CapitanataSan Severo
A cura di Salvatore Fratello

San Severo, mister De Felice al passo d’addio?

Al momento De Felice, seppure fortemente legato al sodalizio giallogranata, pare intenzionato a prendere in considerazione le proposte che in questi giorni gli stanno arrivando

Di:

San Severo. Resta pieno di dubbi il futuro di Severo De Felice. Per l’allenatore del San Severo nelle ultime due stagioni, in questa prima fase dopo la chiusura del campionato (concluso con la seconda salvezza di fila), sono ancora tante le incertezze, prima tra tutte quella relativa alla panchina su cui siederà nella prossima annata. In questi due anni, il tecnico di Serracapriola è riuscito a condurre per ben due volte la nave in porto, ottenendo una doppia salvezza caratterizzata dalle poche risorse e dalle acque tutt’altro che tranquille. Nonostante la permanenza in D del San Severo sia stata assicurata soltanto dopo la finale playout vinta contro il Serpentara (un 2-2 che ha condannato i laziali), la sua squadra è stata tra quelle che hanno espresso il miglior calcio dell’intero girone H, tanto da raggiungere, ad un certo punto del campionato, un inaspettato sesto posto. Una serie inverosimile di infortuni, con una rosa già molto ristretta, ha poi fatto sì che i giallogranata scivolassero nei bassifondi della classifica; come detto, nonostante le 13 vittorie, i 58 gol fatti ed i 44 punti sul campo (senza i due di penalità i dauni avrebbero infatti conquistato la salvezza diretta), sono serviti poi i playout per mantenere la categoria.

Al momento De Felice, seppure fortemente legato al sodalizio giallogranata, pare intenzionato a prendere in considerazione le proposte che in questi giorni gli stanno arrivando, pronto per una nuova sfida, magari in mari meno burrascosi rispetto ai suoi primi due anni in Serie D.

(A cura di Salvatore Fratello, Redazione Stato Quotidiano.it)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati