Capitanata
A firmare l’accordo per il Comune di Apricena è stata l’Assessore alle Politiche Sociali Agata Soccio

Lavoro minimo e cantieri cittadinanza, firmata intesa regionale

Soccio: “Misura che si innesta nelle importanti politiche sociali da noi già attuate”

Di:

Apricena – IL Comune di Apricena aderisce al protocollo di intesa “Lavoro minimo di cittadinanza e cantieri di cittadinanza”, misura che prevede la realizzazione di progetti pubblici che permettano di dare occupazione e respiro a persone fuori dal mondo del lavoro. Si tratta di un’intesa siglata tra Regione Puglia, Provincia di Foggia, Camera di Commercio, Comuni della provincia di Foggia e le segreterie provinciali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl. A firmare l’accordo per il Comune di Apricena è stata l’Assessore alle Politiche Sociali Agata Soccio. Presenti alla firma del protocollo l’Assessore Regionale alle Politiche del Lavoro Leo Caroli, il Presidente della Provincia di Foggia, Francesco Miglio, il Vicepresidente Rosario Cusmai, il Presidente della CCIAA Fabio Porreca e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali.

“Come Comune di Apricena – commenta l’Assessore Soccio – abbiamo aderito con convinzione a questo protocollo, consapevoli che si tratta di misure temporanee che forniscono sostegno a breve termine. La Regione, come confermato dall’Assessore Caroli, ha stanziato 4 milioni di euro per l’intero territorio pugliese. Si tratta di una somma comunque limitata, che consentirebbe ad Apricena di attivare progetti per poche migliaia di euro”. “Salutiamo dunque con favore questa iniziativa – va avanti l’Assessore – che è molto simile all’istituzione delle Borse Lavoro, da noi portata avanti sia nel 2012 che in questo primo scorcio di Amministrazione Potenza”.

“Apprezziamo lo sforzo della Regione – sottolinea il Sindaco Antonio Potenza – che, se dovessimo accedere al bando regionale in uscita, contribuirà parzialmente agli sforzi che noi abbiamo già intrapreso come Comune. Va sottolineato, infatti, che la nostra Amministrazione, per il solo 2015, ha impegnato fondi comunali pari a 150mila euro, dieci volte superiore, in proporzione, allo stanziamento regionale. Una scelta che – conclude Potenza – testimonia la nostra attenzione al problema occupazionale e che rivendichiamo con orgoglio”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Piero

    È uno scherzo di carnevale?…La vostra attenzione al problema occupazionale ??!…e che posti di lavoro avreste creato,?!!
    Si forse vi riferite al problema occupazionale dello staff…
    Ah!…allora…si ..avete creato posti di lavoro…

  • sintesi:
    per pochi danari e carichi di lavoro pesanti i candidati a detti cantieri dovrebbero assumere i carichi di lavoro dei parassiti pubblici benpagati e stratutelati.
    L’elemosina fatela ai politici e ai burocrati:
    i cittadini meritano ben altro trattamento che questo raggiro.
    Per non parlare del voto di scambio ipotizzabile nelle prossime elezioni regionali.
    La casta è mafia nello stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi