Foggia

S.Onorati, “Asl Foggia, spariti i ricettari”

Di:

Ricettari medici (st - archivio - fos)

Foggia, 14 Gennaio 2014 – ALLA A.S.L. della provincia di Foggia, da oltre un mese, scarseggiano i ricettari, quelli che servono ai medici per prescrivere i farmaci e le prestazioni specialistiche. La causa della carenza dei preziosi blocchi di carta bianca e rossa sarebbe riposta in una errata programmazione della stampa rispetto al fabbisogno. Cose che possono succedere.

Viene quindi chiesto ai medici di famiglia di fare un sacrificio : andare a ritirare pochi ricettari per volta, così quei pochi ricettari rimasti, possono essere distribuiti a tutti i medici, senza dare disagio ai cittadini. I medici di famiglia così sono costretti a recarsi presso la ASL anche un paio di volte a settimana per evitare disservizi. Tutto questo in attesa che si arrivi alla metà del mese di Gennaio, epoca prevista per il rifornimento definitivo dei ricettari. Tanta pazienza e tanti sacrifici per evitare disagi all’utenza!

Questa situazione, però, oggi rischia di diventare grottesca. Giunge, infatti, notizia alla scrivente organizzazione sindacale che questa mattina nel Distretto di San Severo era in distribuzione un ricettario per medico al giorno! Siamo quindi giunti alla … tessera ed al razionamento per il ritiro dei ricettari ? E’ questa una situazione che non può essere tollerata.

Non si può far pagare il disservizio, a questo punto, ai medici di Medicina Generale, che hanno compreso la situazione e, con spirito collaborativo, si sono adeguati, per non creare disagi agli utenti che ogni giorno afferiscono agli ambulatori di Medicina Generale, ma il limite pare essere stato oltrepassato! Un ricettario per medico al giorno significa spesso non riuscire a far fronte nemmeno al fabbisogno minimo di prescrizioni. Cosa fare allora?

Abbiamo scelto la strada di rendere edotta della grave emergenza la pubblica opinione, perché si sappia tempestivamente che la situazione potrebbe precipitare nei prossimi giorni ed i medici potrebbero vedersi costretti, loro malgrado, a compilare prescrizioni sui propri ricettari personali, con le conseguenti successive difficoltà da parte dei cittadini di richieste di rimborso delle spese per farmaci e prestazioni al Servizio Sanitario Nazionale. Il disagio non è stato creato dai medici di famiglia, ma al momento sono gli unici a pagarne le conseguenze e questo è francamente inaccettabile!

(Comunicato stampa a cura dottor Salvatore Onorati, Segretario Provinciale F.I.M.M.G. – Sezione Provinciale di Foggia)



Vota questo articolo:
1

Commenti

  • In altre realtà e regioni italiane i ricettari rossi sono soppiantati da semplici prescrizioni su carta intestata del medico e tutto il resto che viaggia sulla rete, informatizzato in relazioni e connessioni farmacia-medico curante-ASL.
    Forse, questa penuria di ricette rosse non è venuta per caso, forse ha il senso di invitare a riflettere chi governa la cosa pubblica se non sia venuta l’ora e se vi siano le possibilità di accendere questa nuova via verso un migliore servizio al cittadino.
    Personalmente ho partecipato alla prima informatizzazione della ASL e alla seconda dell’Ospedale di Foggia già sganciato dalla ASL e affermo che tutto è possibile:
    basta volerlo.
    Gustavo Gesualdo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi