Foggia
"Attribuisco grande importanza alla discussione in Aula delle interrogazioni e delle interpellanze"

Foggia, Miranda: in Consiglio il progetto Moldaunia

"Il Consiglio affronterà la questione della mobilità cittadina"

Di:

Foggia – IL presidente del Consiglio Comunale Luigi Miranda ha convocato il Consiglio Comunale in seduta straordinaria di 1^ convocazione mercoledì 18 febbraio 2015 alle ore 9.30. All’Ordine del giorno la richiesta di referendum consultivo all’Amministrazione Provinciale avente ad oggetto il distacco della Provincia di Foggia dalla Regione Puglia ai fini dell’aggregazione alla Regione Molise. All’Ordine del Giorno anche alcuni procedimenti ai sensi dell’art. 8 DPR 160/2010 ed il riconoscimento di n. 98 debiti fuori bilancio.

Il Consiglio Comunale è inoltre convocato in seduta straordinaria di 1^ convocazione venerdì 27 febbraio 2015 alle ore 9.30 per la trattazione del seguente Ordine del Giorno:
1) Interrogazioni ed interpellanze;
2) Mobilità urbana.

“Attribuisco grande importanza alla discussione in Aula delle interrogazioni e delle interpellanze – ha dichiarato il Presidente del Consiglio Comunale Luigi Miranda – perché è il momento in cui i rappresentanti dei cittadini possono segnalare problemi ed esercitare il loro potere ispettivo per chiedere al Sindaco o agli Assessori “i motivi o gli intendimenti della loro condotta in ordine ad una determinata questione”. Nella seduta del 27 febbraio p.v. saranno discusse, in particolare, 12 tra interpellanze ed interrogazioni presentate dai Consiglieri Comunali dal 09 dicembre 2014 all’11 febbraio 2015.

Nella stessa riunione il Consiglio affronterà la questione della mobilità cittadina, argomento sollecitato da un quinto dei Consiglieri Comunali ed inserito nell’Ordine del Giorno dei lavori nei tempi previsti dal Regolamento”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Antonello Scarlatella

    Questa e’una pura follia. Il molise, regione verso la quale nutro un affetto ed un amore particolare, sta’ attraversando un momento di profonda crisi. Non vedo quali possano essere i benefici di una fusione.
    Sono i nostri atteggiamenti affaristici non tesi allo sviluppo della capitanata ma al beneficio economico di pochi che dobbiamo cambiare.
    Concentriamoci sulle cose serie e non su queste sciocchezze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi