Foggia

Amministrative Foggia, Farina e Mainiero: Forza Italia faccia chiarezza

Di:

L'ex assessore provinciale Mimmo Farina (st)

Foggia – “FORZA Italia ha il dovere di uscire dall’equivoco, formulando in maniera più chiara la propria posizione rispetto al percorso per l’individuazione del candidato sindaco della coalizione di centrodestra alle prossime amministrative di Foggia”. È l’appello che Domenico Farina e Giuseppe Mainiero, rispettivamente portavoce provinciale e cittadino del movimento politico ‘Fratelli d’Italia-Centrodestra Nazionale’, rivolgono al coordinatore provinciale di Forza Italia, Franco Landella, all’esito del secondo incontro dei partiti e dei movimenti che si riconoscono nell’alleanza di centrodestra per esaminare la situazione della città di Foggia.

“La riunione tenuta nel pomeriggio di lunedì –spiegano Farina e Mainiero– ha ribadito i concetti già espressi nel precedente incontro: dalla necessità di una accelerazione dei tempi per la definizione della piattaforma programmatica sino alla ricerca di un nome intorno al quale realizzare la sintesi della diverse sensibilità dell’alleanza, in assenza della quale celebrare le elezioni primarie per la scelta del candidato sindaco migliore. A ‘Fratelli d’Italia’ è stato infatti affidato il compito di elaborare una bozza di regolamento per le primarie da sottoporre all’attenzione del tavolo della coalizione nella riunione del 31 gennaio”.

“Inspiegabilmente, però, nel resoconto del vertice di lunedì scorso questo tema è stato ridotto ad una sorta di appendice, con tanto di precisazione relativa al fatto che le elezioni primarie andrebbero sostanzialmente scongiurate a tutti i costi –proseguono i dirigenti di ‘Fratelli d’Italia’–. Un atteggiamento francamente incomprensibile ed equivoco, che Forza Italia ha il dovere di chiarire. Se il 31 gennaio il tavolo della coalizione non dovesse raggiungere la sintesi intorno ad un nome condiviso sarà dato immediatamente il via libera alle primarie oppure, pur di scongiurarle come se fossero uno spettro, la trattativa tra le forze politiche proseguirà ad oltranza? È questa la domanda che poniamo a Franco Landella, nella sua qualità di coordinatore provinciale del partito di maggioranza relativa della coalizione, e dal quale ci aspettiamo una risposta esaustiva, perché la metodologia operativa a nostro avviso è questione dirimente”.

“Non ci stiamo a dipingere le elezioni primarie come una specie di fantasma da allontanare con tutte le forze –sottolineano Farina e Mainiero–. Non possiamo aderire ad una corrente di pensiero che tende a rappresentare la partecipazione diretta del popolo del centrodestra alla selezione della classe dirigente come un fastidioso ‘impiccio’”.

“È di tutta evidenza che per ‘Fratelli d’Italia’ l’unità dell’alleanza è un valore da difendere e preservare, soprattutto in vista di una sfida così delicata e difficile come quella per la conquista del Comune di Foggia. È altrettanto evidente, però, che non saremo favorevoli ad un dilatamento dei tempi: se il 31 gennaio non dovesse raggiungersi la condivisione su un unico nome e se in presenza di questa mancata sintesi il tavolo della coalizione non dovesse immediatamente dare il via libera alle primarie ‘Fratelli d’Italia’ valuterà la propria permanenza all’interno dell’alleanza –concludono i dirigenti ‘Fratelli d’Italia’–. Questa fase politica esige trasparenza, democrazia, partecipazione ed inclusione, non un ritorno ai vecchi riti oligarchici”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi