Regione-Territorio

Premi per fideiussioni false, arresti a Roma e in tutt’Italia


Di:

Roma. I Finanzieri del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria di Roma, dalle prime ore della mattinata odierna, stanno eseguendo nella Capitale e in tutt’Italia un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma nei confronti di otto persone, delle quali una tradotta in carcere, quattro agli arresti domiciliari e tre destinatarie di misura interdittiva per esercitare attività d’impresa o ricoprire uffici direttivi in persone giuridiche.

Sono tutt’ora in corso perquisizioni nelle province di Genova, Torino, Cremona, Milano, Parma, Grosseto, Roma, Latina, Viterbo, Napoli, Benevento, Caserta e Bari, anche con l’ausilio dei reparti territoriali del Corpo. L’attività investigativa nasce dall’autonomo sviluppo di una segnalazione di operazioni sospette pervenuta nel 2016 al Nucleo Speciale Polizia Valutaria della Guardia di Finanza per la prevenzione ed il contrasto del sistema finanziario a scopo di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo, che ha svolto le successive indagini sotto la direzione del Gruppo Reati Societari della Procura della Repubblica di Roma.

In particolare, nel corso dell’approfondimento dei flussi finanziari sospetti, è stata individuata una società operante nel settore finanziario rappresentata legalmente da una “testa di legno” privo di fonti di reddito ufficiali, titolare di numerose partite IVA, parte delle quali relative a società fortemente indebitate. La conferma del ruolo di prestanome è stata ottenuta dagli inquirenti dopo aver sentito in atti i curatori fallimentari, succedutisi nel tempo, della società fallita; inoltre, uno dei due rappresentati legali della società fallita è stato anche l’amministratore di un’altra società che ha emesso polizze fideiussorie false nei confronti di Enti pubblici (queste ultime facilmente rinvenibili su internet per la loro caratteristica di pubblicità nei confronti di terzi), risultando però indicata da Banca d’Italia quale “Soggetto segnalato per garanzie rilasciate in assenza di abilitazione”.

E’ stata accertata, attraverso intercettazioni di conversazioni telefoniche, di e-mail e da approfonditi accertamenti bancari, l’esistenza di una collaudata e ben articolata associazione per delinquere, costituita da otto soggetti, da tempo impegnata nella costante gestione di società appositamente acquisite e, una volta avviate e fatte conoscere al “mercato”, al rilascio di polizze fideiussorie false in regime d’abusivismo finanziario per oltre quattro milioni di euro.

È stata individuata anche una fitta e complessa rete di ventiquattro “ausiliari esterni” degli intermediari finanziari, sparsi sull’intero territorio nazionale, utilizzati quali collaboratori delle finanziarie oggetto della presente indagine. In particolare, le prove raccolte hanno permesso di mettere in luce una complessa organizzazione, dedita all’emissione di polizze fideiussorie in assenza di autorizzazione, che si è avvalsa di strutture societarie di fatto amministrate e dirette da V.A. (alias S.A.), nato a Napoli (67 anni), destinatario della misura di custodia cautelare in carcere, in quanto capo, organizzatore e promotore dell’associazione per delinquere (con specifici precedenti penali e noto agli atti di questo Nucleo Speciale per esser stato coinvolto in attività d’indagine sulle false fideiussioni per l’iscrizione dei campionati di calcio delle squadre di calcio della Roma, Napoli, Cosenza e Spal), composta da:

1. D.A., nata a Napoli (44 anni), moglie del capo dell’associazione, con il ruolo di “tesoriere”; 2. D.D., nata a Napoli (39 anni), cognata del capo dell’associazione, “tenutaria della contabilità”; 3. C.S., nato a Roma (58 anni), “braccio operativo”; 4. F.A., nato a Genova il (58 anni), “procacciatore dei clienti”.

destinatari della misura degli arresti domiciliari;

5. D.C., nato a Roma (54 anni), “prestanome”; 6. M.L., nato a Roma (80 anni), “prestanome”; 7. P.P., nato a Napoli (58 anni), “prestanome”,

destinatari della misura interdittiva del divieto di esercitare attività d’impresa o ricoprire uffici direttivi delle persone giuridiche e d’imprese per la durata di anni uno.

L’attività condotta ha consentito di evidenziare l’esistenza sul territorio nazionale di un gruppo criminale, che a partire dal 2013 ha adottato modalità operative ben collaudate, ma soprattutto avvedute e scaltre, attraverso l’utilizzo di società costituite a tal fine e dismesse dopo un periodo di operatività con il successivo trasferimento della sede all’estero, per essere sostituite da altre compagini sociali, in modo da rendere difficile eventuali accertamenti da parte dell’Autorità di vigilanza e incidendo pericolosamente sul corretto andamento dei mercati finanziari di riferimento.

A ciò si aggiunga che una vasta platea di beneficiari delle polizze emesse (privati, imprese, enti pubblici, nel caso specifico anche il comune di Firenze) è stata destinataria di garanzie che – nella quasi totalità dei casi – non avrebbero mai potuto trovare soddisfazione, ove ne fosse stata richiesta l’escussione, in virtù dell’assoluta inconsistenza patrimoniale delle società emittenti. Per questo motivo gli intermediari abusivi scoperti avevano un breve ciclo di vita, durante il quale i responsabili dell’attività, anche grazie alla rete di “ausiliari esterni” presenti sul territorio, hanno immesso sul mercato nazionale diverse migliaia di polizze fidejussorie destinate a rimanere solo dei pezzi di carta. Agli indagati è stato contestato anche il reato di autoriciclaggio, introdotto nel nostro Ordinamento dal 01.01.2015 (art. 648-ter 1 C.P.), poiché i proventi illeciti dell’abusiva attività finanziaria, individuati in 772.238,68 euro nel periodo interessato dalle indagini, sono stati trasferiti su conti italiani ed esteri intestati a n. 14 società, riconducibili al capo dell’associazione, con sede in Italia, Malta ed Inghilterra.

Premi per fideiussioni false, arresti a Roma e in tutt’Italia ultima modifica: 2017-06-14T16:36:32+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi