Foggia

Laricchia: ‘Schittulli, Emiliano, diamo un taglio a costi politica’

Di:

Bari – In una riunione di qualche giorno fa, abbiamo deciso tutti insieme che i candidati portavoce M5S sin dal primo giorno si dimezzeranno lo stipendio, che dagli attuali 11.100 euro sarà abbattuto sino ad un tetto massimo di 5.000 euro lordi. Tutte le spese rimborsate non effettivamente sostenute dai nostri consiglieri M5S non verranno incassate e vogliamo che i cittadini possano controllare, nel massimo della trasparenza, le spese compiute dai consiglieri regionali. Le eccedenze avranno una pubblica destinazione e dunque ritorneranno nelle tasche dei cittadini.

L’obiettivo sarà quello di riuscire ad aiutare le imprese, creando reddito e posti di lavoro anche in Puglia come ad esempio sta già accadendo in Sicilia. Sinora sono state 23 le imprese siciliane finanziate, con 555.000 euro erogati. Infine, noi del M5S Puglia rifiuteremo i rimborsi elettorali, facendo seguito alla decisione presa dagli italiani con il Referendum del 1993, e verrà posto un freno ai politici di professione, imponendo il limite massimo dei due mandati per qualsiasi incarico.

Con questi provvedimenti vogliamo rispettare la volontà di 20.000 pugliesi che due anni fa hanno sostenuto con le loro firme una proposta di legge nota con il nome di Zero Privilegi Puglia, una proposta con la quale i cittadini chiedevano semplicemente un po’ di sobrietà alla politica regionale; proposta che come era prevedibile fu bocciata all’unanimità senza neanche farla passare, come prevedono i regolamenti, dalla competente commissione. E così i nostri politici si sono tenuti indennità da oltre 10 mila euro al mese, assegni di fine mandato da centinaia di migliaia di euro e vitalizi (anzi ora le chiamano pensioni) di cui possono beneficiare dopo soli cinque anni di “fatiche” sulle poltrone regionali, cosa assolutamente impensabile per qualsiasi altro lavoratore italiano.

Oggi vogliamo invitare, tutti i candidati delle altre forze politiche ed in particolare i candidati di centrodestra e di centrosinistra Schittulli ed Emiliano ad emulare la nostra iniziativa, riducendosi lo spropositato stipendio e chiedendo ai loro candidati consiglieri di fare altrettanto, se possiamo farlo noi che non abbiamo certo i fondi che i politici e i partiti hanno accumulato in questi anni, pensiamo che con un po’ di buona volontà possano farlo anche loro.

Facciamo in modo che l’intera classe politica pugliese mandi un segnale di concreta vicinanza ai cittadini in questo periodo di crisi che stiamo attraversando. Schittulli, Emiliano, siete pronti a passare dalle parole ai fatti? Fate come noi, #TagliateviLoStipendio.

(comunicato stampa)



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • cittadino libero

    Ma possibile che non avete altro da proporre ai cittadini, i vostri programmi dove sono? Parlate di dimezzamento dello stipendio rinunciate anche alla pensione ex vitalizio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi