Manfredonia
A cura di Pino Delle Noci

Manfredonia: Ospedale di Base

Con Decreto Ministeriale 70/2015 è diventato operativo il Regolamento per gli Standard Ospedalieri

Di:

Pino Delle Noci (ST)

Pino Delle Noci (ST)

Il documento licenziato dal Ministero della Salute nel 2012, che definisce le condizioni per garantire livelli di assistenza ospedaliera omogenei nel territorio nazionale, è stato inviato alla Conferenza StatoRegioni con l’obiettivo di portare i posti letto ospedalieri agli standard di 3.7 posti per 1000 abitanti comprensivi dello 0.7 per riabilitazione, lungodegenza e un tasso di ospedalizzazione ottimale del 160 per mille abitanti.

Con Decreto Ministeriale 70/2015 è diventato operativo il Regolamento per gli Standard Ospedalieri. Il regolamento prevede, tra l’altro, tre tipi di presidio ospedaliero: Presidio di Base, 1° livello e 2° livello. Manfredonia rientra nel Presidio di Base con bacino di utenza 80.000 150.000 abitanti. I Presidi di Base devono essere dotati di Pronto Soccorso, Medicina interna, Chirurgia generale, Ortopedia, Anestesia e servizi di supporto in rete di guardia attiva e/o in regime di pronta disponibilità sulle 24 ore (h.24) di Radiologia, Laboratorio, Emoteca. Devono essere dotati, inoltre, di letti di “Osservazione Breve Intensiva”.

Ad oggi, l’ospedale San Camillo De Lellis, non è dotato di strutture funzionanti previste dal DM n. 70/2015. Con deliberazione di Giunta Regionale n. 161 del 29 febbraio 2016, è stato varato il Regolamento Regionale: “Riordino Ospedaliero della Regione Puglia ai sensi del D.M.70/2015 …”.

Nelle premesse, tra le righe della delibera è scritto: “… La ratio della legge è quella di ricondurre le strutture ospedaliere dentro un regime gestionale che coniughi efficienza economica, alti volumi, adeguata qualità e la migliore sicurezza delle cure…”. A questa affermazione, dopo l’elencazione di una serie di buone intenzioni, si pone la solita condizione: “… Alla luce di quanto sopra esposto e in applicazione del suddetto D.M. 70/2015 nonché della Legge di Stabilità 2016, la Regione Puglia intende rivedere l’intera offerta sanitaria, sulla base della domanda di salute della popolazione residente e quindi dell’analisi epidemiologica, dettagliatamente riportata nella relazione predisposta da A.Re.S. Puglia, che contempli…” . La solita manfrina per dire che tutto è da definire. Il regolamento è dotato di una tabella nella quale Manfredonia rientra nella classifica HB, cioè Ospedale di Base.

Nel frattempo però, che la Regione Puglia rivedera l’intera offerta sanitaria, sulla base della domanda di salute della popolazione residente e quindi dell’analisi epidemiologica, dettagliatamente riportata nella relazione predisposta da A.Re.S. Puglia, si cerca di demolire qualche strutture ospedaliera. Manfredonia sembra essere tra queste. Se così non fosse si sarebbe dovuto emettere bandi di concorso per l’assunzione definitiva, a tempo indeterminato, di tutto il personale medico occorrente per la gestione dei reparti attivi e necessari alla struttura classificata opedale di base della nostra città. Per l’ortopedia di Manfredonia questo non è stato fatto e, nel frattempo uno, dei tre medici che garantivano il servizio, vincitore di concorso, ha preso altra destinazione. In questo modo si è sancita la chiusura dell’ortopedia a Manfredonia. A seguire, in futuro, e per gli stessi motivi, assisteremo alla chiususra della chirurgia generale e così via.

La strategia prende linfa sempre dalle stesse radici: lotta intestina per il potere che mette in secondo piano i servizi al cittadino. Impegnare quelle sinergie, atte a consentire l’efficentamento dei servizi, rimane un miraggio. Un miraggio provocato dal continuo vomito di dichiarazioni e finti diverbi tra politici, con scambio di accuse, giustificazioni e scaricabarile che nascono e si rimpallano dal livello locale a quello nazionale. La verbosità dei potenti si dissipa con la promessa di qualche bocconcino al politicante che finge di dimenarsi, mentre ai cittadini rimandono i disagi e le sofferenze.

Ogni cittadino di Manfredonia dovrebbe ricordare gli anatemi, dell’allora candidato alla presidenza della Regione Puglia Nicki Vendola, contro il suo predecessore Fitto sul modo di gestire la sanità. La rivoluzione e le promesse sulla sanità pugliese di Vendola fanno vibrare ancora i timpani dei manfredoniani: mai più lunghe liste d’attesa; portare le strutture sanitarie pugliesi a livelli di eccelelnza. Detto, non fatto ma lui s’è baccato dieci anni di Presidenza della Regione Puglia con tutti i vantagi e privilegi che ne conseguono.
I pugliesi e in modo particolare i Manfredoniani, con Fitto, Vendola e ora con Emiliano, l’unica cosa che hanno potuto canstatare è un continuo sfaldamento della sanità pubblica a favore di quella privata che, oltretutto, non offre servizi migliori. Per avere la grazia di una diagnosi e/o di un ricovero bisogna ricorrere a costose visite mediche private e in nero; semmai dallo stesso personale medico e nella stessa struttura della sanità pubblica. Per un qualsiasi esame diagnostico e/o visita specialistica si è costretti a lunghissime liste d’attesa nella sanità pubblica ma il giorno dopo in quella privata. Questo poi, condito con il rincaro della tassazione per una sanità che non funziona, costrigge il cittadino a servirsi di strutture private. E’ la tecnica sbrigativa per abolire il pubblico a favore del privato.

La partitocrazia, piuttosto che praticare un taglio drastico al sistema corruttivo, strumento a favore di parenti, amici e compari, continua a vessare i cittadini con tasse, ticket e contributi vari che non eliminano i disservizi. Se tutto questo poi viene condito con un sistema clientelare e nepotistico, in dispregio ad ogni valutazione di impegno professionale, dedizione e capacità, dove il merito è mero frutto di appartenenza, si comprende subito che il cancro è in fase metastatica. A conferma di questo è intervenuto anche l’otto luglio, con una dichiarazione all’Ansa su appalti e sanità, il procuratore aggiunto di Bari Lino Giorgio Bruno: “Troppo spesso la magistratura penale ha un ruolo di supplenza rispetto alle carenze delle pubbliche amministrazioni nelle attività di controllo per prevenire i fenomeni corruttivi. Ruolo al quale rinunceremmo molto volentieri”.

La politica che alimenta il sistema corruttivo, pregno di favori e mazzette, ha l’unico obiettivo di mantenere e gestire il potere. Demolre il pubblico e favorire il privato facilita l’operazione.
Per l’ospedale San Camillo De Lellis di Manfredonia, salvando qualche nicchia tutelata da qualche buon samaritano, l’eccellenza rimarra un miraggio fino a quando sarà consentito, con la complicita e l’indifferenza della partitocrazia, lo sciamare quotidiano di protetti nullafacenti per i corridoi della nostra struttura sanitaria pubblica.
Purtroppo, alla luce di questi macroscopici disservizi della nostra comunità, non passa inosservato l’impegno di chi, essendosi asseverato sommo difensore dei cittadini, spende il proprio tempo a curare più l’aspetto edonistico del mandato piuttosto che dare seguito all’impegno assunto con gli elettori.

(A cura di Pino Delle Noci, Manfredonia< 14.07.2016)



Vota questo articolo:
30

Commenti

  • Pensano solo a Energas e al calcio a Bari e Manfredonia


  • raffaele

    Ma nessun politico fa un gesto eclatante da attirare l’attenzione di Renzi ? chiamate l’indignato speciale o striscia la notizia se pensate che non vengano rispettati decreti ministeriali o delibere regionali…Forse così qualche preposto che dorme si sveglierà!!!


  • Michele

    Eccolo è uscito un altro esperto in sanità che sa tutto . Prima dove abitava all’estero. Ma per cortesia siamo seri e non strumentaliziamo il problema ospedale. Faccia il bravo, qui si parla della salute della gente .


  • Tuttologo

    Ma chi è questo Delle Noci che parla dei problemi dell’ospedale , perché parla solo adesso . Ma

  • Ostetricia deve riaprire


  • michele

    X Gino , chiedi a Delle Noci i REALI MOTIVI della chiusura dell’ostetrcia( se lo sa , ma ne dubito). Chiedigli di farlo riaprire visto che adesso a molto a cuore il problema dell’ospedale . Per correttezza ti dico che è impossibile .


  • Sorridi sei a Manfredonia: la città dei balocchi (Manfredonia : the land of toys)

    Nel Tarantino la popolazione ha montato proteste forti e manifestazioni con a capo i sindaci di Grottaglie. Qui non protesta nessuno neanche se radono al suolo la città, neanche se portano la tassazione al 100%, neanche se installano un centrale atomica in pieno centro, i politici lo sanno bene, e questo a loro fa molto comodo, perchè conoscendo la nostra indole, fanno sempre i pienoni nelle tornate elettorali e ci manovrano a loro totale piacimento. O qualcuno per caso lo osa mettere in dubbio? I comportamenti sociali di Manfredonia sono oggetto di studio da parte delle migliori università di sociologia americana, l’oggetto di studio è ***Manfredonia : the land of toys***.


  • MI FATE SCHIFO

    I pennivendoli locali della carta stampata parlano solo dell’energas che ha acquisito il 30% del Manfredonia calcio!!


  • Indignato

    CI STANNO CHIUDENDO L’OSPEDALE!!
    CI STANNO STROZZANDO DI TASSE!!
    CI VOGLIONO COSTRUIRE IL GRANDISSIMO DEPOSITO DI GAS PROPRIO QUI IN ZONA SISMICA E PROTETTA!! E SENZA IL PARERE PREVISTO PER LEGGE DELLA CITTADINANZA E AGENDO IN MODO SUBDOLO!
    HANNO INDEBITATO IL COMUNE PER DECINE DI ANNI!!
    SPENDONO MILIONI DI EURO IN OPERE INUTILI CHE NON PORTANO LAVORO TIPO PIAZZE E CORSI NUOVI SOLO PER AGEVOLARE CHI FA LO STRUSCIO!!!
    PERCHE’ CHIEDERE UN LAVORO COME ZERBINO DI BOTTEGA TI DEVI RIVOLGERE A LORO!!
    DEGRADO URBANO AL MASSIMO!!


  • Carmine

    Caro Delle Noci per completare le informazioni doveva scrivere cosa contiene il nuovo piano di riordino ( forse non lo sa) . Si informi prima . Visto che siamo bravi la informiamo noi :
    Cardiologia(di base con guardia attiva H24) PL 8
    Riabilitazione Cardiologica PL 4
    Chirurgia Generale PL 20
    Medicina Generale PL 24
    Riabilitazione Respiratoria PL 4
    Recupero e riabilitazione funzionale PL 20
    Ortopedia e traumatologia PL 16
    Psichiatria PL 15
    Gastroenterologia PL 10
    Lungodezenza PL 14
    Strutture senza posti letto :
    Anestesista e Rianimazione
    Dialisi
    Direzione Sanitaria
    Farmacia ospedaliera
    Medicina Trasfusionale
    Laboratorio di Analisi
    Pronto Soccorso
    Radiologia
    In realtà bisogna lottare per far attuare questo nuovo piano di riordino .


  • fitanza omino senza crianza

    Ha ragione Michele, esiste un solo tuttologo dei miei stivali e questi è Michele.


  • Antonello Scarlatella

    Mi fa piacere che qualcuno a Manfredonia ha capito che si parla solo di Energas, cambio tariffe pulmini, taglio cucito, facilitatori Ase ecc ecc.
    Non parliamo poi della sete spietata di giustizialismo. Pari ad un poliziotto o carabiniere che viene chiamato per intervenire ad una rapina in un supermercato ed invece di salvare il popolo si mette a fare un conflitto a fuoco con i rapinatori rischiando di ammazzare i civili.
    Nel mentre non si parla di ospedale, non si parla di progettualità inerenti all’agroindustria, turismo.
    Nel mentre non si chiede conto di progetti strategici inseriti in programma elettorale dal Sindaco, quali List e incubatore di impresa.
    Continuando di questo passo, questa città sarà abbandonata a vecchi e qualche bambino, forse con qualche puntatina estiva e natalizia da parte di Manfredoniani che per ragioni di sopravvivenza hanno dovuto migrare in altre città.
    Vergognoso chi attacca Pino delle Noci. Persona preparata, onesta che cerca di sensibilizzare con i suoi articoli ed i suoi messaggi l’opinione pubblica sugli orrori della politica tutta.
    Non siamo meritevoli di futuro.
    Cosa è cambiato da quando scrissi quest’articolo? Ve lo ripropongo di sotto per chi ha voglia di perdere 2 minuti del suo prezioso tempo.

    http://www.statoquotidiano.it/10/05/2015/manfredonia-ma-siamo-meritevoli-di-un-futuro/331509/

    Ed ora forza, con le offese e le critiche….Tanto ognuno pensa a se stesso in questa città e vorrebbe vincere contro la povertà, contro chi ci vuole togliere i servizi essenziali, con l’individualismo e con il protagonismo.


  • nessuno - meno di niente

    D’accordissimo con Scarlatella. Aggiungo solo che quando si riuniscono di nascosto certe persone dicono di noi “sipontini” che siamo una massa di stupidi senza cervello e che ci piace prenderlo nel….. e lo dicono anche quando ci sono forestieri particolari. Ci considerano omini senza cervello e quante risate si fannno!!


  • oscena messa in scena

    DOVE SONO I POLITICI SIPONTINI DOVE -STA IL SINDACO??? 60.000 ABITANTI NON VALGONO 1.000 PANETTONI E 300 MILA EURO AL CALCIO!!
    POLITICI SIPONTINI SIETE RIDICOLI NON USO ALTRI AGGETTIVI!! DAVVERO CREDERE DI PRENDERCI PER IL CULO TUTTI QUANTI! STATE AGEVOLANDO I GIUDA DEL MIRAMARE CONTINUANTA A FINANZIARE CALCIO E CAMPO SPORTIVO! QUESTA’ E’ LA VERITA! FALSI SIETE RIPUGNANTI!


  • michele

    Scarlatella , gli offfesi siamo noi . Non si può arrivare alla fine quando ormai è tutto deciso e proclamarsi padino in difesa dell’ospedale . Si parla senza conizione di causa solo per apparire . Chiedi ai cari politici volete aiutare l’ospedale , cambiate tutti coloro che stanno nella direzione sanitaria , non lo farannno mai e indovina il perché. Ha ragione chi dice che adesso sono usciti tanti troppi personaggi che sanno tutto della sanità , ma non hanno la minima idea di cosa fare per salvare l’ospeedale. Continuate pure a commentare in questo e solo in questo siete i numeri uno .


  • Nerone

    Cicero pro domo sua


  • Antonello Scarlatella

    Michele, è dal 2013 che si parla di chiusura dell ospedale. Se chi fa solo rumore dimentica di coinvolgere il popolo su questioni importanti OK.
    Leggi più Stato Quotidiano. Le informazioni vengono date costantemente. Scrivi su cerca ospedale di Manfredonia. Troverai decine di articoli a partire dal 2013 ed anche video molto interessanti.


  • Manfredonia ancora vittima sacrificale destinata a grandi tragedie e disastri?

    Sconcertante, scandaloso per come sono trattati i cittadini di Manfredonia.


  • Manfredonia ancora vittima sacrificale destinata a grandi tragedie e disastri?

    Tutto deciso…lo stesso messaggio che fanno circolare nei covi dei nullafacenti e della tifoseria.


  • Cocco Bello

    Il problema dell’ospedale è sempre stato uno solo come dice il detto : ” c’è chi ce mange i mulell e chi ce gell i dinde”


  • Manfredonia ancora vittima sacrificale destinata a grandi tragedie e disastri?

    Tutto deciso su Energas e Ospedale questo è il messaggio che vogliono far trapelare! Rassegnatevi non è colpa nostra SONO ALTRI CHE DECIDONO PER VOI E NOI NON CI POSSIAMO FARE niente! Questi sono i messaggi dei burattiani sipontini!


  • Michele

    Scarlatella lo so che dal 2013 si scrive sui problemi dell’ospedale , ma ti consiglio di leggere chi scriveva . sicuramente non chi lo sta facendo adesso che è troppo tardi . Le battaglie si fanno quando è il momento ed è rischioso , non quando sono già perse in partenza e non si rischia nulla. A buon intenditor poche parole.


  • Manfredonia violentata, stuprata, svilita e senza dignità

    Una città stuprata delle sue bellezze naturali, un territorio stuprato dal cemento inutile, una città stuprata dalla sanità, e ora che cosa manca per completare l’opera perfetta, il grande capolavoro: stupro del mare, fondali, arenili, territorio pregiato, i glorioso Miramare usato come cavallo di Troia per attuare il più grande stupro dopo l’Enichem! Non si può neanche più nascere qui!


  • .Manfredoniano assopito

    X scarlatella : vuoi i progetti di lavoro? Ma vai a fatigare ! Si vede che non conosci il lavoro con la lettera maiuscola,pensi che solo quello che fai tu si può chiamare così.E pensi che se avessi dei progetti te li vengo a portare a te ? Datti da fare anche tu per l’ospedale non fare come l’energas che sei scappato con la paura di farti ancora vedere con il professore Non scappare dai problemi . Non ci sono nella vita solo progetti .Fatti un esame di coscienza e pensa bene quale posizione devi prendere, sei una persona intelligente.


  • sipontino

    Sig. Delle Noci come ha potuto leggere il potragonismo non rende più. Per cambiare questo paese bisogna coinvolgere tutti i cittadini .


  • Antonello Scarlatella

    Per Manfredoniano assopito,
    è inutile dirti che uno che non si firma con nome e cognome non avrebbe diritto a dire a chi si firma “fatti un esame di coscienza”.
    Sicuramente non ho bisogno dei tuoi progetti. Tu non li daresti ne a me ne a nessuno. La tua filosofia è: “non regalo progetti per la città, diversamente non sono io che ho prodotto qualcosa di positivo ma altri.”
    Questo è il classico atteggiamento dell’italiano mediocre che non ha a cuore ne le sorti della propria città neppure il suo status economico.
    Per quanto concerne la paura che avrei di farmi vedere con il professore; io non ho paura di farmi vedere con nessuno. Non ho nemici da parte mia. Sono diverso da te. Se non la penso come Italo Magno non significa che come uomo non lo debba rispettare.
    Da ciò che scrivi si evince un’altra cosa. Forse secondo il tuo parere io starei cercando di salire su qualche carro. Che dirti anche questi pensieri fanno parte della mediocrità dell’uomo.
    La mia posizione? Caro amico o cara amica, non so se sei uomo o donna. Forse sei tu a non prendere posizioni che ti celi dietro un nick. Ovvio firmarsi è scomodo. Poi se capita l’occasione che hai bisogno di qualcuno rischi di isolarti e di non ricevere il favore di cui hai bisogno.
    Non prendo posizioni. Per me la destra e la sinistra oggi, equivalgono ad est ed ovest. L’unica posizione che prendo con coscienza è il voler un giorno far parte di un sodalizio capace di creare valore per la città.
    Certamente non ho nessuna intenzione di stare dalla parte dei protagonisti e di coloro che vogliono salire sul carro solo per spirito egocentrico.
    Tutte le tue barzellette di prese di posizione verso tizio o verso caio ricordatele quando i tuoi figli dovranno andar via da manfredonia per cercare lavoro. Raccontagliele a quei settantenni che per vedere i nipoti debbono farsi 10 ore di treno.
    Magari gli dirai: “invece di pensare al tuo futuro, ho pensato a correre dietro a chimere giustizialiste, ho pensato alle tariffe dei pulmini, ho dedicato 5 anni ad energas…. quindi ho pensato al tuo futuro” vediamo cosa ti risponderanno i tuoi figli, i tuoi nipoti.
    Sei il classico esempio del fallimento di questa città. Hai paura di qualificarti perchè magari speri in un lavoro, in un favore, o temi ritorsioni, pensi alle chiacchiere, non hai personalità perchè secondo il tuo parere se io voto a Tizio gli debbo giurare fedeltà ed essere sempre dalla parte sua anche se non sono d’accordo. Sei totalmente senza personalità.
    Continua a giocare a fare il burattino o la marionetta. Sicuramente lo puoi fare non mi stupirebbe che sei titolare di una pensione o di uno stipendio.
    Pensa ogni tanto se la tua intelligenza lo permette, ai lavoratori del contratto d’area, che gli stanno per pignorare la casa e da anni non percepiscono più redditi. Pensa ai centinaia di disoccupati mentre ti stai beatamente a consumare i tuoi pasti. Pensa anche alla vecchietta che se si rompe il femore dovrà andare a San Giovanni Rotondo, a Foggia, o Cerignola.
    Pensa. Se hai cervello.
    Ti saluto.


  • Antonello Scarlatella

    Manfredonia, 50 e oltre mila abitanti, con Monte Sant’Angelo e Mattinata, gli abitanti salgono a 63.000 chiudono l’unico ospedale pubblico.
    Ad Altamura, 70 mila abitanti apre un ospedale il 2014.
    Di sotto il link
    http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/home/544175/ospedale-della-murgia-l-apertura-ora-e-realta.html

    Poi ancora,

    http://www.liberoquotidiano.it/news/cronaca/1286015/sanita—regione-puglia–entro-2-anni-e-mezzo-cantieri-due-nuovi-ospedali.html

    poi ancora

    http://www.immediato.net/2015/10/22/puglia-piu-di-300-milioni-di-euro-per-due-nuovi-ospedali-da-qui-parte-il-riordino-della-rete/

    e noi pensiamo alle cazzate……..

    Lavoro opportunità:

    http://www.agevolazioni.puglia.it/primo-insediamento-2015-regione-puglia/

    http://www.pugliasviluppo.eu/it/

    http://svilupporurale.regione.puglia.it/

    Pensate a Pescara, alla giustizia che non avrete mai, pensate al passato cosi pregiudicherete il futuro, pensate alle tariffe dei pulmini, all’amministrazione comunale, alle lotte all’odio.

    Faremo molta strada.


  • fabio

    Ve lo meritate, vi meritate la classe politica da voi eletta per rappresentarvi.
    Vi meritate tutto.
    Vi meritate gente che non ha mai dico mai alzato un mozzicone di sigaretta da terra.
    Gente che vive di si non ti preoccupare ci penso io.
    Vi meritate tutto.


  • CICCIO

    Scarlatella scrivi solo romanzi ,ma non rispondi mai a ciò che ti si chiede , non è difficile capire il perchè. Quando parli di articoli e manifestazioni pro ospedale dal 2013 di sicuro non c’eri ne tu ne il professore ne il Delle Noci e nessun alrto di coloro che oggi con molta facilità (visto che non rischiano nulla) si ergono a paladini. Siete solo dei demagoghi e null’altro.


  • Stadio Miragas: il covo dei giuda sipontini

    Ce lo meritiamo tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati