Manfredonia
Un corretto regime alimentare serve a tenere sotto controllo la glicemia

Giornata mondiale del diabete, i consigli alimentari un corretto stile di vita

"I vari tipi di carboidrati non vanno mai associati nell’arco di uno stesso pasto"


Di:

Il 14 novembre è la Giornata Mondiale del Diabete, quest’anno dedicata soprattutto alle donne, soggetti più vulnerabili al diabete rispetto agli uomini, soprattutto per quanto riguarda il rischio di sviluppare la malattia in gravidanza (diabete gestazionale). Le donne, inoltre, hanno un metabolismo più complesso degli uomini, che rende la gestione della malattia più difficile e spesso sviluppano conseguenze più gravi (obesità, retinopatie, problemi cardiovascolari). In Italia ci sono 4 milioni di persone diabetiche, un altro milione quelle malate senza saperlo e 10 milioni sono gli individui a rischio.

Per le persone che soffrono di diabete, l’alimentazione corretta è fondamentale in quanto serve a mantenere sotto controllo il livello di zucchero nel sangue, ma al tempo stesso è necessaria ad apportare tutti i nutrienti per mantenere l’organismo in uno stato di buona salute.

Un corretto regime alimentare serve a tenere sotto controllo la glicemia, che è appunto la concentrazione dello zucchero (glucosio) nel sangue e che in un individuo non diabetico ha valori che oscillano tra i 60 e i 140 mg/dl giornalmente.

Contrariamente a quanto si possa pensare, per tenere sotto controllo la glicemia non si devono eliminare i carboidrati dalla dieta, poiché essi sono la “benzina” che utilizziamo affinché la “macchina organismo” funzioni correttamente, ma bisogna sceglierli e abbinarli in maniera appropriata, stando attenti anche al metodo di cottura.
E’ importante privilegiare alimenti a basso indice glicemico (l’indice glicemico è la velocità con cui il livello di zucchero nel sangue aumenta dopo aver mangiato carboidrati), quindi, ad esempio, è importante scegliere pasta e pane integrale rispetto alla pasta bianca o alla pasta fresca, riso basmati, verdure di stagione crude, pesce, uova, frutta secca e stare attenti alla cottura. La cottura prolungata causa una trasformazione dell’amido che diventa più facile da assorbire, quindi è bene cuocere la pasta al dente e non cuocere mai troppo le verdure, che con una cottura eccessiva perdono anche le loro importanti caratteristiche nutrizionali.

I vari tipi di carboidrati non vanno mai associati nell’arco di uno stesso pasto (mai mangiare insieme pasta, pane, patate, cereali; al massimo dopo pranzo si può mangiare un frutto abbinato a un altro carboidrato) ed è buona regola associarli a tavola con fibre, che rallentano il tempo di transito gastrico con riduzione della velocità di assorbimento degli zuccheri assunti, proteine (uova, pesce, formaggi, carne) e grassi (ovvero grassi buoni, soprattutto olio extravergine di oliva).

Quando si consumano alimenti ad alto indice glicemico (dolci, pasta bianca, ecc.) la glicemia sale di più e più in fretta, viene prodotta più insulina dalle cellule del pancreas con conseguente calo glicemico, che genera un fortissimo senso di fame subito dopo un pasto ricco in questo tipo di alimenti e spinge a mangiare e a ingerire altro cibo e, quindi, altre calorie (da qui sovrappeso, obesità, aumento del girovita). Con il tempo si crea un sovraccarico di lavoro per il pancreas che può portare inizialmente a insulinoresistenza e in seguito al diabete.
Per mantenere un buon metabolismo energetico nel nostro organismo oltre a un regime alimentare corretto è importante associare una regolare attività fisica, ridurre lo stress quotidiano e dormire regolarmente di notte almeno 6-7 ore.

(A cura della dottoressa Simona Stega,
biologa nutrizionista
Contatti: 349.8747556)

Giornata mondiale del diabete, i consigli alimentari un corretto stile di vita ultima modifica: 2017-11-13T10:31:42+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi