, contro il mio amico Albano, diventato testimonial del No grazie ad un video pubblicato dal Sindaco Riccardi su Facebook. Ebbene, ancora una volta devo ribadire che io sulla questione voglio rimanere assolutamente neutrale, non avendo competenze di politica energetica, di strategie industriali e di sicurezza degli impianti. Non può essere una colpa aver fatto gli spot pubblicitari per Energas, per i quali, tra l’altro, ho firmato il contratto diciotto mesi fa! Attenzione: spot per il gas non per il deposito, su cui non ho mai detto nulla. Mi domando: se avessi fatto la pubblicità ad una marca di benzina, sarei stato responsabile dei moltissimi depositi sparsi per l’Italia (alcuni, tra l’altro, vicini anche a casa mia a Roma)?

Domenica, dunque, ci sarà il referendum: è sacrosanto che siano i cittadini di Manfredonia a decidere e il Sindaco a rispettare la loro decisione, senza continuare ad attribuirmi, per motivi di propaganda elettorale, una posizione che non ho mai espresso. Quello che ribadisco è che amo la mia Puglia, le sue bellezze e la sua natura, i prodotti della sua terra e del suo mare e mai vorrei che fosse “violentata” o che i suoi abitanti subissero danni di alcun tipo!

Lo stesso, d’altra parte, vale per ogni angolo della nostra bella Italia, da Taranto a Marghera”.

E’ quanto ha scritto sul proprio profilo facebook l’attore Lino Banfi , in replica ad un articolo del CorSera che commentava l’intervento di Albano contro la proposta del’Energas di installare un deposito costiero di gpl a Manfredonia.

redazione stato quotidiano.it



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • Anto

    Lino lascia perdere certa gente che ha il gas nel cervello, le tue parole sono giustissime da persona matura e intelligente, sei un grandissimo non ti devi giustificare con nessuno, sono i pugliesi che ti devono essere grati perché non ti ho visto una sola volta in tv non fargli pubblicità.


  • La collera del vento

    Caro lino tu non vuoi la terra violentata…figurati i manfredoniani!


  • capron9

    Caro compaesano Banfi…le chiedo e faccio appelo alla sua intelligenza…di scusare il popolo manfredoniano….che purtroppo….ha perso l intelleto della ragione…e accecato…da informazioni del tutto sbagliate..e da un amministrazione.. che gioca a salire sul carro dei vincitori..come se fosse sempre carnevale….le chiedo di perdonare…gli insulti che li sono stati rivolti…e le accuse infondate sul suo operato…


  • Leonardo

    Caro Lino, bello voler restare neutri dopo aver ricevuto dei soldi. Mi dispiace ma il tuo ragionamento è di comodo. La verità è che nessuno pugliese che ama la propria Terra dovrebbe ricevere compensi da chi vuole rovinarla e compromettere la salute dei cittadini. Il resto sono giustificazioni patetiche che non stanno in piedi. Abbiamo già avuto l’arsenico non abbiamo bisogno di gas inquinante infiammabile.


  • Antonello Scarlatella

    Lino Banfi non ha nessuna colpa.
    Nell’incontro che vi è stato a Palazzo Celestini con Michele Emiliano lo stesso Presidente lo ha ribadito.
    Probabilmente è stata una strategia dell’azienda proprio per avere questo risultato.
    Emblematico che un’azienda Napoletana ha coinvolto il nonno d’Italia Pugliese DOC anzi DOP per pubblicizzare il suo prodotto.
    Come è stato fatto per il Manfredonia calcio ove io ero certo dal 2015 che avrebbe l’azienda cercato di “spaccare” la cittadinanza con la sponsorizzazione.. Cosi ha tentato di spaccare la popolazione con la promozione del prodotto con il nostro amato Lino Banfi.
    Sono semplicemente strategie che le aziende e gli uomini di affari attuano al fine di raggiungere i loro obiettivi.
    Tutto lecito e giusto. Menale fa il suo mestiere. L’imprenditore.
    Ovvio che Banfi ad oggi resta neutrale.
    Da una parte vi è l impegno preso per la promozione del prodotto, dall altra c’è il suo sentimento per la nostra terra.
    Sono certissimo che Lino oggi ha il fuoco sotto i piedi e sta dicendo….: porca puttena questi dell’energas mi hanno frecheto, speriemo che a Manfredonia vinca il si e spezzano la noce del capocollo all’azienda”
    Scherzi a parte. Ripeto. Menale fa il suo lavoro, Banfi fa il suo. Speriamo che questa sera noi dimostreremo di aver fatto i cittadini votando.
    Indipendentemente dalla vittoria del Si o del No se alle 22 non avrà votato almeno 75 per cento della popolazione (escludendo i non domiciliati) significherà che alla città, ai residenti non gliene frega un cazzo del nostro futuro e della nostra città. Scarsa partecipazione significa sciatteria e zero visione di futuro.


  • Sara

    Ma che centra Lino Banfi in tutta questa vicenda? Chi ha alzato questo polverone. Come se la decisione di questo mostro è stata decisa da Lino Banfi. Ma facciamo i seri. Come manfredoniano ti chiedo scusa per l’inconveniente , anche se l’avrebbe dovuto fare chi ha costruito questo marchingegno. Come manfredoniani noi votiamo “No” e sicuri del risultato ti invitiamo a Manfredonia.


  • michele

    poteva benissimo,il signor banfi ritrattare con l’azienda e venirci incontro e dire NO energas.Nella puglia signor banfi c’è anche >Manfredonia ch non è seconda a nessuno.Tanti cari saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati