Manfredonia
Storica emittente radiofonica della città

Radio Manfredonia Centro: il nuovo sito è on – line

Nuova veste grafica e programmazione curata da Roberto Trotta, dell'Agenzia Upping

Di:

Manfredonia. DA stamani, 14 giugno 2016, è on – line il nuovo sito di Radio Manfredonia Centro, storica emittente radiofonica della città, fondata nel luglio 1978 da Antonio Guerra. Attraverso la nuova veste grafica e la programmazione curata da Roberto Trotta, dell’Agenzia Upping , il sito di Radio Manfredonia Centro offre ai suoi lettori la storia della radio, i programmi, la RMC chart, le voci, i podcast, e i contatti per raggiungere la Radio.

ASCOLTA Radio Manfredonia Centro

STORIA. L’avventura di Radio Manfredonia Centro comincia nel giugno del 1978, iniziarono le prove tecniche di trasmissione. Siamo nel periodo della Radio Libera, bisognava sperimentare, inventare e proporre. La mattina del primo Luglio 1978 apre ufficialmente Radio EMME (Emme come Manfredonia). Si tratta della seconda radio della città dopo Radio Puglia. Pian piano Radio Emme si guadagna una grossa fetta di pubblico grazie ad una programmazione musicale decisamente commerciale e alla portata di tutti. A fondare quell’emittente due ragazzi poco più che ventenni: Antonio Guerra e Vittorio de Filippo che, armati di grande entusiasmo ed entrambi grandi appassionati di musica, decidono di percorrere la stessa strada.

Erano in due all’inizio, ma ben presto arrivano altri collaboratori, tra i tanti ricordiamo Robin, Nico Troiano, Leo Angrisani, Matteo Guerra, Lilly, Melina Rinaldi, Vincenzo Di Staso e Guido. In seguito lo staff si arricchisce di tanti altri componenti accomunati tra loro dalla passione per la radio. Nella primavera del 1979 Radio Emme si unisce all’emittente televisiva locale Tele Manfredonia, e dal sodalizio nasce Tele Radio Manfredonia. Le cose però non vanno per il verso giusto e Antonio Guerra decide di abbandonare tutto e lasciare la sua creatura.

La Radio continua a vivere conservando la frequenza originale, i 103 MHz e lo stesso numero telefonico: il 27500, Il cambiamento, però, è sostanziale, si registra un evidente calo d’ascolto e di immagine. Con gli anni ’80 arriva una svolta decisiva, Antonio Guerra, a distanza di pochi mesi dalla vendita, rileva nuovamente la radio ritrovandosi tra le mani un’emittente moribonda.
Per prima cosa cambia il nome, ed ispirato dalla zona in cui era la sede della Radio, la battezza Radio Manfredonia Centro. Sempre identica è la frequenza: 103 MHz, il telefono risponde invece al 24150 (oggi 0884 584150) e gli studi trasferiti in Via Orto Sdanga, 6.

Al suo fianco Antonio trova ancora come suo principale collaboratore l’amico Vittorio De Filippo. Da quel momento la radio ricomincia a crescere, la capacità tecnica e gestionale di Antonio combinata con le competenze amministrative di Vittorio si rivelano fondamentali. Gli inizi degli anni 80 sono teatro di una nuova ondata di giovani speaker, nuovi programmi prendono il via, in questo periodo la famiglia della radio aumenta la sua consistenza con l’arrivo di altri collaboratori tra cui Jerry e Silvana, Anna Tammaro e Patrizia Salice. La Radio è una seconda casa per tutti!
In via Orto Sdanga Radio Manfredonia Centro diventa la radio più ascoltata della Provincia di Foggia; è il 1983, nel frattempo sono arrivate forze fresche e nuovi collaboratori, Giuseppe Azzarito, Michele Ionata, Antonio e Matteo Murgo, Francesco Catalano, Giuseppe Bettoni e tanti altri.

I programmi sono sempre più numerosi, con dj e speker sempre pronti ad introdurre novità. La radio cresce così il 1° Giugno del 1985 arriva il momento di inaugurare i nuovi studi, più grandi e più tecnologicamente avanzati in via San Francesco n.55 sempre a Manfredonia. Il 1985 è anche l’anno del ritiro di Vittorio De Filippo che lascia la radio a malincuore per motivi professionali. In qualche modo il cambio di generazione è avvenuto, a Francesco Catalano e ai fratelli Murgo si affiancano altri ragazzi di grandi capacità tra cui Alessandro Salinari, Stefano Landi, Vincenzo Racioppa, Giovanni Ognissanti, Barbara e Patrizia Basta, Maria Castriotta. La radio è nel cuore degli ascoltatori, si produce di tutto, intrattenimento, informazione, classifiche, interviste. Questo gruppo di nuovi collaboratori, dalla metà alla fine degli anni 80, si arricchisce di altre voci: Michele Milani, Ludovico Santiapaci, Annamaria Conoscitore, Mike Pereira, Giovanni Castriotta, Mariella Prencipe, Lolli De Cristofaro solo per citarne alcuni.

Nel 1988 si festeggia il decennale della radio sapientemente organizzato da Giovanni Ognissanti. Gli ascoltatori sono invitati alla premiazione degli speaker che avevano fatto la storia della radio. Presso il Lido-Discoteca Samoa vanno in scena i festeggiamenti, è un grande successo. Questo gruppo affiancato ad Antonio Guerra arriva fino alla metà degli anni 90, la radio si ascolta anche fuori dalla provincia di Foggia e tutto va per il verso giusto. Un ulteriore scatto generazionale porta in radio altri amici: Dino Mione, Rita Noviello, Marco Nisi, Tommaso Rinaldi, Matteo Prencipe, Michele Vigone e Grazia Salcuni, questi danno il loro contributo alla crescita costante e continua della radio. Collaborano a diverso titolo anche Grazia Cannata, Rita Trotta, Matteo Perillo e Dino La Torre, tutti giovanissimi. Intanto il vinile si usa sempre meno ed il compact disc fa irruzione e stravolge tutto, la qualità audio è sicuramente più stabile, anche la tecnologia cambia portando tutto lo staff ad adeguarsi sempre più alla nuova strumentazione.

Dalla fine degli anni 90 fino agli anni 2000 il sistema delle radio va in crisi, nuove regole, nuovi modelli di trasmissione, anche il cd diventa obsoleto e l’mp3 diventa il formato di trasmissione più comune. Il 2001 la radio e tutti i suoi componenti sono raggiunti dalla triste notizia della morte di Matteo Guerra, il nonno della radio. Lo show deve andare avanti ed altri personaggi si susseguono ai microfoni della radio al fianco di collaboratori storici. Nel giugno del 2008 dobbiamo dire addio anche al fondatore della Radio Antonio Guerra, una malattia incurabile se lo porta via. Riesce a festeggiare con noi i 29 anni ma non il trentennale. Tutti quelli che l’hanno conosciuto bene lo portano nel cuore ma tutti devono essergli grati perché, insieme a Roberto Caterino, per tanti anni sono stati semplicemente LA RADIO.

*Ci scusiamo con tutti quelli che non sono stati citati, sono tantissimi lo sappiamo. Se, tra chi legge queste righe, ci sono amici che ha partecipato in qualche modo alla storia di Radio Manfredonia Centro possono aggiungersi contattandoci. In fondo anche la storia è un work in progress.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati